BalestratePolitica

Balestrate Partecipata: “Cattiva gestione settore pubblico. Il Sindaco non si cura del bene comune”

Il coordinamento di Balestrate Partecipata attraverso un comunicato: “Il territorio appartiene a tutti, e tutti devono avere la possibilità di “viverci”, di investire e avere il giusto “guadagno”: è arrivato il tempo di disinnescare sotterranee volontà di sostegno monopolistico”



“Balestrate ha delle caratteristiche naturali ma non riesce a decollare, Balestrate ha un promettente tessuto produttivo sul versante turistico ma non ha le condizioni favorevoli per decollare, ma da anni più o meno sentiamo affermare ciò; è come lo studente che “sicuramente potrebbe fare di più”, che “si impegna, sì, ma potrebbe fare di più”. Però non si considera mai quanto i risultati dello studente dipendano dal docente”. Lo afferma il coordinamento di Balestrate Partecipata attraverso un comunicato che continua:

“A Balestrate manca una visione politica e amministrativa del territorio, a Balestrate manca la volontà di dialogare con gli attori che per produrre hanno necessità di garanzie e azioni, ma Balestrate partecipata” porterà avanti il proposito di garanzia amministrativa per i produttori di “economia” senza guardare a interessi privatistici o a risvolti elettoralistici. Il territorio appartiene a tutti e tutti devono avere la possibilità di “viverci”, di investire e avere il giusto “guadagno”: è arrivato il tempo di disinnescare sotterranee volontà di sostegno monopolistico”.

“Portiamo alla Vostra attenzione le immagini in allegato, arrivateci per segnalazione – dice il coordinamento di Balestrate Partecipata –  queste immagini dimostrano come il Sindaco e la sua Amministrazione non riescono a garantire un accesso sicuro alla spiaggia pubblica. Si tratta della scaletta di accesso alla spiaggia sul lato sinistro del lungomare Felice D’Anna. Dal lato destro della scaletta, se si decide di andare avanti si rischia di farsi male seriamente per la presenza di massi e per un evidente dislivello dato dalla sabbia; dall’altro lato addirittura la presenza inspiegabile di un mucchio di sabbia, alla fine della scaletta, impedisce praticamente di accedere alla spiaggia”.

“Le immagini dimostrano come la cattiva gestione pubblica può determinare danni all’economia e purtroppo i due anni che separano Balestrate da un auspicabile rinnovo politico-amministrativo potrebbero, con l’attuale incapacità di visione produttiva dell’amministrazione Rizzo, creare ulteriori danni. “Balestrate partecipata” chiede un intervento urgente e risolutivo a garanzia e a tutela sia della sicurezza pubblica che dell’immagine della nostra città”, conclude la nota del coordinamento di Balestrate Partecipata.

___________________________________________________________________
Seguici sulla nostra pagina Facebook de Il Tarlo

 

Articoli Correlati

Back to top button
Close