Come alcuni turisti hanno sfidato l’uragano Otis ad Acapulco

Lui gioca

Joseph Namlik è andato a dormire martedì notte sul pavimento del bagno della sua camera d’albergo ad Acapulco, in Messico. Svegliati in circa un pollice d’acqua.

Namlik, che stava viaggiando dalla Carolina del Sud, era uno dei partecipanti a una conferenza mineraria ad Acapulco che è stata interrotta dall’uragano Otis, una delle tempeste più forti mai registrate che abbia colpito il paese. Lui e altri visitatori della famosa località balneare sono rimasti bloccati nei loro hotel durante l’uragano e ora stanno cercando di mettersi in salvo a Città del Messico.

Otis si è abbattuto sulla costa meridionale del Messico mercoledì mattina presto come uragano di categoria 5. Giovedì pomeriggio sono state dichiarate morte 27 persone.

Nessuno era preparato alla rapida intensificazione di Otis: il tasso di intensificazione di 12 ore più veloce registrato per qualsiasi uragano del Pacifico orientale in 57 anni, secondo Phil Klotzbach, meteorologo ricercatore presso la Colorado State University.

Namlik, direttore dei lavori presso una società chiamata Newfields, ha detto che non aveva idea che il tempo sarebbe diventato così rigido al suo arrivo. Gli è stato detto che “sarebbe stata semplicemente una tempesta”, ha detto a USA TODAY.

I video diffusi sui social media mostrano forti venti che strappano i tetti, sradicano alberi e strade allagate.

Namlik ha detto che alcuni partecipanti alla conferenza sono rimasti intrappolati all’interno del centro congressi durante la notte a causa del vento e della pioggia.

READ  Trump difende l'elogio di Putin anche se definisce "coraggioso" il presidente dell'Ucraina

È stato uno dei fortunati a tornare nella sua stanza all’hotel Palacio Mundo Imperial martedì sera tardi. Il personale dell’hotel ha chiesto agli ospiti di “ripararsi sul posto” nelle loro stanze e di tenere chiuse le porte scorrevoli in vetro. L’hotel ha distribuito cibo e acqua per tutta la notte.

“La tempesta ha iniziato a diventare davvero forte e i detriti hanno iniziato a volare via mentre la velocità del vento aumentava”, ha detto Namlik, aggiungendo che poteva sentire l’edificio muoversi con la forza del vento.

Namlik era al quinto piano e ha detto che le porte scorrevoli della stanza di fronte a lui erano state fatte saltare, costringendo gli ospiti a evacuare.

La corrente è andata via poco dopo mezzanotte e intorno all’una di notte hanno soffiato forti venti. Posò le sedie, chiuse le persiane delle porte del balcone e dormì in bagno.

“Ho già attraversato degli uragani, ma per me era difficile dormire”, ha detto.

Mercoledì mattina, l’ingresso dell’hotel era inzuppato dall’acqua proveniente dal tetto e dal vento che faceva piovere all’interno. Anche gli ascensori di vetro furono fatti saltare in aria.

Mercoledì mattina Namlik si è incontrato con i suoi colleghi e si è recato in un vicino supermercato dove hanno aspettato per più di quattro ore acqua e altri prodotti secchi.

Quando il tempo cominciò a schiarirsi, iniziarono ad arrivare gli autobus e l’hotel coordinò il salvataggio delle persone a Città del Messico. Ha prenotato un albergo e proseguirà il resto del viaggio in Messico come previsto.

Contributo: Associated Press

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto