Dicembre 2, 2021

Il Tarlo

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Il Tarlo

I prezzi del petrolio sono ai minimi di 7 settimane ma il titolo è sotto pressione da Reuters

© Reuters. File: 28 luglio 2011 Un lavoratore preleva un campione di greggio da un pozzo petrolifero gestito da PDVSA, la compagnia petrolifera statale in Venezuela, Venezuela. REUTERS / Carlos Garcia Rawlins

Di Florence Dawn e Naveen Thugral

SINGAPORE (Reuters) – I prezzi del petrolio sono scesi al minimo di sette settimane lunedì, ma hanno continuato a essere sotto pressione a seguito delle notizie secondo cui il Giappone stava liberando riserve di petrolio, sollevando preoccupazioni per l’eccesso di offerta e la domanda debole mentre la situazione COVID-19 è peggiorata in Europa .

Alle 07:25 GMT è sceso di 26 centesimi o dello 0,3% a 78,63 dollari al barile e i futures del greggio US West Texas Intermediate (WTI) sono scesi di 12 centesimi o dello 0,2% a 75,82 dollari al barile.

Un commerciante di petrolio a Singapore ha affermato che il mercato è in movimento poiché i rilasci di riserve petrolifere strategiche (SPR) non sono stati ancora valutati completamente.

I prezzi di WTI e Brent hanno toccato un minimo storico nella sessione del 1 ottobre. Sono scesi di circa il 3% venerdì, la quarta settimana da marzo 2020 per la prima volta da allora.

Il primo ministro giapponese Fumio Kishida ha segnalato sabato di essere pronto a combattere l’aumento dei prezzi del petrolio, a seguito di una mossa senza precedenti da parte degli Stati Uniti per liberare petrolio dalle riserve di emergenza.

Tokyo sta esplorando modi per eludere la legislazione che consente lo sblocco delle riserve di petrolio solo in caso di carenza di approvvigionamento o disastro naturale. [nL1N2SB01P]

La Casa Bianca venerdì ha represso il gruppo dei produttori dell’OPEC per mantenere un’offerta globale adeguata, pochi giorni dopo i dibattiti statunitensi sul rilascio di petrolio dalle riserve strategiche per mitigare l’aumento dei prezzi dell’energia.

READ  Il CDC porta l'Ucraina al massimo rischio di viaggio Covid-19

La produzione combinata di SPR potrebbe essere compresa tra 100 milioni e 120 milioni di barili o più, hanno affermato i ricercatori della City in una nota del 19 novembre. Ciò include da 45 a 60 milioni di barili dagli Stati Uniti, circa 30 milioni di barili dalla Cina e 5 milioni di barili. La banca stima che ci siano 10 milioni di barili ciascuno provenienti da India, Giappone e Corea del Sud.

“Se rilasciato a dicembre e gennaio, rappresenterebbe un mercato allentato di 1,5-2,0 mb/g. Ciò sarebbe sullo sfondo delle attese di stock attese di 2,8 mb/d e 0,5 mb/d nel dicembre’21. 22 gennaio, senza alcun rilascio SPR.” Ha detto il Comune.

Man mano che i casi di COVID-19 aumentano di nuovo, è probabile che i rinnovati blocchi in Europa peseranno ulteriormente. La Germania ha avvertito che venerdì dovrebbe entrare in blocco completo dopo che l’Austria ha affermato che avrebbe reintrodotto misure drastiche per affrontare l’aumento delle infezioni.

Il deterioramento della situazione Covit-19 in Europa e le prese di profitto di fine anno tra gli investitori hanno aumentato l’incertezza del mercato, ha affermato il trader.

“Il profitto è diventato una modalità di prezzo”, ha detto, aggiungendo che è probabile che i prezzi vadano lateralmente fino a gennaio prima di aumentare.

La Commodity Futures Trading Commission degli Stati Uniti ha dichiarato venerdì che i cash manager hanno ridotto i loro futures e le loro preferenze nette a lungo termine fino alla settimana del 16 novembre.

Gli investitori stanno anche osservando gli sviluppi in Medio Oriente, poiché i media statali sauditi hanno riferito lunedì mattina presto che la coalizione guidata dai sauditi che combatte il movimento Houthi sostenuto dall’Iran nello Yemen ha trovato segni di una navigazione a sud del Mar Rosso e una minaccia immediata per il mondo commercio.

READ  Paytm viene lanciato in India dopo TechCrunch, la più grande IPO indiana
Disclaimer: Fusion Media Vorrei ricordarti che i dati su questo sito Web non sono in tempo reale o accurati. Tutti i CFD (azioni, indici, futures) e i prezzi forex non sono forniti dalle borse ma dai market maker, quindi i prezzi potrebbero essere imprecisi e potrebbero differire dal prezzo di mercato effettivo, indicando che non sono indicativi e adatti a scopi di trading. Pertanto Fusion Media non sarà responsabile per eventuali perdite aziendali sostenute dall’utente per l’utilizzo di questi dati.

Fusion Media O chiunque sia associato a Fusion Media non sarà responsabile per eventuali perdite o danni derivanti dall’affidamento alle informazioni contenute in questo sito Web, inclusi dati, quotazioni, grafici e segnali di acquisto / vendita. Essere pienamente informati sui rischi e sui costi associati al trading sui mercati finanziari, che è una delle forme di investimento potenzialmente più rischiose.