CronacaPartinico

Omicidio Ana. La madre: “Mia figlia era gracile”, il padre dell’assassino: “Le donne fanno andare fuori di cervello”

Non si placano le considerazioni sulla vicenda che ha scandalizzato tutta Italia. Polemica per le frasi di Vito Borgia, padre dell'assassino


Non cessano le polemiche sul caso Ana Di Piazza. A tenere banco sono le dichiarazioni del padre di Antonino Borgia che – intervistato – si è lasciato andare in disquisizioni non particolarmente felici sulla vicenda: “Qualche volta le donne – dice – con questa storia della parità si lasciano andare. Vogliono, pretendono e sopprimono in un modo tale da fare andare l’uomo fuori di cervello”, parole che hanno scatenato immediatamente un nuovo putiferio dopo l’aspro dibattito sortito dalle dichiarazioni di Maria Cagnina – moglie di Borgia – che ha dichiarato di non voler lasciare solo suo marito.

Intanto la famiglia di Ana spezza il silenzio e lo fa attraverso le parole della cugina Monica intervistata in esclusiva da “Il Tarlo”, Monica Di Piazza parla delle orribili offese piovute dai social alla cugina più volte definita come una poco di buono che, in un certo senso, se l’è cercata: “Fa riflettere come queste parole siano state scritte soprattutto da donne – dichiara la giovane – diciamo basta e chiediamo rispetto per la memoria di Ana e per il nostro dolore.”.

Anche la madre di Ana rompe il silenzio e parla al Giornale di Sicilia: “Penso solo ad andare avanti con mio nipote – dichiara – il mio scopo è quello di cercare di farlo crescere nel miglior modo possibile. Mia figlia era gracile, credeva che il cavallo volava. Forse si era invaghita, può darsi, non lo sò.”.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close
Close