Sversamenti notturni sul fiume Nocella, la denuncia dell’attivista Francesco Loria

Sono le 22.30 quando ci rechiamo sul Nocella dopo aver visto la diretta Facebook di Francesco Loria in cui si documentavano gli ennesimi sversamenti sul “fiume nero”, facendoci largo nell’oscurità notiamo un puntino luminoso, segno della presenza degli attivisti in riva alla foce, seguendo il fascio di luce incontriamo Francesco impegnato già da diverse ore – insieme agli altri attivisti Bruno Alioto, Eva Deak ed Alessio Tobya – a monitorare lo stato delle acque del fiume.

All’arrivo ci aspetta un’acqua torbida, “facile – direte voi – è notte!”, ma non si tratta del riflesso notturno sullo specchio d’acqua, provando ad illuminare il fondale con telefoni e torce di fortuna non otteniamo che il riflesso della luce sullo specchio d’acqua color vinile: “Nessun odore di scarico fognari – ci dice Loria – effettuando un prelievo a mani nude ho avuto modo di notare una certa viscosità dell’acqua, quasi come se fosse zuccherina”.




Segnalazioni sono state fatte alle autorità competenti ed alla Capitaneria di Porto, vani – invece – i tentativi di rintracciare i Vigili Urbani di Terrasini e Trappeto, intanto – mentre il rappresentante pentastellato al consiglio terrasinese Eva Deak provvedeva ad inoltrare decine di e-mail per segnalare l’ennesimo reato di inquinamento ambientale alle autorità ed ai sindaci di Trappeto e Terrasini, è arrivata la comunicazione proprio del primo cittadino Giosuè Maniaci che in un nota stampa comunica di aver inoltrato denuncia ai Carabinieri del Nucleo Operativo Ecologico, richiedendo un intervento urgente di verifica e di controllo.

“Nel denunciare – scrive il sindaco di Terrasini –  la gravità di questi ripetuti fenomeni di inquinamento ambientale, e per intraprendere le iniziative necessarie a bloccare questi scarichi abusivi, presumibilmente provenienti anche da insediamenti industriali e civili, che vengono illecitamente immessi nel torrente Puddastri e nel fiume Nocella e quindi nel mare antistante la zona di San Cataldo, si chiede un intervento urgente per porre in essere tutti gli atti e i controlli necessari al fine di verificare ed individuare l’esatta provenienza dei suddetti scarichi abusivi e gli eventuali responsabili di tali inqualificabili episodi”.

Potrebbe piacerti anche Altri di autore