Come i dati sismici della NASA InSight stanno riscrivendo la storia di Marte

I recenti risultati della missione InSight rivelano che Marte subisce da 280 a 360 grandi impatti di meteoriti all’anno, superando di gran lunga le stime precedenti basate sulle immagini satellitari. Questo approccio sismico offre un nuovo modo per determinare l’età delle superfici di Marte e di altri pianeti. Copyright: NASA/JPL-Caltech

I segnali sismici lo indicano Marte Ogni anno viene colpito da circa 300 meteoriti delle dimensioni di un pallone da basket, fornendo un nuovo strumento per datare le superfici planetarie.

Scienziati partecipanti NASALa missione InSight di InSight ha rivelato che Marte subisce molti più impatti di meteoriti di quanto si pensasse in precedenza, con tassi annuali che vanno da 280 a 360 impatti maggiori. Questa nuova comprensione deriva dai dati sismici catturati dal sismometro di InSight, che suggeriscono un modo più efficiente per datare le superfici dei pianeti nel sistema solare.

Nuova ricerca condotta dagli scienziati di Imperial College di Londra E l’ETH di Zurigo, nell’ambito della missione InSight della NASA, ha evidenziato quanto spesso su Marte si verificano “terremoti marziani” causati dall’impatto di meteoriti.

I ricercatori hanno scoperto che Marte è soggetto ogni anno a circa 280-360 collisioni di meteoriti, che provocano crateri con un diametro di oltre otto metri, che scuotono la superficie del pianeta rosso.

La velocità di questi terremoti marziani, monitorata dal sismografo del rover InSight – uno strumento in grado di misurare i più piccoli movimenti del suolo – supera le stime precedenti basate sulle immagini satellitari della superficie marziana.

Crateri risultanti dalla collisione di meteoriti con Marte

Questi crateri si sono formati a seguito della collisione di un meteorite con Marte il 5 settembre 2021 e sono i primi crateri ad essere osservati dalla sonda InSight della NASA. Scattata dal Mars Reconnaissance Orbiter della NASA, questa immagine a colori evidenzia la polvere e il suolo disturbati dall’impatto in blu per rendere i dettagli più visibili all’occhio umano. Copyright: NASA/JPL-Caltech/Università dell’Arizona

Dati sismici e datazione planetaria

I ricercatori affermano che questi dati sismici potrebbero essere un modo migliore e più diretto per misurare i tassi di impatto dei meteoriti e potrebbero aiutare gli scienziati a determinare con maggiore precisione l’età delle superfici planetarie in tutto il sistema solare.

READ  Gli astronauti durante una passeggiata spaziale incontrano una "bolla" di liquido refrigerante tossico mentre esaminano una perdita di liquido refrigerante

La dott.ssa Natalia Wojcicka, ricercatrice associata presso il Dipartimento di Scienze della Terra e Ingegneria dell’Imperial College di Londra e coautrice dello studio, ha dichiarato: “Utilizzando dati sismici per comprendere meglio la frequenza con cui i meteoriti si scontrano con Marte e come questi impatti ne modificano la superficie, possiamo iniziare a mettere insieme una linea temporale della storia geologica e dell’evoluzione del pianeta”.

“Puoi pensarlo come una sorta di ‘orologio cosmico’ per aiutarci a determinare l’età della superficie di Marte e, forse più tardi, di altri pianeti nel sistema solare”.

Lo studio è pubblicato oggi (28 giugno) sulla rivista Astronomia naturale.

Un'immagine combinata del cratere da impatto del meteorite su Marte

Un’immagine collage mostra tre impatti di meteoriti che sono stati rilevati per la prima volta dal sismometro sul lander InSight della NASA e successivamente catturati dal Mars Reconnaissance Orbiter dell’agenzia utilizzando la sua fotocamera HiRISE. Fonte immagine: NASA/JPL-Caltech/Università dell’Arizona

Crateri archeologici come orologi cosmici

Per anni, gli scienziati hanno utilizzato il numero di crateri sulla superficie di Marte e di altri pianeti come “orologi cosmici” per stimare l’età dei pianeti – con le superfici più vecchie dei pianeti che hanno più crateri di quelle più giovani.

Per calcolare l’età dei pianeti in questo modo, gli scienziati hanno tradizionalmente utilizzato modelli basati sui crateri sulla Luna per prevedere il tasso di impatto di meteoriti di diverse dimensioni nel tempo. Per applicare questi modelli a Marte, dovrebbero aggiustare il modo in cui l’atmosfera impedisce ai corpi di simulazione più piccoli di colpire la superficie e le diverse dimensioni e posizione di Marte nel sistema solare.

