La scoperta di strane e inaspettate strutture che fluttuano sopra la Grande Macchia Rossa di Giove

L’atmosfera di Giove è un ambiente affascinante e in continua evoluzione. Grappoli di diversi colori, tempeste, enormi nuvole e altro ancora possono essere visti in tutto il pianeta. Tuttavia, l’atmosfera superiore è sempre stata considerata calma. Sicuramente quello era il luogo in cui si era verificata l’aurora boreale, ma a parte questo, pensava che non stesse accadendo nulla di strano. Ora, un gruppo di astronomi ha ribaltato questa convinzione.

L’atmosfera superiore è difficile da studiare. Ai poli, le particelle della luna vulcanica Io seguono le linee del campo magnetico per creare aurore a più lunghezze d’onda. Come per il resto del pianeta, l’energia che lo forma è la luce solare. Giove riceve solo circa il 4% della luce solare che riceve la Terra. Ecco perché gli astronomi presumevano che sarebbe stato molto uniforme.

“Abbiamo pensato, forse ingenuamente, che questa zona sarebbe stata davvero noiosa”, ha detto il caposquadra Henrik Melin, dell’Università di Leicester nel Regno Unito. dichiarazione. “In realtà è interessante quanto l’aurora boreale, se non di più. Giove non smette mai di sorprendere.”

Le osservazioni del telescopio spaziale James Webb hanno rivelato strutture complesse sopra la famosa Grande Macchia Rossa, una tempesta più ampia della Terra. Hanno trovato archi scuri e punti luminosi visibili nell’infrarosso. La fonte di questa differenza non è la luce solare, ma piuttosto gli strati profondi e disordinati dell’atmosfera di Giove.

“Un modo per cambiare questa struttura è con le onde gravitazionali, che sono come le onde che si infrangono su una spiaggia, creando increspature nella sabbia”, ha spiegato Melin. “Queste onde vengono generate in profondità nella turbolenta atmosfera inferiore, attorno alla Grande Macchia Rossa, e possono viaggiare verso l’alto, modificando la struttura e le emissioni dell’atmosfera superiore”.

READ  Il mistero delle enormi “dune stellari” nel deserto del Sahara è stato finalmente risolto – e non è quello che gli scienziati si aspettavano

Queste onde gravitazionali esistono anche sulla Terra, ma se il meccanismo d’influenza è lo stesso, sono molto più deboli.

La scoperta è arrivata da molto tempo. Queste osservazioni facevano parte del programma Early Launch Science (ERS) di JWST, in cui gli astronomi sono stati incuriositi dall’atmosfera superiore di Giove per un po’.

“Questa proposta ERS è stata scritta nel 2017”, ha affermato il membro del team Imke de Pater dell’Università della California, Berkeley. “Uno dei nostri obiettivi era indagare sulla causa dell’elevata temperatura sopra la Grande Macchia Rossa, come rivelato dalle recenti osservazioni dell’Infrared Telescope Facility della NASA. Tuttavia, i nostri nuovi dati hanno mostrato risultati molto diversi.

Il team spera di proseguire le osservazioni con il telescopio spaziale James Webb per comprendere meglio questa parte dell’atmosfera gioviana. Aiuterà anche con le osservazioni pianificate per la missione JUICE dell’Agenzia spaziale europea, che esplorerà il pianeta e le sue tre lune ghiacciate.

Questi risultati sono pubblicati in Astronomia della natura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto