6 gennaio Il giudice statunitense respinge la richiesta di Trump di ritirare le accuse di istigazione

WASHINGTON, 18 febbraio (Reuters) – L’ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump venerdì non ha respinto le accuse di aver istigato l’attacco del 6 gennaio 2021 al Campidoglio degli Stati Uniti.

A lungo Giudizio scrittoIl giudice Amit Mehta della Corte distrettuale degli Stati Uniti per il Distretto di Columbia ha affermato che tre casi che coinvolgono democratici e due agenti di polizia potrebbero continuare a essere ascoltati.

Mehta ha accettato di rimuovere il consigliere Trump Rudy Giuliani e il figlio maggiore di Trump, Donald Trump Jr., dall’elenco dei coimputati.

Iscriviti ora per l’accesso gratuito illimitato a Reuters.com

Dal caso della Corte Suprema del 1982, i presidenti sono stati protetti o difesi da azioni legali per le loro azioni ufficiali.

Mehta ha stabilito che il discorso infuocato dell’allora presidente prima dell’attacco al Campidoglio non rientrava nell’ambito dei suoi doveri presidenziali ufficiali e ha stabilito che Trump non era esente dall’accusa.

“Rifiutarsi di esentare un presidente dai danni civili non è un’impresa da poco. La corte è ben consapevole della gravità della sua decisione”, ha stabilito Mehta. “Ma i fatti presunti di questo caso sono senza precedenti e la Corte ritiene che la sua conclusione sia coerente con i motivi alla base di tale immunità”.

L’avvocato di Trump, Jesse, non ha risposto immediatamente a una richiesta di commento.

Trump e i suoi coimputati hanno sostenuto che i loro commenti prima degli attacchi del 6 gennaio erano un discorso protetto dalla Costituzione degli Stati Uniti.

READ  Il trailer di "Doctor Strange 2" con Charles Xavier e Evil Wanda

I legislatori democratici, inclusi i deputati statunitensi Eric Schwelle e Jerry Nadler, hanno emanato una legislazione promulgata nel 1871 per combattere il suprematista bianco Gu Klux Klan, che vieta l’intimidazione politica.

Le cause denunciano una cospirazione tra Trump e i ribelli per fermare la certificazione del Congresso della vittoria elettorale del presidente Joe Biden.

Mehta ha affermato che, indipendentemente dai meriti di quella teoria, i pubblici ministeri hanno dettagli sufficienti per scambiare prove e raccogliere prove e per procedere verso la scoperta.

“Da questi presunti fatti, è ipotizzabile che il presidente lo abbia fatto con l’intenzione di sabotare gli sforzi del legislatore per certificare i voti del collegio elettorale quando ha invitato i manifestanti a marciare verso il Campidoglio”, ha scritto Mehta. .

Joseph Sellers, un avvocato che rappresenta i legislatori democratici, ha affermato che la sentenza ha infranto il nuovo quadro giuridico e “dimostra la natura straordinaria del comportamento in cui è stato coinvolto il presidente Trump”.

Iscriviti ora per l’accesso gratuito illimitato a Reuters.com

Rapporto di Jacqueline Thompson a Washington e John Wolf a West Palm Beach, Florida; Montaggio di Howard Goller e Alistair Bell

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Stay Connected

0FansLike
3,601FollowersFollow
0SubscribersSubscribe
- Advertisement -spot_img

Latest Articles