La Cina è diventata il primo paese ad estrarre rocce dal lato nascosto della Luna

Martedì la Cina ha portato una capsula piena di suolo lunare dal lato nascosto della Luna sulla Terra, segnando l’ultimo successo in un programma ambizioso per esplorare la Luna e altre parti del sistema solare.

Il campione, recuperato dal lander Chang’e-6 della China National Space Administration dopo una missione durata 53 giorni, evidenzia le crescenti capacità della Cina nello spazio e segna un’altra vittoria in una serie di missioni lunari iniziate nel 2007 e che sono state effettuate quasi finora. Senza colpa.

“Chang’e-6 è la prima missione nella storia umana a restituire campioni dal lato nascosto della Luna”, ha scritto in una e-mail Long Xiao, geologo planetario presso la China University of Geosciences. Ha aggiunto: “Questo è un evento importante per gli scienziati di tutto il mondo e un motivo di celebrazione per tutta l’umanità”.

Tali sentimenti e la prospettiva di uno scambio internazionale di campioni lunari hanno evidenziato la speranza che le missioni robotiche cinesi sulla Luna e su Marte possano far progredire la comprensione scientifica del sistema solare. Queste possibilità contrastano con le opinioni di Washington e altrove che vedono il risultato di martedì come l’ultima pietra miliare nella corsa allo spazio del 21° secolo con sfumature geopolitiche.

A febbraio, una navicella spaziale americana gestita privatamente è atterrata sulla Luna. La NASA sta anche portando avanti la campagna di Artemis per riportare gli americani sulla superficie lunare, anche se la sua prossima missione, la circumnavigazione della luna da parte degli astronauti, è stata ritardata a causa di problemi tecnici.

La Cina sta anche cercando di espandere la sua presenza sulla Luna, facendo sbarcare lì più robot, ed eventualmente astronauti umani, nei prossimi anni.

Per raggiungere questo obiettivo, è stato necessario un approccio lento e costante, implementando un programma automatizzato di esplorazione lunare creato decenni prima. Prendendo il nome dalla dea cinese della luna Chang’e (pronunciata “chung-ah”), le prime due missioni del programma hanno orbitato attorno alla Luna per fotografare e mappare la sua superficie. Poi è arrivato Chang’e-3, che è atterrato sul lato più vicino della Luna nel 2013 e ha schierato il rover Yutu-1. È stata seguita nel 2019 dalla navicella spaziale Chang’e-4, che è diventata il primo veicolo a visitare il lato nascosto della Luna e a posizionare il rover Yutu-2 sulla superficie.

READ  Israele potrebbe sradicare antichi mosaici cristiani vicino ad Armaghedon. Dove potrebbe andare allora quella scintilla di rabbia?

Un anno dopo, la navicella spaziale Chang’e-5 atterrò, rimandando sulla Terra quasi quattro libbre di regolite lunare. Questo risultato ha reso la Cina solo il terzo paese – dopo gli Stati Uniti e l’Unione Sovietica – a realizzare il complesso progetto orbitale per raccogliere un campione dalla Luna.

Secondo Yuki Qian, geologo lunare dell’Università di Hong Kong, le manovre Chang’e-5 e Chang’e-6 sono operazioni di prova per le future missioni con equipaggio della Cina sulla Luna, che, come le missioni della navicella spaziale Apollo, sono test di prova per le future missioni con equipaggio della Cina sulla Luna. corre. Negli anni ’60 e ’70 abbiamo dovuto atterrare e poi lanciare esseri umani dalla Luna.

Mentre la Cina lavora per inviare astronauti sulla Luna, la sua strategia a lungo termine apporta vantaggi scientifici alla comprensione del sistema solare.

Il campione di Chang’e-5 era più giovane del materiale lunare raccolto dagli americani o dai sovietici negli anni ’60 e ’70. È costituito principalmente da basalto o lava raffreddata proveniente da antiche eruzioni vulcaniche.

Due gruppi di ricerca guidati dalla Cina finisco Quale Il basalto aveva circa due miliardi di anni, suggerendo che l’attività vulcanica sulla Luna si estendeva almeno un miliardo di anni oltre l’intervallo di tempo dedotto dai campioni dell’Apollo americano e della Luna sovietica.

Altri studi sul materiale hanno escluso teorie su come la temperatura dell’interno della Luna potrebbe aumentare abbastanza da generare attività vulcanica. Un gruppo di ricerca è stato trovato La quantità di elementi radioattivi all’interno della Luna, che possono decadere e produrre calore, non era abbastanza elevata da provocare esplosioni. scorso un risultato Ha escluso l’acqua nel mantello come possibile fonte dello scioglimento interno che ha portato al vulcanismo.

Chang’e-6 è stato lanciato il 3 maggio con ambizioni scientifiche ancora più grandi: riportare materiale dal lato nascosto della Luna. Il lato più vicino della Luna è dominato da ampie e scure pianure dove scorreva antica lava. Ma il lato opposto ha meno pianure di questo tipo. Ha anche più noccioli e una crosta più spessa.

