L’indice S&P 500 sale ai massimi storici mentre Powell inizia a fornire testimonianze semestrali

Il presidente della Federal Reserve Jerome Powell ha iniziato martedì a fornire il suo aggiornamento semestrale al Congresso, presentandosi davanti al Comitato bancario del Senato. Domani comparirà davanti alla commissione per i servizi finanziari della Camera.

Jennifer Schonberger di Yahoo Finance racconta la storia:

Powell ha indicato che la banca centrale si sta avvicinando a sentirsi a proprio agio nel tagliare i tassi di interesse, affermando di essere incoraggiato dall’evidenza di un’inflazione più bassa e che più “buoni dati” aiuterebbero a portare la Fed dove vuole essere.

I dati sull’inflazione “hanno mostrato ulteriori modesti progressi” dopo alcuni dati più positivi nel primo trimestre, ha affermato martedì in una testimonianza preparata ai legislatori statunitensi, “e dati più validi rafforzerebbero la nostra fiducia che l’inflazione si sta muovendo in modo sostenibile verso il 2%”.

Questa è la seconda volta nella scorsa settimana che Powell esprime ottimismo riguardo al quadro dell’inflazione. Martedì scorso, ha osservato che gli ultimi due dati sull’inflazione di aprile e maggio “suggeriscono che stiamo tornando su un percorso deflazionistico”.

FILE - Il presidente della Federal Reserve Jerome Powell parla a una conferenza stampa presso la Federal Reserve Bank a Washington, il 12 giugno 2024. Powell testimonia davanti al Comitato bancario del Senato martedì 9 luglio 2024. (AP Photo/Susan Walsh, file)

Il presidente della Federal Reserve Jerome Powell parla a una conferenza stampa presso la Federal Reserve Bank di Washington, il 12 giugno 2024. (AP Photo/Susan Walsh, file) (Agenzia di stampa)

La prossima lettura dell’inflazione, misurata dall’indice dei prezzi al consumo, è prevista per giovedì.

Non si prevede un peggioramento dell’inflazione, ma nemmeno un calo. Sulla base dell’IPC “core” – che esclude la volatilità dei prezzi alimentari ed energetici che la Fed non può controllare – l’inflazione dovrebbe rimanere stabile al 3,4% a giugno rispetto allo stesso livello di maggio.

Powell ha indicato nella sua testimonianza che la Fed continuerà a prendere decisioni sulla politica monetaria una riunione dopo l’altra. Ha sottolineato che abbassare i tassi di interesse troppo rapidamente potrebbe invertire i progressi compiuti nella riduzione dell’inflazione, mentre mantenere i tassi di interesse elevati per un lungo periodo potrebbe indebolire l’economia e il mercato del lavoro.

READ  Il quarto dirigente di FTX si dichiara colpevole prima del processo Sam Bankman-Fried

Si prevede che i democratici faranno pressione su Powell affinché tagli presto i tassi di interesse, mentre i repubblicani probabilmente faranno pressione su Powell sulle regole sul capitale bancario e sottolineeranno che i tassi di interesse non dovrebbero essere tagliati così vicino alle elezioni di novembre.

Nella sua testimonianza, Powell ha affermato che il Congresso ha concesso alla Fed l’indipendenza operativa necessaria per adottare una “prospettiva a lungo termine” nel perseguimento della sua duplice missione di massima occupazione e stabilità dei prezzi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto