È stata intentata una causa contro il presidente americano Biden con l’accusa di “complicità” nel genocidio commesso da Israele a Gaza | Notizie sul conflitto israelo-palestinese

La denuncia federale chiede la fine del sostegno militare annuale di 3,8 miliardi di dollari che gli Stati Uniti forniscono a Israele.

Il Presidente degli Stati Uniti e due membri del suo gabinetto sono stati denunciati per non aver impedito, aiutato e incoraggiato il “genocidio” a Gaza.

denuncia federale (PDF), che è stata presentata lunedì contro il presidente Joe Biden, il segretario di Stato Antony Blinken e il segretario alla Difesa Lloyd Austin, accusandoli di “incapacità di prevenire e di complicità nel genocidio commesso dal governo israeliano”.

Il gruppo per le libertà civili di New York, il Center for Constitutional Rights, ha intentato causa a nome delle organizzazioni palestinesi per i diritti umani, dei palestinesi di Gaza e dei cittadini americani con parenti nell’enclave assediata, che ha dovuto affrontare più di un mese di incessanti bombardamenti da parte di Israele, e che riceve finanziamenti e armi dal governo degli Stati Uniti.

Più di 11.200 palestinesi sono stati uccisi a Gaza da quando Israele ha lanciato i suoi attacchi il 7 ottobre. Ciò è avvenuto in seguito all’attacco lanciato da Hamas contro Israele, in cui sono state uccise circa 1.200 persone.

“Numerosi leader del governo israeliano hanno espresso chiari intenti genocidari e hanno diffuso descrizioni dispregiative dei palestinesi, compresi gli ‘animali umani’”, ha scritto il Centro per i diritti civili nell’introduzione alla sua denuncia.

Ha detto che queste “dichiarazioni di intenti”, se combinate con le “uccisioni di massa” di palestinesi, rivelano “la prova di un crimine di genocidio in corso”.

Anche molti giuristi, gruppi per i diritti umani e operatori umanitari hanno descritto le azioni di Israele a Gaza come un genocidio.

READ  La tribù peruviana Mashco appare nel mezzo del disboscamento nell'Amazzonia peruviana, come mostrano le foto

“Ho pagato Israele per uccidere i miei cugini”

“Immediatamente dopo aver lanciato la campagna di bombardamenti senza precedenti di Israele su Gaza, il presidente Biden ha offerto un sostegno “incrollabile” a Israele, che lui e i funzionari dell’amministrazione hanno costantemente ribadito e sostenuto con sostegno militare, finanziario e politico, anche se le vittime di massa aumentano insieme al declino, “, ha affermato il Centro per i diritti costituzionali. Discorsi sul genocidio israeliano.

La denuncia sottolineava che gli Stati Uniti sono il più stretto alleato e il più forte sostenitore di Israele, nonché il suo maggiore fornitore di aiuti militari – con Israele che è il più grande destinatario cumulativo di aiuti esteri statunitensi dalla Seconda Guerra Mondiale. Per questo motivo, afferma il rapporto, gli Stati Uniti potrebbero avere un “effetto deterrente sui funzionari israeliani che stanno ora commettendo atti di genocidio contro il popolo palestinese”.

Invece, il gruppo ha affermato che Biden, Blinken e Austin “hanno contribuito a portare avanti i crimini più gravi” continuando a fornire a Israele sostegno militare e diplomatico incondizionato, minando al contempo gli sforzi della comunità internazionale per fermare i bombardamenti israeliani.

Parlando ad Al Jazeera, Asta Sharma Pokharel, avvocato del Centro per i diritti costituzionali, ha dichiarato: “Hanno una grande responsabilità ai sensi del diritto internazionale consuetudinario e del diritto federale, per prevenire questo genocidio e per smettere di sostenerlo. E ad ogni passo del cammino, ad ogni occasione, hanno fallito. Continuano a fornire copertura a Israele; Hanno continuato a fornire sostegno materiale a Israele; “Ora intendono inviare più soldi e più armi a Israele”.

Laila Al-Haddad, cittadina statunitense e una delle querelanti nel caso, ha perso cinque parenti a Gaza da quando Israele ha lanciato i suoi attacchi.

READ  130 balene salvate da uno spiaggiamento di massa nell'Australia occidentale

“Ho pagato Israele per uccidere i miei cugini e mia zia”, ha detto ad Al Jazeera, “non ci sono due modi per farlo”. “Sono stati i soldi delle mie tasse a fare questo, a mandare quelle bombe in Israele per uccidere la mia famiglia. E quindi ritengo che io e tutti gli altri contribuenti americani abbiamo la responsabilità unica di ritenere responsabili il nostro governo e i nostri funzionari eletti.

La causa chiede anche la fine dei 3,8 miliardi di dollari di sostegno militare annuale che gli Stati Uniti inviano a Israele.

La Casa Bianca non ha ancora risposto alle richieste di Al Jazeera di commentare il caso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto