L’ULA rinvia il lancio di NROL-107, l’ultima missione Atlas della NRO

La United Launch Alliance (ULA) ha annullato il lancio dell’Atlas V per la missione classificata NROL-107 Silent Barker previsto per martedì. L’ULA ha osservato che “per un’eccessiva cautela riguardo alla sicurezza del personale, a un carico utile critico per la sicurezza nazionale e all’avvicinarsi della tempesta tropicale Idalia”, è stata presa la decisione di restituire il missile e il carico utile alla Vertical Integration Facility (VIF) presso SLC- 41.

Per questa impegnativa missione di invio del carico utile in un’orbita quasi geosincrona, Atlas V volerà nella sua configurazione attiva più potente: Atlas V 551.

Lancio dell’NROL-107 Silent Parker

Silent Barker è un progetto congiunto tra il National Reconnaissance Office (NRO) e la US Space Force che è in sviluppo da quasi tre anni. Secondo le revisioni del budget pubblicate,SILENTBARKER fornirà la possibilità di cercare, rilevare e tracciare oggetti da un sensore spaziale per la prenotazione tempestiva e il rilevamento degli eventi.

In sostanza, ciò significa che Silent Parker formerà una costellazione di satelliti di “sorveglianza” utilizzata per tracciare le attività di altri paesi in orbita geostazionaria. Questo differisce dall’attuale metodo di tracciamento geostazionario che utilizza risorse terrestri, che possono tracciare oggetti fino alle dimensioni di un pallone da basket, a seconda delle condizioni meteorologiche sul terreno. Silent Barker può tracciare piccoli oggetti e monitorare continuamente la loro posizione e movimento.

Questo lancio, che dovrebbe essere uno dei due in totale per la proto-costellazione, avrà a bordo più satelliti, anche se il numero esatto è riservato. NRO gestirà la costellazione, che dovrebbe essere operativa entro il 2026.

In base ai requisiti di lancio dichiarati, il carico utile della Silent Barker verrà lanciato in un’orbita di 41.849 x 42.479 chilometri con inclinazione zero, posizionata nello slot 105° est. Ciò pone i satelliti a circa 7.000 chilometri sopra l’orbita geosincrona. Non è noto dove si sposteranno i satelliti dopo il dispiegamento.

Ma prima che qualsiasi attività possa essere intrapresa in orbita, Silent Parker deve essere lanciato.

READ  SpaceX sta ritardando il lancio degli astronauti Crew-7 sulla Stazione Spaziale Internazionale

La piattaforma di lancio dell’Atlas V del carico utile ha iniziato ad accatastarsi all’inizio di agosto. Il booster del primo stadio è stato installato per la prima volta sulla piattaforma di lancio mobile, seguito dai cinque motori a razzo a propellente solido (SRM) del GEM-63 e dallo stadio superiore del Centaur, alloggiato all’interno della base di carico utile di cinque metri.

L’11 agosto, l’intero assieme, escluso il carico utile, è stato lanciato sulla rampa di lancio dell’SLC-41. Lì, l’auto ha condotto una prova sul bagnato (WDR). Come suggerisce il nome, questo evento è una prova generale delle attività del giorno del lancio, dal caricamento del propellente fino all’avvio del motore. Ciò aiuta a risolvere eventuali problemi con il veicolo di lancio integrato e i sistemi di supporto a terra prima del giorno del lancio.

Molti lanci ULA non includono un WDR pre-volo. Tuttavia, i clienti possono richiedere carichi più significativi o costosi. Missioni come i voli Boeing Starliner, le missioni scientifiche della NASA e i carichi utili NRO hanno comunemente utilizzato tali test.

Una vista ingrandita della configurazione dell’Atlas V 551, la versione volante più potente dell’Atlas V. Questo razzo porterà in orbita l’NROL-107. (Credito: United Launch Alliance)

Dopo il completamento del WDR, l’Atlas V è stato restituito alla struttura di integrazione verticale per l’installazione del carico utile. Sebbene l’ossigeno liquido criogenico e il carburante idrogeno liquido siano stati scaricati dal veicolo prima della retrazione, il carburante del primo stadio RP-1 no. Questo perché l’RP-1, una forma raffinata di cherosene, è stabile a temperatura ambiente e può rimanere a lungo all’interno di un veicolo rispetto ai propellenti criogenici.

L’NROL-107, alloggiato all’interno dell’interfaccia di carico utile larga cinque metri, è stato sollevato sul resto del veicolo di lancio prima che il razzo ormai completato tornasse alla rampa di lancio.

Il giorno del lancio, Atlas V sarà caricato con i rimanenti propellenti criogenici: ossigeno liquido e idrogeno liquido. Il motore del primo stadio RD-180 RP-1 brucia ossigeno liquido e ossigeno liquido, mentre il motore del secondo stadio Centaur RL-10C-1-1 brucia idrogeno liquido e ossigeno liquido.

