CronacaPartinico

Il consigliere Comito ringrazia dipendenti e operatori: “Partinico sta dimostrando che è possibile ritornare comunità”

Il consigliere comunale “Oggi mi sono recato alla sede centrale del Comune al fine verificare e stimolare lo stato d'arte di tutti quei provvedimenti che ritengo utili prima di essere sommersi da ulteriori criticità”

“Oggi mi sono recato alla sede centrale del Comune al fine verificare e stimolare lo stato d’arte di tutti quei provvedimenti che ritengo utili prima di essere sommersi da ulteriori criticità. La fase di digitalizzazione e smaterializzazione del cartaceo era uno dei provvedimenti adottati dall’ex Amministrazione De Luca. Ma, come tutte le procedure, necessitano di tempo e dedizione da parte di chi amministra. E se il protocollo generale dell’ente è già operativo, quello che concerne le delibere e i provvedimenti amministrativi no. Pertanto il lavoro in regime di smart working non è del tutto fattibile nella nostra municipalità”, lo dice il consigliere comunale di Partinico Toti Comito che continua: “Oggi alcuni dipendenti sono dovuti tornare in servizio prima che la situazione precipitasse e a loro va il ringraziamento e il plauso per essersi messi a disposizione della comunità tutta nel tentativo di portare avanti “la baracca” che qualcuno pensa di gestire da remoto, in tele assistenza, comodamente al riparo a 250 chilometri di distanza”.

Il consigliere Comito prosegue: “Contestualmente mi sembrava doveroso verificare come si era organizzato l’ufficio Anagrafe e anche in questo caso i servizi essenziali ed urgenti vengono, con non poche difficoltà, assicurate da dipendenti che, a turnazione, fanno la loro parte nonostante il vertice amministrativo non ritiene opportuno fare manco “un saltino” per portare una parola di gratitudine e incoraggiamento e  ringrazio anche loro per il lavoro che stanno svolgendo in questo momento surreale che stiamo vivendo”.

Il consigliere partinicese ha anche fatto un sopralluogo presso il centro di raccolta comunale (CCR), dove ha potuto costatare diverse problematiche. “Il CCR è notoriamente privo di corrente elettrica per ragioni che non sto qui ad elencare, inoltre  un lago (formatosi dalle consistenti piogge di questi giorni) rende poco praticabile l’accesso e mi chiedo come sia possibile da remoto, in maniera telematica, a 250 chilometri di distanza, pompare l’acqua fuori da quel posto – dichiara il consigliere Comito – probabilmente verranno forniti di canotto al fine di traghettare i sacchetti di spazzatura negli appositi contenitori. Un amministratore attento e presente avrebbe potuto chiedere alla protezione civile o ai pompieri una mano d’aiuto, un piccolo sacrificio affinché in questi giorni di pioggia almeno la mattina si poteva pompare l’acqua (accumulata nelle ore notturne) fuori e consentire agli operatori di svolgere il proprio lavoro senza questo ulteriore disagio”.

Il consigliere Comito ha anche chiamato la protezione civile: “Pur non avendo io alcun titolo, mi sono permesso, tuttavia, di fare una telefonata a Toto Zito della protezione civile di Partinico e anche loro sono in prima linea e sommersi dalle emergenze alle quali non si sottraggono e, senza riserve di energie, lavorano giorno e notte prestando mezzi e uomini ove il loro intervento viene richiesto. Un lavoro preziosissimo quello prestato da questi nostri concittadini. Meriterebbero un encomio speciale a guerra finita. Ad ogni modo il loro condottiero, Toto Zito, ha raccolto la segnalazione e farà il possibile per fare un sopralluogo e capire come tamponare anche questa ulteriore difficoltà. Nessuna lamentela, manco una sillaba, dagli operatori del CCR. Hanno continuato e continuano a garantire il servizio così com’è gli operatori delle postazioni mobile e del porta a porta. Muniti di stivali, con spirito di sacrificio e abnegazione anche loro, in questo momento di emergenza complessiva, non si sono tirati indietro, non hanno abbandonato la trincea. Svolgono il loro lavoro in silenzio, sotto la pioggia, camminando in quella sorta di laghetto”.

Il consigliere Comito termina: “Un semplice grazie certamente non basta, ma è quantomeno doveroso da parte di chi ricopre ruoli istituzionali, ma oggi, pur con le tante difficoltà, Partinico sta dimostrando che è ancora possibile ritornare ad essere comunità”.

 

Publiée par Toti Comito sur Jeudi 26 mars 2020

Leggi tutto l'articolo

Articoli Correlati

Back to top button
Close