Le sanzioni metteranno alla prova l’economia “fortificata” russa

Dal 2014, quando gli Stati Uniti e i loro alleati occidentali hanno imposto sanzioni a Mosca in seguito annessione della Crimea Abbattendo il volo Malaysia Airlines 17, il presidente russo stava cercando di costruire un’economia in grado di resistere a sanzioni più severe.

La paura di ciò che potrebbero fare le sanzioni ha fatto crollare le azioni russe del 33% giovedì. Da allora hanno recuperato alcune di queste perdite, ma il rublo continua a essere scambiato vicino ai minimi storici rispetto al dollaro e all’euro.

L’economia russa da 1,5 trilioni di dollari è l’undicesima più grande al mondo, dopo la Corea del Sud. Dal 2014 il suo PIL è cresciuto a malapena e la sua gente sta diventando sempre più povera. Anche il rublo si è deprezzato, riducendo il valore dell’economia russa di 800 miliardi di dollari.

Nello stesso periodo, Mosca ha tentato di svezzare la sua economia dipendente dal petrolio dal dollaro, limitando la spesa pubblica e accumulando valuta estera.

I pianificatori economici di Putin hanno cercato di aumentare la produzione interna di determinati beni vietando prodotti simili dall’estero. Nel frattempo, Mosca ha accumulato un fondo di guerra di 630 miliardi di dollari in riserve internazionali, un importo enorme rispetto alla maggior parte degli altri paesi.

“L’economia della fortezza” richiede la creazione di grandi riserve valutarie che possono essere spese se le sanzioni sono dolorose, ha affermato David Lubin, economista di Citi e collega di Chatham House.

“La Russia ha preso sul serio questo modello”, ha scritto di recente.

Alcune di queste riserve sono già state pubblicate. Giovedì, la Banca centrale russa ha dichiarato che stava intervenendo sui mercati valutari per sostenere il rublo. Venerdì, ha affermato che stava aumentando la fornitura di banconote agli sportelli automatici per soddisfare la crescente domanda di contanti. L’agenzia di stampa statale russa TASS ha riferito che molte banche hanno assistito a un aumento dei prelievi dall’invasione dell’Ucraina, in particolare in valute estere.

READ  37 paesi affermano che Russia e Bielorussia "non dovrebbero essere autorizzate a ospitare" eventi sportivi internazionali

Durante la costruzione di un fondo di guerra, la dura strategia di Putin ha anche limitato la crescita economica, gli investimenti e la produttività e ha dato la priorità alle società statali rispetto a quelle private. I redditi dei comuni russi sono precipitati ai livelli visti l’ultima volta all’inizio degli anni 2010 e i nuovi investimenti diretti esteri sono minimi. Inoltre, la Russia non è riuscita a diversificare il petrolio e il gas, lasciandola altamente vulnerabile alle fluttuazioni dei prezzi delle materie prime globali.

Cattura il “castello”

Meno di 24 ore dopo che le forze russe hanno attaccato l’Ucraina da nord, sud e est, il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha rivelato sanzioni radicali volte a danneggiare l’economia russa e trasformare Putin in un “paria” internazionale.

Le sanzioni statunitensi prendono di mira le due maggiori istituzioni finanziarie russe, Sberbank e VTB, e impediscono loro di elaborare pagamenti attraverso il sistema finanziario statunitense. Le società statali russe non potranno raccogliere capitali attraverso i mercati statunitensi. Le sanzioni coprono quasi l’80% delle attività bancarie russe.

Gli Stati Uniti stanno anche cercando di paralizzare le società militari e industriali russe impedendo loro di acquistare tecnologie critiche come chip per computer avanzati.

L’Unione Europea, il Regno Unito, il Giappone, l’Australia e altri paesi hanno annunciato le proprie sanzioni contro società e individui russi, un’azione coordinata senza precedenti per portata e potenziale impatto economico. I funzionari di Stati Uniti, Regno Unito e UE sono andati oltre venerdì e hanno imposto sanzioni allo stesso Putin.

“Non credo che abbiamo visto nulla del genere, ed è molto più grave delle sanzioni del 2014”, ha affermato Ika Korhonen, capo dell’Istituto per le economie emergenti della Banca di Finlandia ed esperta dei sistemi bancari e finanziari russi. .

READ  Gli Stati Uniti hanno proposto alla Turchia di trasferire un sistema missilistico di fabbricazione russa in Ucraina

Tuttavia, la Russia stava preparando la sua economia per questo momento. E poiché i prezzi mondiali del petrolio di 100 dollari al barile producono enormi entrate per lo stato, Mosca può garantire il pagamento di stipendi e pensioni.

“Possono cavarsela per un po’”, ha detto Korhonen. “Ma più a lungo va avanti, più lenta sarà la crescita”.

Più sanzioni?

Gli Stati Uniti e l’Unione Europea hanno finora evitato di prendere di mira le massicce esportazioni russe di petrolio e gas naturale e l’alleanza non è riuscita a raggiungere un consenso sull’opportunità di isolare Mosca da SWIFT, una rete di messaggistica altamente sicura che collega migliaia di istituzioni finanziarie Intorno al mondo.

Alcuni esperti hanno sostenuto che tali misure dovrebbero essere prese in considerazione ora per dissuadere Putin da ulteriori aggressioni. L’Ucraina ha lanciato un appello affinché la Russia venga rimossa dal sistema SWIFT, un invito sostenuto da Lituania, Estonia, Lettonia e Regno Unito ma contrastato da altri paesi europei, in particolare la Germania.

Entrambe le misure potrebbero comportare una grave battuta d’arresto economica per l’Occidente. I prezzi del gas naturale sono molto alti in Europa e il taglio delle forniture alla Russia potrebbe spingerli verso l’alto. Allo stesso modo, un calo delle esportazioni russe di greggio porterà a un aumento dei prezzi del petrolio e della benzina.

Ma mentre le forze russe avanzano nella capitale, Kiev, quel prezzo è quello che alcuni dicono che l’Occidente dovrebbe essere disposto a pagare.

“Non abbiamo cinque anni perché l’economia russa si deteriori lentamente. Dobbiamo farlo ora”, ha affermato Tyler Kostra, professore associato di politica e relazioni internazionali all’Università di Nottingham in Inghilterra.

READ  Il discorso di Putin è stato scioccante per molti, ma non per le persone a Kiev

– Nathan Hodge e Vasco Cutofio hanno contribuito al reporting.

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Stay Connected

0FansLike
3,514FollowersFollow
0SubscribersSubscribe
- Advertisement -spot_img

Latest Articles