Poiché questo emisfero non è mai rivolto verso la Terra, è impossibile comunicare direttamente con i lander sul lato nascosto della Luna, rendendo difficile raggiungerlo con successo. L’agenzia spaziale cinese ha fatto affidamento su due satelliti che aveva precedentemente lanciato in orbita lunare, Qiqiao e Qiqiao-2, per mantenere i contatti con Chang’e-6 durante la sua visita.

READ  L'Iran accusa Israele di aver ucciso leader militari iraniani e altri durante un attacco aereo contro un consolato in Siria

La navicella spaziale ha utilizzato la stessa tecnologia utilizzata da Chang’e-5 per raggiungere la Luna e poi riportare il suo campione sulla Terra.

Poi ha riposto i materiali. La missione ha schierato un rover in miniatura che ha catturato una foto del lander con una piccola bandiera cinese sventolata. Poi, il 3 giugno, un razzo ha lanciato nuovamente il contenitore del campione nell’orbita lunare. Il materiale è stato poi raccolto nuovamente il 6 giugno da una navicella spaziale rimasta in orbita e preparata per iniziare il viaggio di ritorno sulla Terra.

Il contenitore del campione è rientrato nell’atmosfera terrestre martedì, quindi si è paracadutato sulla superficie dell’area di Siziwang Banner nella Mongolia Interna, dove le squadre di terra hanno lavorato per recuperarlo.

Quando gli scienziati acquisiranno il suolo del lato nascosto, confronteranno la composizione del basalto appena recuperato con quella del lato vicino della Luna. Ciò potrebbe aiutarli a dedurre come l’attività vulcanica della Luna abbia causato un’evoluzione diversa delle sue metà.

Il team della missione cercherà anche materiale proveniente dalle aree circostanti, che è stato allontanato dalle posizioni originali a causa delle collisioni con comete e asteroidi. Se queste collisioni fossero abbastanza forti, potrebbero aver scavato materiale dalla crosta inferiore e dal mantello superiore della Luna, ha detto il dottor Qian. Ciò potrebbe portare a comprendere meglio la struttura e la composizione dell’interno della Luna.

La roccia fusa derivante da quegli impatti potrebbe anche fornire indizi sull’età del bacino Antartide-Itkin e sull’era in cui si formò, durante la quale gli scienziati ritengono che una raffica di asteroidi e comete bombardò il sistema solare interno.

Questo periodo “ha cambiato completamente la storia geologica della Luna”, ha detto il dottor Qian, ed è stato anche “un periodo cruciale per l’evoluzione della Terra”.

Clive Neal, geologo planetario dell’Università di Notre Dame, ha descritto gli obiettivi come ambiziosi, ma attende con impazienza le scoperte che seguiranno il ritorno del campione. Riferendosi alla serie di successi lunari ottenuti finora dalla Cina, ha detto: “È eccellente”. “Più potere a loro.”

READ  I democratici al Senato americano bloccano il tentativo repubblicano di aiutare Israele, non l’Ucraina

Tuttavia, le tese relazioni politiche renderanno difficile per gli scienziati americani cooperare con i ricercatori cinesi nello studio di esemplari lontani.

L’emendamento Wolf, approvato nel 2011, vieta alla NASA di utilizzare fondi federali per la cooperazione bilaterale con il governo cinese. I funzionari federali hanno recentemente concesso all’agenzia spaziale una deroga, consentendo ai ricercatori finanziati dalla NASA di richiedere l’accesso al campione del lato vicino recuperato da Chang’e-5. Ma a giugno la Camera dei Rappresentanti americana ha approvato un altro disegno di legge Vieterà le università che hanno legami di ricerca con istituzioni cinesi Ottenere finanziamenti dal Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti.

Per il futuro, la Cina ha gli occhi puntati sul polo sud della Luna, dove Chang’e 7 e 8 esploreranno l’ambiente e cercheranno acqua e altre risorse. Spera di inviare missioni con equipaggio sulla Luna entro il 2030. Alla fine, la Cina prevede di costruire una base internazionale in Antartide.

La campagna Artemis della NASA prende di mira anche il polo sud della Luna. Bill Nelson, direttore dell’agenzia spaziale, ha già definito i programmi paralleli come una gara tra Stati Uniti e Cina.

Molti studiosi rifiutano questo quadro. Il dottor Neal ha detto che le risorse dedicate allo studio della Luna sono diminuite dopo che gli astronauti americani hanno battuto i sovietici sulla Luna nel 1969. “Non mi piacciono le corse spaziali internazionali, perché non sono sostenibili”, ha detto. “La gara deve essere vinta. Una volta vinta, cosa c’è dopo?”

“Penso che sia importante considerare lo spazio come qualcosa che può unirci, piuttosto che dividerci”, ha aggiunto.

Diversi paesi hanno contribuito con i carichi utili che hanno volato con la missione Chang’e-6, tra cui Francia e Pakistan. I ricercatori cinesi lo considerano un buon segno per il futuro.

“L’esplorazione della Luna è uno sforzo comune per tutta l’umanità”, ha affermato il dottor Xiao, aggiungendo che spera in una maggiore cooperazione internazionale, “specialmente tra i principali paesi spaziali come la Cina e gli Stati Uniti”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto