Le riprese delle telecamere a circuito chiuso di un incendio in una fabbrica che ha ucciso più di 20 persone stanno suscitando l’indignazione dell’opinione pubblica

È iniziato il discorso sulla sicurezza sul lavoro.

Il 24 giugno è scoppiato un enorme incendio in una fabbrica di batterie a Hwaseong, in Corea del Sud. Nonostante un intervento di livello 2, in cui sono stati inviati più di 145 vigili del fuoco e 50 mezzi dei vigili del fuoco per combattere l’incendio, sono stati recuperati più di 20 corpi dalla scena, compresi i 23 lavoratori che erano stati segnalati come dispersi in precedenza.

Scarica - 2024-06-28T103103.622
| Yonhap

Il tragico incidente ha lasciato scosso l’intero Paese dopo le prime notizie. Ma le recenti riprese delle telecamere a circuito chiuso dell’incendio hanno scatenato profonde discussioni sulla sicurezza dei lavoratori in fabbrica e sulla possibilità che la tragedia avrebbe potuto essere evitata.

Scarica - 2024-06-28T103117.673
| Yonhap

I filmati di sicurezza della fabbrica hanno mostrato che l’incendio è iniziato con una piccola esplosione provocata da una pila di pacchi batteria impilati all’altezza delle ginocchia. Non vi è alcuna indicazione chiara se qualche circostanza esterna abbia causato l’esplosione. Un dipendente, però, si è accorto del fumo e si è subito ritirato. Due dipendenti di sesso maschile hanno iniziato a rimuovere la pila fumante di batterie, probabilmente per evitare che l’incendio si diffondesse ad altre batterie. Tuttavia, il personale di sala generalmente non si rendeva conto della gravità della situazione quando riprendeva il lavoro.

Pochi secondi dopo l’inizio del fumo, una grande fiamma si è accesa dal pacco batterie, provocando un’esplosione secondaria. I due dipendenti che stavano spostando il dispositivo sono stati presi dal panico e si sono ritirati. Cinque secondi dopo, si è verificata una nuova esplosione, spingendo un altro dipendente a prendere un estintore. Sfortunatamente questo estintore a polvere sembrava inadatto per una fiamma al litio, poiché non faceva nulla per ridurre le fiamme.

READ  Funzionario di Hamas: L'accordo di cessate il fuoco a Gaza non può essere collegato alla restituzione degli ostaggi

Mentre il dipendente continuava a utilizzare l’estintore, si è verificata un’altra esplosione e a questo punto i lavoratori hanno iniziato l’evacuazione. Subito dopo, ci furono 5-6 esplosioni successive con lampi luminosi mentre lo schermo si riempiva di fumo denso. Circa 4 ore e 40 minuti dopo, 21 dipendenti che lavoravano su quel piano furono trovati morti nella stanza d’angolo di fronte al punto di accensione iniziale.

Questo filmato ha sollevato dubbi tra gli utenti della rete sul fatto che i lavoratori abbiano ricevuto una formazione adeguata per affrontare tali emergenze. Molti pensavano che se avessero conosciuto le misure di sicurezza adeguate da adottare, questo bilancio delle vittime avrebbe potuto essere evitato del tutto.

Schermata 28-06-2024 095313
| theqoo
  • “L’azienda avrebbe dovuto fornire una formazione regolare per situazioni come questa.”
  • “Ieri ho visto al telegiornale che molti dei lavoratori erano dipendenti temporanei che non lavoravano lì da molto tempo e non conoscevano la disposizione dell’edificio, il che ha contribuito alla tragedia. L’uscita era situata vicino all’incendio. e non c’era uscita sul lato opposto, quindi erano intrappolati e non potevano uscire.”
  • “Oh no, non avevano abbastanza formazione sulla sicurezza…”
  • “È così fastidioso…”
  • “Sigh… Se solo fossero stati evacuati subito.”

Questo incidente ha messo Aricel sotto esame poiché la maggior parte della sua forza lavoro è composta da lavoratori stranieri in possesso di visti coreani F-4 e visti di lavoro e visita H-2, nonostante non soddisfino gli standard necessari per impiegare tali lavoratori. L’amministratore delegato di Aricel, Park Sun-kwan, ha negato le accuse di assunzione illegale di lavoratori stranieri, sottolineando che la maggior parte di loro sono stati assunti tramite un’agenzia di risorse umane come lavoratori giornalieri subappaltati. Ha inoltre affermato che l’agenzia stava fornendo istruzioni ai lavoratori, nel tentativo di eludere la responsabilità di fornire loro formazione professionale in materia di sicurezza.

La percentuale di lavoratori stranieri in Aricel dimostra che si tratta di un’azienda che fa molto affidamento sui lavoratori stranieri. C’è il forte sospetto che si tratti di un caso di reclutamento illegale di lavoratori stranieri con l’obiettivo di ottenere manodopera a basso costo senza adeguate misure di sicurezza.

— Professor Kim Sung-hee, Scuola di specializzazione in studi sul lavoro dell’Università della Corea

fonte: Tiko E Hankyoreh

Cosa sta succedendo in Corea

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto