Carini/TorrettaCronacaPartinicoTrappeto

Abusivismo in provincia. Carini prima per volume di abusi, Trappeto seconda nel rapporto metri cubi/abitante

Quasi 5.000 i casi in provincia di Palermo dal 2009 al 2017, colpiscono i dati registrati a Carini ed il rapporto abuso/abitante del piccolo comune marinano.

Lo studio condotto dall’Assessorato Regionale Territorio ed Ambiente sull’abusivismo edilizio nel periodo 2009-2017 parla chiaro: 26.764 casi nell’isola e provincia di Palermo al secondo posto dopo quella catanese con 4.927 abusi registrati.

Analizzando a fondo numeri e percentuali, emergono dati importanti per i comuni della provincia occidentale e del Golfo di Castellammare. Spicca Carini, seconda per numero di abusi con 518 casi registrati e prima per metri cubi abusivi con 137.724mc a cui seguono Bagheria con 71.510, Misilmeri con 70.648mc e Partinico con 63.160 metri cubi. Tra i comuni che si affacciano sul Golfo di Castellammare al primo posto per somma di volumi abusivi  c’è Terrasini con 37.300 metri cubi a cui seguono Borgetto con 22.010, Trappeto con 21.751 e Balestrate con 14.797 metri cubi.

Nel rapporto volumi/popolazione i dati si capovolgono tanto da portare Ciminna al primo posto in classifica con 11,18 metri cubi per abitante e Trappeto al secondo posto con 6,93 metri cubi/abitante. Un dato, quello trappetese, poco confortante se messo a confronto con la vicina Balestrate che si piazza 24.ma con appena 2.30 metri cubi per abitante.

Il comune guidato da Santo Cosentino si piazza al terzo posto della graduatoria stilata dai tecnici della Regione sulla base dei metri cubi di abuso per abitazione occupata dai residenti, classifica è guidata ancora una volta da Ciminna, prima con 26.53 metri cubi a cui seguono Torretta con 16.82 e Trappeto – appunto – con 15.18 metri cubi di abuso per abitazione, anche in questo caso il piccolo borgo marinaro stacca notevolmente Balestrate, 22.ma con 5.60mc/abitazione.

Tags
Leggi intero articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button

Il Tarlo Caro lettore, abbiamo qualcosa di importante da dirti! Dal 1998 un gruppo di giornalisti e collaboratori lavora con passione al progetto de "Il Tarlo" per offrirti il meglio delle notizie locali. Se apprezzi il nostro impegno ti chiediamo di mettere un like alle nostre pagine Facebook e Twitter!

close-link
Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker