Castellammare del GolfoCultura/Eventi

Castellammare, il 16 il 17 aprile Via Crucis e “Stabat mater” di Giovanni Battista Pergolesi

Quarta edizione, martedì 16 aprile, per la “Via Crucis” rappresentazione tratta dal testo poetico dialettale dello scomparso professore Francesco Leone. Dedicata alla memoria del giovane farmacista Maurizio Bongiovanni, recentemente deceduto per una grave malattia, la rappresentazione inizierà alle ore 20 nella Chiesa Madre con il preludio che prevede i quadri dell’Ultima cena, la lavanda dei piedi e Gesù nell’orto degli Ulivi. Seguiranno le XIV stazioni: dalla I in cui Cristo è condannato a morte all’ultima in cui il corpo di Cristo è posto nel sepolcro. Organizzata dalla Parrocchia Maria Santissima del Soccorso (Chiesa Madre) guidata da Don Fabiano Castiglione, la manifestazione patrocinata dal Comune procederà fino all’arena delle rose in corso Bernardo Mattarella. Per regolamentare la circolazione stradale il 16 aprile dalle ore 18  fino al termine della manifestazione è previsto il divieto di sosta con rimozione ed il divieto di circolazione veicolare nelle vie: piazza Agliata, via Madrice, via G. Puccini, via G. Da Verazzano, via N. Nasi, corso B. Mattarella, via A. De Gasperi.

Altra manifestazione patrocinata dall’amministrazione comunale è il concerto per la celebrazione del venerdì santo per voci soliste ed organo “Stabat mater” di Giovanni Battista Pergolesi che si terrà mercoledì 17 aprile 2019, alle ore 20,30, nella chiesa di San Giuseppe, in via Chiesa nuova. Nel concerto ad ingresso libero si esibiranno il soprano Luciana Di Bella, il mezzosoprano Alessia Sparacio ed il maestro Sergio Mirabelli all’organo.  “Lo Stabat Mater (“Stava la madre”, dal latino) è una preghiera  cattolica del XIII secolo tradizionalmente attribuita al Beato Jacopone da Todi. La prima parte della preghiera è una meditazione sulle sofferenze di Maria, madre di Gesù, durante la crocifissione e la Passione di Cristo. La seconda parte della preghiera è una invocazione in cui si chiede a Maria di rendere partecipe del suo doloro e di quello di Gesù durante la crocifissione e la Passione”.

Leggi intero articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
close-link
Close