READ  L'India lancia una missione per studiare il Sole, pochi giorni dopo l'atterraggio del Chandrayaan-3

Sia il motore RD-180 che lo stadio superiore Centaur affondano le loro radici nei precedenti veicoli Atlas. Centaur volava come secondo stadio per i razzi Atlas dal maggio 1962 sull’Atlas Centaur, il razzo che lanciò le sonde lunari Surveyor, molteplici missioni Mariner su Marte e Pioneer 10 e 11 su Giove e Saturno. Tuttavia, l’RD-180 è più recente, avendo iniziato la sua vita operativa sul breve Atlas III nel 2000. Mentre l’RD-180 verrà ritirato insieme all’Atlas V alla fine di questo decennio, il Centaur è stato ulteriormente sviluppato. proveniente dall’ULA. razzo.

Il conto alla rovescia entrerà in una pausa pianificata a T-4 minuti, durante la quale il controllo missione ATLAS condurrà un’ultima ricognizione go-or-go per tutti i controllori di volo per garantire che il veicolo sia sicuro e pronto per il lancio. Se tutti i controllori rispondono “vai”, la sospensione verrà rilasciata poco dopo.

Durante gli ultimi quattro minuti del conto alla rovescia, i propellenti verranno riempiti e i serbatoi saranno pressurizzati per il volo. A T-2,7 secondi, il motore dell’RD-180 si accende e i computer di volo controllano in modo indipendente tutti i sistemi del motore e del veicolo. Se il motore e il veicolo nel loro insieme funzionano come previsto, i computer comandano l’accensione simultanea di cinque SRM e il rilascio delle pinze di lancio, consentendo al veicolo di lanciarsi dalla rampa di lancio a T+1 secondo.

Grazie all’elevata spinta dei cinque missili GEM-63 SRM, Atlas V diventerà supersonico poco più di 35 secondi dopo il decollo. Dopo soli 11 secondi la vettura raggiungerà il suo Q massimo, ovvero il periodo di massima pressione dinamica sulla vettura. Dopo questo punto, il carico aerodinamico sul veicolo diminuirà fino a raggiungere quasi lo zero quando il razzo entrerà nel vuoto dello spazio.

Una vista a bordo del secondo stadio Centaur in un precedente lancio di Atlas V, che mostra la caduta dello stadio booster. (Credito: United Launch Alliance)

Un minuto e 44 secondi dopo il lancio, gli SRM bruceranno e verranno scartati. Saranno divisi in un gruppo da due e un gruppo da tre, con un intervallo di due secondi tra loro.

READ  Il mammut lanoso potrebbe davvero essere rianimato? Gli scienziati stanno facendo un piccolo passo avanti

Il prossimo evento sarà lo smaltimento del carico utile a T+3 minuti e 5 secondi, che esporrà i carichi utili del Centaur e del Silent Barker allo spazio. Questo rimuove parte della massa morta. La copertura protettiva non sarà più necessaria perché l’auto si troverà nel vuoto dello spazio. Anche i due reattori a caricamento frontale del Centaur verrebbero lanciati in mare dopo pochi secondi. Questi componenti hardware reindirizzano parte del carico strutturale dal trasduttore del carico utile ai lati della carenatura, riducendo le sollecitazioni complessive sulle sottili pareti del serbatoio del Centaur durante le porzioni iniziali di volo ad alta accelerazione.

A causa della natura riservata di questa missione, il programma di lancio pubblicato non include i dettagli di eventuali altri eventi della missione. Tuttavia, sulla base dei precedenti voli dell’Atlas V 551, si può concludere che il booster Atlas – o primo stadio – dovrebbe bruciarsi e separare circa quattro minuti e mezzo dal volo. Centaur avvierà quindi la prima delle tre o quattro possibili accensioni, portando il carico utile in un’orbita terrestre bassa e fissa. Il motore dell’RL-10 verrebbe quindi spento e il palco si muoverebbe.

Dopo essere rimasto sospeso per un po’, RL-10 si accenderà una seconda volta, mandando il gruppo in un’orbita di trasferimento geostazionaria. Ancora una volta, la tappa entrerà nella fase Coast, questa volta per circa cinque o sei ore.

Vicino all’afelio, il punto più alto nell’orbita di trasferimento geostazionaria, Centaur alimenterà il motore RL-10 per la terza volta, portando Silent Barker in un’orbita quasi sincrona terrestre. I satelliti sarebbero quindi stati schierati e il Centaur avrebbe scaricato il propellente rimanente o avrebbe acceso il motore un’ultima volta, entrando nell’orbita del cimitero per smaltirlo.

Sarà la 98esima missione per Atlas V e la seconda quest’anno per United Launch Alliance. Si chiude anche un capitolo nella storia di Atlas V. L’NROL-107 sarà l’ultimo carico utile NRO ad essere lanciato su Atlas V, poiché tutte le altre missioni di ricognizione ULA voleranno sul prossimo razzo Vulcan.

(FOTO IN ALTO: Atlas V viene lanciato sulla piattaforma di lancio SLC-41 prima della missione AEHF-6 nel marzo 2020. Credito immagine: United Launch Alliance)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto