Montelepre/GiardinelloPolitica

Covid19, la testimonianza del sindaco di Montelepre Maria Rita Crisi

Da qualche giorno il sindaco di Montelepre Maria Rita Crisci si trova ricoverata al Covid Hospital di Partinico poiché risultata positività al Coronavirus. Sono tanti i messaggi di solidarietà che in questi giorni stanno arrivando al sindaco da parte della gente e della politica locale. Stamane, attraverso i canali di Facebook, il sindaco monteleprino ha voluto lasciare un messaggio alla gente di non sottovalutare il Coronavirus. Riportiamo integralmente le parole del sindaco Maria Rita Crisci:

Buon giorno concittadini e amici.
Ho trascorso una notte da incubo!
Un signore ha rischiato di morire davanti ai miei occhi, non respirava neanche col casco di ossigeno alla massima potenza, è stato trasferito in terapia intensiva ed intubato da un giovanissimo rianimatore, che veniva direttamente dal pronto soccorso dove aveva salvato due avvelenati da verdura spontanea mandragora.
Dopo un paio d’ore il respiro manca a me!
Chiedo aiuto!
Accorrono, premurosi infermieri, ed il prezioso Dottore Riccardo Santolini!
Farmaci in vena, punture, ossigeno da 4 a 12.
Mi salvano!
Per stavolta ho superato!
Il dottore, gentile e professionale mi dice che i polmoni hanno subito un danno e che nelle prime settimane può capitare di entrare in crisi respiratoria.
Ecco perché si resta in ospedale. Qui sei al sicuro anche se i medici sembrano ancora pochi in numero, due di turno per 4 piani e sono oberati e corrono a destra e manca continuamente.
Ringrazio tutto il personale del Covid Hospital ed il suo Direttore dott. Enzo Provenzano.
Ringrazio per le centinaia di messaggi di affetto che mi state mandando. Mi scuso se non riuscirò a rispondere a tutti
Ringrazio i parroci che stanno organizzando gruppi di preghiere per me, Padre Dario Russo, Padre Gaspare Randazzo, Padre Santino Terranova.
Stanno funzionando
Fate i bravi, state attenti non è un consiglio, è un ORDINE

______________________________________________________________________
Seguici sulla nostra pagina Facebook de Il Tarlo

Articoli Correlati

Back to top button
Close