L’Arabia Saudita entra nella pacifica diplomazia statunitense per ridurre le tensioni con gli Emirati Arabi Uniti e aumentare la produzione di petrolio

I due principali obiettivi dell’iniziativa sono l’Arabia Saudita e gli Emirati Arabi Uniti, che hanno congelato i legami con gli Stati Uniti dall’inaugurazione di Biden. Entrambi i paesi sono membri dell’OPEC, una potente coalizione di 13 paesi che controlla il 40% della produzione mondiale di petrolio. Entrambi erano amichevoli con l’amministrazione Trump.

Ma nell’ultimo mese, i funzionari statunitensi affermano che sono stati compiuti progressi e potrebbero esserci prove che le missioni diplomatiche stanno iniziando a dare i loro frutti.

All’interno della Casa Bianca, le idee si sono diffuse in Occidente, dando l’impressione che le cose si stessero muovendo nella giusta direzione, hanno detto i funzionari.

Ufficiali Biden Ha tenuto colloqui diplomatici Nel Venezuela ricco di petrolio questo mese, l’amministrazione ha sottovalutato l’idea di un aumento della produzione da un paese largamente autorizzato. La possibilità di un accordo nucleare con l’Iran potrebbe eventualmente scatenare nuovamente l’ondata di petrolio iraniano consentita sul mercato, ma non è vista come una soluzione a breve termine all’interno della Casa Bianca.

La verità è che la maggior parte della capacità petrolifera inutilizzata osservata dai funzionari statunitensi dell’energia proviene dal Medio Oriente. In particolare, funzionari e operatori del mercato ritengono che aumentare la produzione dell’Arabia Saudita sia il modo più veloce per immettere più petrolio sul mercato.

Perché ciò accada, i funzionari statunitensi sono consapevoli che il presidente Joe Biden ha bisogno di parlare del rapporto teso tra il principe ereditario dell’Arabia Saudita Mohammed bin Salman, noto anche come MBS. Fin dai primi giorni dell’amministrazione Biden, i sauditi hanno visto personalmente quello che stavano dicendo e la decisione del presidente di misurare l’intera relazione che circonda l’assassinio di Jamal Kashoki, il giornalista del Washington Post nel 2018.

“È difficile andare in un posto migliore senza avere a che fare con MBS”, ha spiegato un funzionario statunitense che ha familiarità con la questione. “Non c’è altro modo.”

Una telefonata importante

Quando i funzionari statunitensi hanno finalmente rivelato la possibilità di una chiamata tra Biden e l’MBS alla fine di gennaio, i funzionari sauditi hanno proposto che Biden contattasse invece telefonicamente suo padre di 86 anni, re Salman, il capo di stato ufficiale. Biden è stato identificato come la sua controparte diretta all’inizio del suo primo anno.

Questa sarà la loro prima conversazione in 12 mesi.

Tuttavia, le autorità coinvolte in questo caso indicano quello che è successo come una finestra su una relazione che, sebbene ancora complessa, mostra segni di stabilità in un momento cruciale.

Il ministero degli Esteri cinese ha affermato che MBS, che aveva programmato di recarsi a Pechino per le cerimonie di apertura delle Olimpiadi invernali durante la chiamata, ha annullato il suo viaggio “per motivi di pianificazione”. Il vero motivo è che due fonti hanno riferito alla CNN della questione, almeno MBS avrebbe potuto partecipare alla chiamata tra suo padre e Biden.

READ  Dana White chiama "Bulls ***" il conflitto al tavolo di Joe Rogan

Sebbene non fosse chiaro se fosse nella stanza, l’MPS ha sentito la chiamata ma non ha parlato, hanno detto le fonti.

L’ambasciata dell’Arabia Saudita a Washington non ha risposto immediatamente a una richiesta di commento.

Il principe Mohammed bin Salman dell'Arabia Saudita

La chiamata del 9 febbraio riguardava una discussione sulla garanzia della stabilità delle forniture petrolifere globali, ha affermato un funzionario statunitense, e ha organizzato un viaggio in Arabia Saudita da parte di due alti funzionari di Biden.

Tre giorni dopo, i massimi ambasciatori della sicurezza nazionale e dell’energia di Biden nella regione, Brett McCurk e Amos Hochstein, si sono incontrati per un’ora nella capitale saudita, Riyadh, con MBS e l’entourage di alti funzionari sauditi. Il fratello di MBS, il principe Abdul Aziz bin Salman, incluso il ministro dell’Energia del Regno.

