Le etichette discografiche Sony, Warner e UMG hanno intentato una causa contro i generatori musicali basati sull’intelligenza artificiale Suno e Udio

SAN FRANCISCO — Lunedì i più grandi attori del settore della registrazione musicale hanno intentato una causa contro due startup musicali basate sull’intelligenza artificiale in rapida evoluzione, sostenendo che hanno utilizzato canzoni protette da copyright per addestrare i loro strumenti, aggiungendosi alla pila di cause legali che l’industria dell’intelligenza artificiale già deve affrontare.

Un gruppo di etichette discografiche, tra cui Sony Music Entertainment, Universal Music Group e Warner Records, hanno intentato due cause legali, una contro Suno e una contro Uncharted Labs, lo sviluppatore di Udio. Entrambe le società consentono alle persone di creare canzoni con semplici suggerimenti di testo.

“Servizi senza licenza come Suno e Udio che affermano che sia giusto copiare il lavoro di una vita di un artista e sfruttarlo per il proprio guadagno senza consenso o pagamento stanno frenando la promessa di un’intelligenza artificiale veramente innovativa per tutti noi”, ha affermato il CEO Mitch Glazier. Recording Industry Association of America, il gruppo industriale di cui fanno parte Sony, UMG e Warner.

Gli strumenti di intelligenza artificiale generativa come chatbot, generatori di immagini e generatori di brani vengono creati acquisendo grandi quantità di contenuti generati dall’uomo. Le case discografiche affermano che Suno e Udio hanno utilizzato canzoni che non avevano il diritto di utilizzare quando hanno addestrato i loro algoritmi di intelligenza artificiale.

In una dichiarazione inviata via email al Washington Post, il CEO di Sono, Mikey Shulman, ha dichiarato: “La nostra tecnologia è trasformativa, è progettata per generare output completamente nuovi, non per salvare e riprodurre contenuti preesistenti”. “Invece di godersi una discussione in buona fede, sono tornati al loro vecchio libro guidato dagli avvocati”, ha aggiunto delle case discografiche che hanno intentato le cause.

READ  Christie Brinkley condivide foto di procedure di trattamento del cancro della pelle e promuove la "protezione solare"

Fatti arrestare

Storie per tenerti informato

Un portavoce di Udio non ha risposto a una richiesta di commento.

Poiché l’interesse per l’intelligenza artificiale è cresciuto nell’ultimo anno, autori, artisti, grafici, musicisti e giornalisti hanno iniziato a respingere l’industria dell’intelligenza artificiale utilizzando i loro lavori per addestrare la tecnologia. Sono state intentate cause legali contro società di intelligenza artificiale come OpenAI da autori, comici e giornali.

I leader dell’intelligenza artificiale generalmente affermano che l’uso di libri, articoli di notizie e opere d’arte per addestrare l’intelligenza artificiale rientra nel “fair use”, un concetto nella legge sul copyright che consente il riutilizzo dei contenuti protetti da copyright se vengono modificati in modo significativo. Ma molti creatori non sono d’accordo, sostenendo che il loro lavoro viene rubato per creare strumenti che potrebbero essere utilizzati per sostituirli.

Suno e Udio consentono agli utenti di creare intere canzoni digitando una descrizione che può includere il genere desiderato, i testi e i tipi di strumenti utilizzati. Suno blocca le richieste che gli chiedono di creare una canzone che faccia la parodia di un artista specifico. Secondo i test condotti dal Washington Post, una richiesta di creare una canzone “nello stile di Dolly Parton” genera un messaggio di errore che informa che non è possibile creare qualcosa con un suggerimento dell’artista.

Ma questa politica non sembra sempre applicabile. A sostegno della causa, i querelanti hanno mostrato numerosi esempi di strumenti di intelligenza artificiale che producono canzoni quasi identiche a canzoni reali prodotte dall’uomo. Una canzone creata su Suno con il testo di “Great Balls of Fire” di Jerry Lee Lewis e il nome dell’artista ha prodotto una canzone AI con un ritornello che ha lo stesso tempo e lo stesso testo della canzone originale del 1961 ricreare la stessa canzone AI nel test.

READ  Il tuo oroscopo di sabato 6 aprile 2024

L’audio non sembra avere la stessa limitazione, producendo facilmente una triste canzone country con testi cantati da una voce simile a Parton quando viene fornita Stessa affermazione.

Alcuni musicisti hanno chiesto nuove leggi che proteggano specificamente il loro aspetto o il loro stile musicale. E nel Tennessee, sede dell’industria musicale di Nashville, i legislatori hanno aggiornato una vecchia legge all’inizio di quest’anno per vietare espressamente di imitare la voce di un musicista senza il loro permesso. Un gruppo bipartisan di senatori federali ha proposto una legge nazionale simile lo scorso anno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto