BalestratePolitica

Crisi politica a Balestrate. Coordinamento Balestrate Partecipata: “Il nostro paese si è fermato”

Il coordinamento di Balestrate Partecipata: “Balestrate è una nave senza nocchiero. Il Sindaco tiri le conclusioni e lasci il governo del paese”

“È lampante ed evidente che sotto l’Amministrazione Rizzo il nostro paese si è fermato. Siamo realmente preoccupati che l’ambizione di un singolo, quella di Rizzo a tenersi la posizione da Sindaco a tutti i costi, e l’attaccamento alla poltrona (oltre allo stipendio), per uno sparuto gruppo di consiglieri e assessori, danneggi ancora di più il nostro paese ormai investito da una crisi politica emorragica e da uno sbandamento amministrativo senza precedenti. Chi paga per tutto ciò sono i cittadini di Balestrate”. Lo afferma il coordinamento di Balestrate Partecipata che aggiunge: “La notizia sulla situazione di disagio che stanno vivendo i nostri Vigili Urbani è solo l’ultima e gravissima manifestazione dell’incapacità politica di Rizzo. Già da tre anni chiediamo e aspettiamo che il Sindaco faccia in modo di fornire ai Vigili Urbani il necessario per azioni antincendio di primo intervento oltre ad un’autovettura degna dell’importante servizio che svolgono sul territorio. Niente di tutto questo! Si aspetta dal 2017. Siamo al 2020. Non giriamoci intorno, niente sermoni particolari, l’attuale Sindaco non ha senso di responsabilità e non ha risolutezza a risolvere questioni gravose e difficili. Rizzo da tre anni decide di non decidere, o almeno di non decidere per il bene di buona parte dei Balestratesi”.

Il coordinamento di Balestrate Partecipata inoltre con una dura nota stampa invita il sindaco Rizzo alle dimissioni elencandone anche le motivazioni. “Dimettiti, la tua maggioranza non esiste quasi più e a stento riesci (tu o chi per te) a mantenere, oltre i consiglieri fedelissimi, gli altri che ti rimangono. Dimettiti, la politica non è un gioco per bambini; la politica decide sul futuro della gente e non si scherza né con il presente dei Balestratesi né con i loro soldi. Dimettiti, non hai rispettato il patto con gli elettori e le aspettative dei cittadini. Dimettiti, perché ogni giorno offendi la dignità di quel Consiglio Comunale a cui hai tolto la ragione di esistere e per cui la nostra Costituzione lo ha istituito. Dimettiti, perché ogni giorno offendi coloro che sudano per portare “il pane a casa”. Dimettiti, solo così farai il bene di questo paese. Dimettiti e dai ad altri più capaci la possibilità di creare un nuovo “presente” per questo paese”, queste le parole espresse dal coordinamento di Balestrate Partecipata.

____________________________________________________________________
Seguici sulla nostra pagina Facebook de Il Tarlo

 

Articoli Correlati

Back to top button
Close