“È stato istituito su invito”, ha detto un alto dirigente del viaggio a Riyadh. “Non è stato deciso in anticipo”.

I funzionari hanno affermato che non vi era alcuna richiesta esplicita durante la riunione di aumentare l’offerta. Ma poche settimane prima che l’amministrazione Biden decidesse di lanciare un’invasione diffusa dell’Ucraina, le dinamiche instabili del mercato in crisi erano al centro del dibattito.

Nei giorni seguenti, i funzionari della Casa Bianca hanno negato pubblicamente qualsiasi dettaglio specifico degli incontri e hanno avuto difficoltà a spiegare se fossero stati compiuti progressi.

Ma dietro le quinte, sono state gettate le basi per un processo che sarebbe continuato per diverse settimane.

Dall’incontro di Riyadh, ha affermato il funzionario, il management e l’Arabia Saudita “hanno davvero un impegno costruttivo dopo quella discussione su un’agenda definita e positiva che riflette le questioni chiave in cui siamo coinvolti”. Ciò includerebbe energia, sicurezza regionale e questioni di sviluppo internazionale, ha affermato il funzionario.

Giovedì, i sauditi sembravano attirare molta attenzione sul rapporto di lavoro tra gli Stati Uniti e l’Arabia Saudita, rivelando pubblicamente che all’inizio di quest’anno un’operazione congiunta saudita-americana aveva consentito l’evacuazione in sicurezza di due ragazze americane dallo Yemen. Cosa.

Tuttavia, altri funzionari statunitensi riconoscono che la relazione non è stabile come una volta e che richiederà l’attenzione di alto livello dell’amministrazione Biden.

Caos del mercato

Quando è iniziata la Russia La sua invasione Il 24 febbraio, gli Stati Uniti e un consorzio di oltre 30 paesi hanno risposto con severe sanzioni contro l’economia del paese.

Mentre le sanzioni energetiche sono state deliberatamente ritirate dal tavolo nel tentativo di proteggere gli alleati occidentali, in particolare nell’Unione europea, dagli shock dell’instabilità dei prezzi, le sanzioni hanno scosso il mercato in cui la Russia è il secondo esportatore mondiale.

READ  Il partner di Burger King "rifiuta" di chiudere 800 siti russi

I produttori russi hanno lottato per chiudere nuovi ordini di petrolio sulla scia dell’embargo, poiché i partecipanti al mercato hanno fatto marcia indietro e diffidavano dell’intera portata e portata delle sanzioni contro la banca centrale del paese e le sue maggiori istituzioni finanziarie.

Tuttavia, l’effetto è ben oltre l’economia russa. La Russia è membro dell’OPEC +, che svolge un ruolo fondamentale nella distribuzione sul mercato. Il presidente russo Vladimir Putin ha parlato al telefono con MBS e lo sceicco Mohammed bin Saeed Al Nahyan degli Emirati Arabi Uniti.

La Russia ha segnalato che non sosterrà un aumento della produzione, che molto probabilmente andrà a sue spese.

Perché l'aumento dei prezzi del gas non si risolverà perforando più petrolio negli Stati Uniti

I membri dell’OPEC + hanno scelto di attenersi al programma di distribuzione concordato quando si sono incontrati il ​​2 marzo, il che non è stata una sorpresa per i funzionari statunitensi dell’epoca.

La recessione economica che ne è seguita, tuttavia, ha portato a una netta interruzione dell’offerta. La maggior parte di quei barili russi non è riuscita a raggiungere il mercato, nonostante la sospensione della produzione di petrolio da parte delle compagnie energetiche globali che hanno ignorato la Russia. Questa è una differenza importante ma sottile che i membri dell’OPEC possono evidenziare in qualsiasi decisione futura di aumentare gli obiettivi di produzione.

All’inizio di questa settimana, gli Stati Uniti hanno cambiato rottaDivieto di importazione di petrolio russo All’interno degli Stati Uniti, la Russia ha rappresentato una piccola parte delle esportazioni complessive, ma un’altra mossa ha contribuito a raffreddare il mercato e ad aumentare i prezzi.

È un fatto triste che molti mesi di tranquilla, ma urgente attenzione siano stati prestati dalle autorità statunitensi per ottenere una maggiore produzione di energia dall’industria e dai paesi di tutto il mondo.

