Edy Tamajo non risponde ai magistrati. E’ indagato per voto di scambio

Il neo deputato all’ARS tra le fila di Sicilia Futura Edmondo Tamajo si è avvalso della facoltà di non rispondere questa mattina davanti ai pm che lo avevano convocato per interrogarlo in merito alle indagini sul presunto voto di scambio che lo vedono protagonista.

L’uomo d’oro delle urne palermitane è indagato per associazione a delinquere finalizzata alla corruzione elettorale, secondo l’accusa – infatti – sarebbero bastati 25 euro per comprare un voto tanto da indurre nei giorni scorsi i magistrati palermitani a chiedere alla Guardia di Finanza di perquisire il comitato elettorale del politico.




Tamajo ha seguito il consiglio dei suoi avvocati Nino Caleca e Giovanni Castronovo, secondo il Giornale di Sicilia l’alfiere di Sicilia Futura avrebbe espresso la volontà di rispondere ai magistrati in quanto si ritiene estraneo alle contestazioni, tuttavia in un questo momento i legali hanno optato per il silenzio in attesa di conoscere ulteriori dettagli sull’inchiesta che vede coinvolto il loro assistito.

Potrebbe piacerti anche Altri di autore