Per i piccoli crateri di diametro inferiore a 60 metri, gli scienziati di Marte sono stati anche in grado di osservare la frequenza con cui si formano nuovi crateri utilizzando immagini satellitari, ma il numero di crateri trovati in questo modo è molto inferiore al previsto.

Insight Lander su Marte, performance artistica

Rappresentazione artistica del lander InSight in funzione sulla superficie di Marte. InSight, abbreviazione di Interior Exploration Using Seismic Investigations, Geodesy and Heat Transfer, è un lander progettato per eseguire il primo esame completo di Marte dalla sua formazione 4,5 miliardi di anni fa. Copyright: NASA/JPL-Caltech

Approfondimenti dal sismometro di InSight

In questa nuova ricerca, che fa parte della missione di InSight per comprendere l’attività sismica e la struttura interna di Marte, i ricercatori hanno identificato un modello precedentemente sconosciuto di segnali sismici prodotti dagli impatti dei meteoriti. Questi segnali erano caratterizzati da una proporzione insolitamente maggiore di onde ad alta frequenza rispetto ai tipici segnali sismici, così come da altre caratteristiche, e sono noti come terremoti marziani ad “altissima frequenza”.

READ  Gli astronauti del Boeing Starliner sono bloccati sulla Stazione Spaziale Internazionale mentre gli ingegneri sulla Terra lottano contro il tempo per risolvere molteplici problemi

I ricercatori hanno scoperto che il tasso di impatto dei meteoriti è più alto di quanto stimato in precedenza osservando i crateri di nuova formazione catturati dalle immagini satellitari e in accordo con i dati estrapolati dai crateri sulla superficie della Luna.

Ciò ha evidenziato i limiti dei modelli e delle stime precedenti, nonché la necessità di modelli migliori per comprendere la formazione dei crateri e gli impatti dei meteoriti su Marte.

Il potere dei dati sismici nella scienza planetaria

Per risolvere questo problema, il team di scienziati ha utilizzato la sonda InSight della NASA e il suo sismografo altamente sensibile, SEIS, per registrare eventi sismici che potrebbero essere stati causati dall’impatto di meteoriti.

Il SEIS ha rilevato tracce sismiche distinte di questi terremoti marziani ad alta frequenza, che i ricercatori hanno scoperto essere indicativi di impatti di meteoriti e distinti da altre attività sismiche.

Utilizzando questo nuovo metodo di rilevamento degli impatti, i ricercatori hanno rilevato molti più eventi di impatto di quanto previsto dalle immagini satellitari, soprattutto per piccoli impatti che producono crateri di soli pochi metri di diametro.

Il professor Gareth Collins, coautore dello studio presso il Dipartimento di Scienze della Terra e Ingegneria dell’Imperial College di Londra, ha dichiarato: “Il SEIS si è dimostrato incredibilmente efficace nel rilevare gli impatti: sembra che ascoltare gli impatti sia più efficace che cercarli se li analizziamo. voglio capirli”. Quante volte succede?”

Migliorare la nostra comprensione del sistema solare

I ricercatori ritengono che l’implementazione di sismometri più piccoli e più convenienti sui futuri lander potrebbe migliorare ulteriormente la nostra comprensione dei tassi di impatto e della struttura interna di Marte. Questi strumenti aiuterebbero i ricercatori a rilevare più segnali sismici, fornendo un set di dati più completo per comprendere gli impatti dei meteoriti su Marte e altri pianeti, nonché la loro struttura interna.

READ  Rivoluzionare gli studi sul comportamento animale utilizzando le tecnologie più recenti

“Per comprendere la struttura interna dei pianeti, usiamo la sismologia”, ha detto il dottor Wojcica. “Questo perché le onde sismiche cambiano quando viaggiano attraverso o riflettono i materiali nella crosta, nel mantello e nel nucleo di un pianeta. Studiando questi cambiamenti, i sismologi può determinare di cosa sono fatti questi strati e quanto sono profondi”.

«Sulla Terra è possibile comprendere la struttura interna del nostro pianeta più facilmente osservando i dati dei sismometri situati in tutto il mondo, tuttavia su Marte ce n’era solo uno: il SEIS A più sismometri distribuiti in tutto il pianeta.

Oltre alle nuove ricerche pubblicate in Astronomia della naturaIl team è anche coinvolto in un altro studio pubblicato nel Progresso scientifico Oggi, lo studio ha utilizzato immagini e segnali atmosferici registrati dal rover InSight per stimare la frequenza con cui si sono verificati gli impatti su Marte. Nonostante l’utilizzo di metodi diversi, i due studi sono giunti a conclusioni simili, rafforzando i risultati complessivi.

Riferimento: “Stima del tasso di impatto su Marte dalle statistiche dei terremoti marziani ad altissima frequenza” 28 giugno 2024, Astronomia naturale.
DOI: 10.1038/s41550-024-02301-z

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto