Balestrate. Salta approvazione del bilancio, la minoranza : “E’ finito il tempo dei selfie, serve lavoro e responsabilità”

In un comunicato stampa il gruppo di minoranza balestratese “Balestrate Partecipata” denuncia la chiusura – voluta dal sindaco Rizzo – del consiglio dello scorso 2 ottobre precludendo al consiglio di poter dibattere il Piano Triennale delle Opere Pubbliche e dunque di approvare il bilancio di previsione 2017.

Di seguito la nota della minoranza: Ancora una volta nell’ultimo Consiglio Comunale si è verificato l’ennesimo caso di incapacità amministrativa del Sindaco Rizzo; incapacità amministrativa che si traduce in scarsa responsabilità politica e amministrativa verso la comunità balestratese. – Dopo la sospensione del Consiglio Comunale di giovedì 28 settembre 2017, in cui il gruppo consiliare di Balestrate partecipata, aveva avanzato dubbi sulla congruità di somme inserite nel Piano Triennale delle Opere pubbliche, lunedì 2 Ottobre l’ennesimo caso di difformità; dopo i rilievi dei consiglieri del gruppo Balestrate partecipata sui vizi di forma della proposta deliberativa, il sindaco Rizzo ha dovuto proporre alla sua maggioranza di votare la chiusura del Consiglio Comunale senza poter approvare il Piano Triennale delle Opere pubbliche e di conseguenza discutere e approvare il Bilancio di previsione 2017.

In sintesi e in maniera chiara: il Piano Triennale delle Opere pubbliche è l’atto di indirizzo politico di un’amministrazione comunale per la realizzazione delle opere a godimento della comunità; il Sindaco Rizzo, senza un atteggiamento propositivo e critico, percorrendo la via più breve, sottopone all’approvazione del Consiglio Comunale il Piano Triennale delle Opere Pubbliche deliberato dall’amministrazione Milazzo il 13 Aprile del 2017. La proposta di deliberazione da sottoporre al Consiglio Comunale è una sorta di “copia e incolla” del Piano Triennale approvato della Giunta precedente; in questo “copia e incolla” saltano alcuni progetti di cui non è stato chiarito il vero motivo. Sta di fatto che il Sindaco Rizzo ha trasmesso al Consiglio Comunale una proposta di deliberazione “illegittima” per vizio di forma.

Il dato oggettivo è che il Sindaco non si rende conto degli errori sostanziali che impediscono al Consiglio comunale di procedere alla discussione e successiva approvazione del Piano Triennale delle Opere pubbliche; ma cosa ancora più grave è che la condotta irresponsabile del Sindaco Rizzo può bloccare, e di fatto lo fa, l’attività amministrativa a beneficio della città di Balestrate. Ma in ultima analisi la domanda è: il sindaco Rizzo davvero non si è reso conto, oppure non si è voluto rendere conto; o vi è qualcuno che lo consiglia male?

Ma ritornando alla cronaca del Consiglio Comunale di lunedì 2 Ottobre; a chiusura dei lavori, all’uscita del Palazzo di città, si sente un vocio: è l’ex sindaco Milazzo che rimbrotta per bene il suo delfino (il neo sindaco Rizzo) per la gestione irresponsabile del Piano Triennale delle Opere pubbliche e di conseguenza di tutta la sessione di bilancio. È ora che l’Amministrazione inizi a lavorare con responsabilità, perché la sua distrazione ha portato già al commissariamento del Comune di Balestrate sia per Bilancio di previsione 2017 sia per il Conto consuntivo 2016, atti entrambi di sostanziale importanza a garanzia del buon andamento dell’azione di governo della città.
È finito il tempo dei selfie, inizia il tempo del lavoro e della responsabilità!

Potrebbe piacerti anche Altri di autore