Il torrone alle mandorle: uno dei dolci tipici delle feste

Il torrone morbido di mandorle è uno dei dolci tipici natalizi, diffuso in molte regioni d’Italia e in Europa.

Storicamente, infatti, troviamo il torrone anche Spagna e Francia, grazie all’influenza araba che presentava un dolce simile anche se con un nome diverso e più somigliante ad un croccante.

Il termine provenga dal latino “torreo” (abbrustolire) o “torrere” (tostare) con riferimento alla tostature delle mandorle e delle nocciole.

Varie le teorie sull’origine del dolce: una di queste sostiene che già in alcuni scritti dellos torico Tito Livio, si parla di una preparazione mista di albume, mandorle e miele.

Un’altra ipotesi, abbastanza accreditata, risalente al XI sec e facente riferimento al trattato De medicinis et cibis semplicibus , darebbe la paternità del torrone agli arabi, i quali avrebbero lo avrebbero importato forse dalla Cina e diffuso in particolare nel Mediterraneo

Nel ‘500 si inizia a citare il torrone in svariate opere italiane di cucina, come per esempio il Messisbugo.

Nel ‘900, invece, a preparare il torrone erano i mastri fornai al termne della lavorazione del pane.

Oggi le diverse varianti regionali della ricetta possono essere a base di pasta più o meno morbida, arricchita con frutta secca, fichi, erbe, spezie, scorze di agrumi o cioccolato.

Ma come si prepara il torrone morbido?

INGREDIENTI: 350gr di mandorle sbucciate; 30 gr di albume; 210 gr di zucchero; 120 gr di miele; 60 ml di acqua; 2 fogli di ostia.

Procedimento:

  1. tostate le mandorle in forno ad una temperatura di 120°; successivamente tritatene una parte;
  2. predisponete i due fogli di ostia in una teglia (8 x 24 cm), che fungerà da stampo;
  1. montate a neve gli albumi con 30 gr di zucchero;
  2. Versate lo zucchero rimanente in un pentolino, aggiungete l’acqua e mettete sul fuoco: deve raggiungere la temperatura di 140-145°C.
  3. In un altro pentolino versate il miele e portate a temperatura di 125°C; successivamente Aggiungetelo a filo agli albumi senza smettere di sbattere fino ad incorporarlo perfettamente. Aggiungete al composto lo sciroppo di zucchero a filo continuando a montare fino che il liquido è incorporato;
  4. infine unite le mandorle e versate il composto nella teglia, coprite con l’altro foglio di ostia e livellate con le mani. Dopo averlo fatto raffreddare, riponetelo in frigo per 12h.

Potrebbe piacerti anche Altri di autore