Terrasini-Trappeto. San Cataldo: anche la politica locale promuove l’evento del 15 Aprile

Ultimi dettagli a San Cataldo prima del grande evento che, nelle intenzioni degli attivisti, vuol scrivere una nuova pagina di storia della Baia. Anche la politica terrasinese e trappetese sta dando grande risalto alla manifestazione con l’impegno, sui social e sulla stampa locale, di Sindaci, Assessori e Consiglieri.

Tra i più attivi certamente il primo cittadino di Terrasini Giosuè Maniaci che, come affermano dal movimento “San Cataldo Baia della Legalità”, ha offerto un grande sostegno da parte del Comune e della sua amministrazione dando il via libera ai lavori di ripristino della strada che porta alla chiesa di San Cataldo dal lato terrasinese.

Grande fermento anche a Trappeto dove la Giunta Comunale ha adottato con entusiasmo la manifestazione trovando, come per Terrasini, grande soddisfazione negli attivisti che hanno visto il supporto dell’amministrazione Cosentino in maniera trasversale: «Dal Sindaco al Presidente del Consiglio passando per l’Assessore Abano ed il consigliere Billitteri – affermano – tutti hanno dimostrato volontà di partecipazione e supporto».

Molto attivi anche i due protagonisti delle minoranze Maurizio Alfano e Salvatore Cutrò che sui social hanno invitato la cittadinanza trappetese a prendere parte alla manifestazione in maniera compatta e senza distinzione di casacca al fine di lavorare per un luogo dalla grandissima importanza storica e naturalistica, in tema di polemiche, sale quotidiano della politica trappetese, nota stonata è il silenzio fin qui manifestato dagli altri due consiglieri del fronte Vitale, su cui pare aleggiare l’accusa di voler intenzionalmente snobbare l’evento, in questo caso i social evidenziano l’assenza di una voce importante come quella del consigliere Randazzo, virtuoso Assessore all’Ambiente dell’amministrazione guidata da Giuseppe Vitale, in molti da qualche giorno si chiedono come mai proprio da Randazzo che tanto si è speso con abnegazione e zelo nei suoi anni in assessorato non sia ancora arrivato lo sprono ai cittadini.

Polemiche e dinamiche che interessano poco agli attivisti di San Cataldo, che se da un lato non possono che apprezzare l’attenzione della politica locale per la Baia, dall’altro continuano incessantemente nel definire tutti i particolari della manifestazione a cui parteciperà anche La Turistica Trappetese e che vedrà, tra l’altro, un performance di street art grazie alla partecipazione dell’artista Benny Vitale che decorerà l’imbarcazione trasformata in panchina-fioriera davanti all’antica chiesa della Baia di San Cataldo. Due targhe, infine, sorgeranno sul lato terrasinese e su quello trappetese di San Cataldo, i due Comuni, infatti, hanno deciso di installare una piccola segnaletica per turisti e viandanti che si imbatteranno negli scenari mozzafiato della baia, su entrambi i lati – a quanto pare – verrà evidenziata l’importanza naturalistica e storica di San Cataldo.

Potrebbe piacerti anche Altri di autore