Guidato dall’Ambasciatore per l’Energia del Ministero degli Esteri Hochstein e McCurk, si è diffuso in Medio Oriente, Asia e Nord Africa e ha coinvolto intense discussioni con i produttori statunitensi.

Dato che i prezzi continuavano a farsi sentire, la tranquillità di quegli sforzi ha portato a un messaggio diretto al pubblico.

“Vogliamo più forniture di petrolio nel mondo”, Talip Singh, vice consigliere per la sicurezza nazionale di Biden per l’economia internazionale e uno dei funzionari dietro la risposta degli Stati Uniti, ha detto alla CNN il 9 marzo. Capacità. “Singh ha dichiarato apertamente che l’Arabia Saudita era uno di quei produttori.

Prova di pressione negli Emirati Arabi Uniti

Gli Emirati Arabi Uniti sono un altro di quei produttori con capacità di riserva di petrolio. Ma è un tradizionale alleato del Golfo, che ha avuto legami sempre più stretti con gli Stati Uniti dall’inaugurazione di Biden.

READ  La Panasonic GH6 da 25 MP è la fotocamera Micro Quattro Terzi con la risoluzione più alta fino ad oggi

Un funzionario statunitense ha spiegato che il paese, in particolare gli Stati Uniti, si sono sentiti indifferenti quando non c’era molto sostegno per loro dopo un attacco mortale di droni da parte degli Houthi sostenuti dall’Iran negli Emirati Arabi Uniti a gennaio.

Sono anche preoccupati per l’attuazione dell’IRGC, poiché il rinnovato accordo nucleare con l’Iran è troppo debole.

Quando Biden ha inviato i suoi assistenti senior in Arabia Saudita, McCurk ha aggiunto uno scalo negli Emirati Arabi Uniti, dove c’era un focus particolare sullo Yemen, hanno detto i funzionari, aggiungendo che si trattava di uno sforzo per enfatizzare il sostegno degli Stati Uniti alla difesa regionale del paese contro l’Iran. missili operati e attacchi UAV. .

Come ha fatto con i sauditi, McGurk ha detto in una lettura della visita alla Casa Bianca di “aver discusso della necessità di coordinare la pressione sugli Houthi nello Yemen e di unirsi a uno sforzo concertato guidato dalle Nazioni Unite per porre fine alla guerra lì”.

Segnali di tensione sono evidenti dopo l’invasione russa.

Il Consiglio di sicurezza degli Emirati Arabi Uniti ha boicottato una risoluzione guidata dagli Stati Uniti che condanna l’occupazione russa dell’Ucraina, in gran parte a causa della frustrazione nei confronti dello Yemen, hanno affermato i funzionari.

Otaiba ha osservato in un commento pubblico che “giorni forti in cui la relazione è più sana e giorni in cui la relazione è in discussione”.

“Oggi stiamo attraversando uno stress test, ma spero che possiamo uscirne e andare in un posto migliore”, ha aggiunto.

Mercoledì, però, i commenti di Ottaiba sono arrivati ​​prima Ha causato la caduta dei mercati E ha dimostrato alcune prove convincenti che gli sforzi diplomatici dell’amministrazione Biden stavano iniziando a dare i suoi frutti.

Ma anche se gli Emirati Arabi Uniti segnalano il loro sostegno all’aumento della produzione, il paese ha chiarito che devono rispettare le regole dell’OPEC, il che significa che tutti i paesi devono sostenere qualsiasi mossa per aumentare l’offerta.

Il ministro dell’Energia degli Emirati Arabi Uniti, poche ore dopo i commenti di Otaiba, sembrava fare marcia indietro, ma non ha mai contraddetto la dichiarazione di Otaiba.

Chiarisce invece il sostegno degli Emirati Arabi Uniti ad operare secondo le linee guida dell’OPEC.

Suhail al-Masroui è apparso su Twitter nel tentativo di rassicurare gli altri membri che “gli Emirati Arabi Uniti sono impegnati nell’accordo Opec + e nel suo attuale meccanismo di adeguamento della produzione mensile”.

Il prossimo incontro dell’OPEC+ è previsto per il 31 marzo.

Natasha Bertrand della CNN ha contribuito a questo rapporto.

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Stay Connected

0FansLike
3,376FollowersFollow
0SubscribersSubscribe
- Advertisement -spot_img

Latest Articles