La maggior parte dei ricercatori che lavorano sui superconduttori affermano di voler ritirare la propria ricerca – Ars Technica

Ingrandire / Dikembe Mutombo rifiuta il tuo post imperfetto.

Con una mossa che ha sorpreso poche persone, la Natura Mi sono allontanato dal giornale Affermare progressi significativi nella superconduttività ad alta temperatura. Questo è il secondo articolo che la rivista ha ritirato nonostante le obiezioni di Ranga P. Dias, il docente dell’Università di Rochester che ha guidato la ricerca. O almeno significa che si è opposto alla ritrattazione, dal momento che apparentemente si è rifiutato di rispondere a Nature sull’argomento.

Il lavoro di Dias sulla superconduttività si è concentrato sulle sostanze chimiche ricche di idrogeno che si formano sotto pressioni estreme. Altri gruppi di ricerca hanno dimostrato che la pressione costringe l’idrogeno a formare cristalli all’interno del materiale, dove favorisce la formazione di coppie di elettroni che consentono la superconduttività. Ciò consente a queste sostanze chimiche di supercondurre a temperature elevate. I due articoli di Dias descrivono presumibilmente una sostanza chimica che può supercondurre a temperatura ambiente e pressioni estreme, e la seconda che lo fa a pressioni leggermente inferiori, rendendola accessibile ad apparecchiature di laboratorio più facilmente disponibili.

Ma i problemi affrontati dal primo di questi articoli sono diventati chiari quando la comunità di ricerca ha approfondito i dettagli del lavoro. Sembra che il team di Dias abbia utilizzato un metodo non standard per calcolare il rumore di fondo in un esperimento chiave e non ha incluso i dettagli su come farlo nel documento. In altre parole, i dati contenuti nell’articolo sembravano buoni, ma non era chiaro se riflettessero accuratamente i risultati sperimentali. Di conseguenza, Nature ha annullato questa decisione, sebbene all’epoca tutti e nove gli autori dell’articolo si fossero opposti a questa decisione.

READ  James Webb osserva misteriose strutture sopra la Grande Macchia Rossa di Giove

È stato quindi sorprendente che la stessa rivista abbia accettato un articolo che descriveva un lavoro simile dello stesso gruppo di ricerca. L’emergere di problemi simili forse non sorprende affatto. In questo caso, otto degli 11 autori dell’articolo affermano di non essere affatto sicuri che l’articolo presenti i dati in un modo che rappresenti accuratamente ciò che è accaduto in laboratorio. Come affermato nell’avviso di ritiro, “I ricercatori che hanno contribuito al lavoro hanno espresso l’opinione che l’articolo pubblicato non riflette accuratamente i materiali di partenza indagati, le misurazioni sperimentali eseguite e i protocolli di elaborazione dei dati applicati”.

Traduzione approssimativa dal linguaggio accademico: “Non abbiamo idea di come creare le immagini dei dati nel documento.”

Come notato sopra, Dias, insieme a due colleghi dell’Università di Rochester, non ha risposto a questa ritrattazione. A quanto pare il suo portavoce Lo ha detto al New York Times “Il professor Dias intende ripresentare l’articolo a una rivista con un processo editoriale più indipendente”. Non è chiaro come il termine “indipendente” si tradurrebbe in “ritiene accettabile che la maggior parte delle persone che presumibilmente hanno creato i dati siano preoccupate che possano essere falsificati”.

Semmai, qui la natura sembra fallire un atto Trattare la peer review del secondo articolo come se fosse indipendente dal primo. In una certa misura, questo era idealistico, poiché ignorava qualsiasi contesto sociale e si concentrava semplicemente su ciò che veniva presentato nel documento. Ma era anche ingenuo, poiché il documento precedente era stato ritirato proprio perché non forniva un quadro accurato degli esperimenti.

Per quanto riguarda Dias, questa potrebbe essere l’ultima delle sue preoccupazioni. Un terzo articolo a cui stava lavorando, pubblicato su Physical Review Letters, È stato anche annullato (Sempre per le obiezioni di Dias). In questo caso, ci sono indicazioni che il grafico che pretendeva di mostrare i dati recenti fosse semplicemente Copiato dalla tesi di Dias, che trattava un argomento completamente diverso. Ci sono anche accuse che la sua tesi contenga materiale plagiato. L’Università di Rochester ha iniziato a rivedere il lavoro di Dias e, sebbene i risultati di tali revisioni rimangano generalmente confidenziali, qualsiasi conseguenza da essi prodotta sarebbe difficile da ignorare.

READ  I raggi X Chandra della NASA catturano l'ammasso di stelle "super" più vicine alla Terra

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto