Israele ritiene le Nazioni Unite responsabili della crisi degli aiuti a Gaza

Mercoledì Israele ha rivolto nuove accuse alle Nazioni Unite per la mancanza di aiuti umanitari distribuiti all’interno della Striscia di Gaza, tra gli avvertimenti dell’organizzazione secondo cui la carestia minaccia ancora una volta centinaia di migliaia di palestinesi durante le operazioni militari israeliane in corso.

Il portavoce dell’ufficio del primo ministro israeliano David Mincer ha detto mercoledì in una conferenza stampa che le agenzie delle Nazioni Unite, inclusa l’UNRWA, l’agenzia per i rifugiati palestinesi, sono responsabili dei colli di bottiglia, e hanno affermato che “le agenzie di soccorso non appartenenti alle Nazioni Unite sono state in grado di fornire aiuti con successo”.

“Sfortunatamente sono l’UNRWA e altri, e anche il Programma Alimentare Mondiale, che passano il loro tempo semplicemente a perpetuare questo conflitto invece di alzare le dita e fare effettivamente il lavoro per cui sono stati progettati, smettendo di incolpare Israele”.

Queste dichiarazioni fanno parte di una serie di attacchi alle Nazioni Unite e al suo Segretario generale da parte di funzionari israeliani nelle ultime settimane. Mencer ha aggiunto: “Dobbiamo fermare quest’aura che circonda le Nazioni Unite come forza del bene. “Sfortunatamente, in molti casi, non sono una forza positiva”.

Ma i gruppi umanitari affermano che la distribuzione degli aiuti a Gaza è diventata sempre più pericolosa e difficile a causa delle operazioni militari in corso nel sud, della carenza di veicoli e carburante e dei crescenti attacchi ai camion degli aiuti da parte di civili disperati e bande criminali. Le Nazioni Unite accusano da tempo Israele di ostacolare la consegna degli aiuti attraverso ispezioni e restrizioni onerose, nonché la mancanza di coordinamento con le sue agenzie.

Fatti arrestare

Storie per tenerti informato

Martedì il Programma alimentare mondiale I risultati sono stati supportati Degli ultimi Analisi della Classificazione Integrata delle Fasi per la Sicurezza Alimentare (IPC).in cui si afferma che “l’alto rischio di carestia” “continua finché persiste il conflitto e l’accesso umanitario è limitato”.

READ  L'uragano Beryl si abbatte come una tempesta di categoria 4 pericolosa per la vita

L’analisi dell’IPC ha rilevato che circa 500.000 palestinesi sono sull’orlo della fame. Programma alimentare mondiale Egli ha detto I risultati dell’IPC sono coerenti con le sue stesse preoccupazioni “sui livelli persistenti di fame estrema in tutta la Striscia di Gaza”.

Il portavoce delle Nazioni Unite Stephane Dujarric ha dichiarato martedì in una conferenza stampa che la situazione è diventata “sempre più insopportabile”. Ha aggiunto che più di 200 operatori umanitari sono stati uccisi dallo scoppio della guerra e che le operazioni umanitarie “sono state ripetutamente nel mirino a Gaza”.

Mencer ha suggerito durante la conferenza stampa di mercoledì, senza fornire prove, che “molti” degli operatori umanitari uccisi lavoravano con gruppi armati a Gaza.

Israele ha ripetutamente sottolineato che ogni giorno consente a centinaia di camion di entrare nel sud di Gaza. Martedì, in un tweet, il coordinatore delle attività governative nei territori ha affermato che “non ci sono stati saccheggi o problemi di sicurezza, solo una mancanza di motivazione”. Ma gli operatori umanitari affermano che la situazione della sicurezza ha ostacolato i loro sforzi per distribuire effettivamente gli aiuti.

Dujarric ha detto che i funzionari delle Nazioni Unite hanno preso contatti con le autorità israeliane negli ultimi giorni per chiedere una migliore protezione per gli operatori umanitari e per facilitare l’ingresso di più aiuti umanitari a Gaza.

Secondo Dujarric, il sottosegretario generale dell’ONU per la Sicurezza e la Protezione, Gilles Michaud, ha discusso questa settimana la situazione con il coordinatore delle attività governative nei territori. Quella conversazione è stata preceduta da una lettera del 17 giugno di Muhannad Hadi, residente delle Nazioni Unite e coordinatore degli aiuti a Gaza. Dujarric ha rifiutato di descrivere la risposta israeliana.

READ  La Lituania chiude due valichi di frontiera con la Bielorussia

Come riportato in precedenza dal Washington Post, le Nazioni Unite hanno informato Israele che potrebbe non essere in grado di continuare il suo ruolo di principale fornitore di aiuti all’interno di Gaza se la situazione della sicurezza per gli operatori umanitari non migliora.

Dujarric ha detto martedì che le Nazioni Unite continuano a fornire aiuti dove e quando possono e, quando gli è stato chiesto, non ha affrontato direttamente il problema. un report L’Associated Press ha riferito che alti funzionari delle Nazioni Unite hanno detto a Israele che avrebbe sospeso le sue operazioni se Israele non avesse fatto di più per proteggere gli operatori umanitari.

“Non sto parlando di sospendere le operazioni”, ha detto Dujarric. “La via da seguire non è un mistero… È sul tavolo, è un cessate il fuoco umanitario. È il flusso libero e senza ostacoli degli aiuti umanitari in tutta la Striscia di Gaza. È il rilascio immediato e incondizionato di tutti gli ostaggi. “

Ecco cos’altro dovresti sapere

Un gruppo di eminenti israeliani ha affermato che il Congresso ha commesso un “enorme errore” invitando il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu a parlare. Il gruppo, di cui fa parte l’ex primo ministro israeliano Ehud Barak, ha scritto in un articolo Editoriale Il New York Times ha riferito che invitare Netanyahu a parlare in una sessione congiunta del Congresso il 24 luglio “premierà il suo comportamento scandaloso e distruttivo nei confronti del nostro Paese”. Il gruppo ha affermato che Netanyahu “non è riuscito a elaborare un piano per porre fine alla guerra a Gaza” o a rilasciare tutti gli ostaggi, e ha mostrato “disprezzo” per il piano di pace proposto dagli Stati Uniti.

Netanyahu ha pubblicato un video girato al confine settentrionale con il Libano, in cui ha affermato che Israele “otterrà niente di meno la vittoria”. Il leader israeliano era in visita ai riservisti della 55a Brigata, il cui ufficio ha detto che stava lavorando per migliorare la forma fisica e valutare i piani per un possibile conflitto con il Libano. “Sono determinati e devoti alla missione: difendere il Paese e ottenere la vittoria, niente di meno”, ha detto Netanyahu in ebraico al termine della sua visita, che includeva anche il suo capo di stato maggiore, il segretario militare e diversi alti ufficiali dell’IDF.

READ  L'Unione Europea respinge la richiesta di adesione dell'Ucraina e si prepara a un lungo confronto con la Russia

Rappresentante Jamaal Bowman (D-NY) Ha perso la sua candidatura per la rielezione In una corsa alle primarie democratiche dominata dal dibattito su Israele e Gaza. Bowman, che ha a lungo criticato il trattamento riservato da Israele ai palestinesi, ha fatto arrabbiare alcuni elettori ebrei e ha attirato l’ira dei gruppi filo-israeliani locali e nazionali quando, all’indomani del massacro del 7 ottobre, ha chiesto un cessate il fuoco e una tregua. Israele è stato accusato di aver commesso un genocidio. Il dirigente della contea di Westchester George Latimer, avversario di Bowman alle primarie per il 16 ° distretto congressuale di New York, Ha ricevuto un significativo sostegno finanziario dall’American Israel Public Affairs Committee. La gara è stata le primarie della Camera più costose della storia.

Dall’inizio della guerra a Gaza sono state uccise almeno 37.718 persone e altre 86.377 sono rimaste ferite. Secondo il Ministero della Sanità a Gaza. Non fa distinzione tra civili e combattenti, ma afferma che la maggior parte delle persone uccise erano donne e bambini. Israele stima che nell’attacco di Hamas del 7 ottobre siano state uccise circa 1.200 persone, tra cui più di 300 soldati. 314 soldati Sono stati uccisi dall’inizio delle operazioni militari a Gaza.

Karen DeYoung, Colby Itkowitz, Louisa Lovelock, Jennifer Hassan e Sarah Daadoush hanno contribuito a questo rapporto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto