I geologi hanno trovato il “continente perduto” in Argoland

Prima di congratularti con te stesso per aver ritrovato le chiavi perdute, sappi che gli scienziati hanno localizzato un intero continente perduto, risolvendo un mistero geologico di vecchia data. Milioni di anni fa, una striscia dell’Australia occidentale si divise in un piccolo continente conosciuto come Argoland a causa del movimento delle placche tettoniche. Scienza IFL Rapporti. Dopo sette anni di ricerche su ciò che è accaduto a questa zona lunga 3.107 miglia, i geologi dell’Università di Utrecht affermano che si è divisa in frammenti e ora è sepolta sotto terra e sotto il mare. “La situazione nel sud-est asiatico è molto diversa da luoghi come l’Africa e il Sud America, dove il continente si è diviso in due”, afferma l’autore Eldert Advocaat. “Argoland si è diviso in tanti pezzi diversi”.

Lo studio è stato pubblicato sulla rivista Ricerca sul Gondwana Osservazione della pianura abissale di Argo al largo della costa nordoccidentale dell’Australia. La struttura di questo profondo bacino oceanico indica che l’Argolandia si spostò verso l’alto verso il sud-est asiatico. Ma invece di un grande pezzo di terra, la Terra si è divisa in quello che gli scienziati chiamano “Argopelago”. “Avevamo letteralmente a che fare con isole di informazioni, motivo per cui la nostra ricerca ha richiesto così tanto tempo”, afferma Advocaat. “Abbiamo impiegato sette anni per risolvere il puzzle”. Edizione dell’Università di Utrecht in Phys.orgAlcune parti dell’Argoland si trovano sotto il livello del mare, mentre altre parti si estendono sotto le foreste dell’Indonesia e del Myanmar. Assomigliano a continenti sommersi come la Zealandia, che si trova a est dell’Australia, e la Grande Adria nell’Europa meridionale, che ora sono quasi interamente sommersi nella piattaforma terrestre.

READ  Modi per guardare un'eclissi solare anulare in sicurezza: dagli occhiali ai visori

“Se i continenti potessero sprofondare nel mantello e scomparire completamente, senza lasciare tracce geologiche sulla superficie terrestre, non avremmo idea di come avrebbe potuto apparire la Terra nel passato geologico”, afferma Dow, geologo dell’Università di Utrecht. Van Hinsbergen. “Sarà quasi impossibile creare ricostruzioni affidabili degli ex supercontinenti e della geografia della Terra nelle epoche passate”. Lo studio dei cambiamenti storici dei nostri continenti nel corso del tempo fornisce informazioni su come si formano le montagne, come si muovono le placche tettoniche e come avviene la biodiversità e il cambiamento climatico. (Leggi altre storie di geologia.)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto