CronacaPartinico

L’appello: E’ sbagliata l’identità dell’uomo che ha ucciso Ruth a Partinico, la vittima barricata in casa e scortata dai Carabinieri

Da ieri gira il nome del presunto assassino della meticcia in contrada Valguarnera ma sarebbe frutto di uno scambio di persona. La vittima - adesso - è assediata in casa, scortata dai Carabinieri


Non si placa l’escalation di follia mediatica in quel di Partinico dopo le foto dell’uccisione di una meticcia tra le campagne poco lontane dal centro abitato. Le ultime, gravissime, notizie parlano di un errore di persona circa l’identità dell’assassino di Ruth. Da ieri – infatti – le pagine dei social sono appestate delle generalità del presunto killer ma è notizia di pochi minuti fa che si tratta di uno sciagurato errore.

L’uomo, di cui è stato divulgato il nome e la residenza, si trova adesso barricato in casa e scortato dalle forze dell’ordine e sarebbe del tutto estraneo ai fatti, un pericolosissimo scambio di persona che sta esponendo la vittima ad un’esplosione di violenza mai vista prima in paese. A denunciare il fatto è Nick Chiaracappa dell’associazione Leon’s Garden che ha preso in custodia Ruth subito dopo l’aggressione, che invita a far girare la comunicazione «Mi hanno chiamato da Partinico dicendomi che se la stanno prendendo con un certo sig C. questo signore non centra assolutamente niente, chi è colpevole della morte della cagnolina Ruth è un altra persona con altro cognome , quindi vi pregherei di aspettare a condannare qualcuno mediaticamente , aspettate i verbali dei C.C. con i fatti chiariti ed esposti .»

Articoli correlati

Un commento

  1. comunque sia, il volto dell’ASSASSINO è abbastanza visibile, un nome lo si puo’ sbagliare un volto dèmonìaco NO! GIUSTIZIA per RUTH . Adesso vive barricato il violento? Prima di commettere il GRAVE reato doveva pensarci questo depravato dèmone! Non deve passarla liscia, nè lui nè coloro che come lui UCCIDONO i poveri INNOCENTI randagi che hanno diritto di vivere quanto noi, anzi piu’ di noi essendo esseri indifesi e innocui. I carabinieri non dovrebbero tutelarlo ma fargliela pagare …e cara! BASTA VIOLENZE, TORTURE, SCEMPI E ASSASSINI di poveri animali. BASTA!!!!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close
Close