BalestrateCronaca

Coronavirus, c’è un balestratese in quarantena a Castelgerundo: l’uomo dovrà rispettare le misure di sicurezza del suo comune

A dare la la notizia è balestratesi.it che pubblica un video in cui Gaspare Toia racconta l'irreale situazione della provincia di Lodi

Il balestrate Gaspare Toia residente a Castelgerundo racconta la quarantena forzata imposta dalle misure di sicurezza del suo comune di residenza. L’uomo non è contagiato dal Coronavirus ma deve tuttavia rispettare la prassi in vigore nelle cosiddette aree a rischio.

Toia affida ad un video pubblicato sulla pagina facebook di balestratesi.it il racconto della paradossale realtà lodigiana dove la vita sembra essersi fermata come in un romanzo di fantascienza: “Faccio questo video per rassicurare tutte le persone che mi conoscono e che hanno dei contatti, abito a Castelgerundo, uno dei 10 comuni dell’area interessata. Al momento la situazione è abbastanza tranquilla anche se se si respira ansia e paura nel caso scoppiassero altri casi. I comuni sono sottoposti a posti di blocco forzati – racconta l’uomo – non si può uscire dall’area interessata ma possiamo uscire da casa seppure c’è il divieto di aggregazione dalle messe alle attività sportive. Per quindici giorni siamo esonerati dall’andare a lavoro o dal muoverci dalle nostre abitazioni salvo per le emergenze, se qualcuno sta male dovrà contattare il numeri di prima emergenza per essere prelevati a domicilio”

Il ministero della Salute ha diffuso un decalogo con le indicazioni da seguire per prevenire al meglio il contagio da coronavirus. Se nelle due settimane successive al ritorno da aree a rischio Covid-19 si dovessero presentare sintomi respiratori (febbre, tosse, mal di gola, difficoltà respiratorie) a scopo precauzionale: contattare il numero 1500; restare in casa; indossare una mascherina chirurgica; utilizzare fazzoletti usa e getta; lavarsi le mani regolarmente.

Leggi tutto l'articolo

Articoli Correlati

Back to top button
Close