PartinicoPolitica

Partinico, da ex Consiglieri: solidarietà e sostegno all’ex Sindaco De Luca e apprezzamento al Segretario Generale

Gli ex consiglieri del Comune di Partinico: "Chiederemo un incontro alla commissione prefettizia"



“Se non ci fosse stato il contributo del Segretario Generale Lucio Guarino ( scelta alla quale diedi il mio piccolo contributo in quanto avevo già avuto modo di apprezzarne l’autorevolezza, la capacità, la professionalità e l’imparzialità dal lontano 2005), nonostante la buona fede, qualsiasi amministratore avrebbe avuto grossissime difficoltà a disinnescare i tanti comitati d’affare che si sono annidati in questi anni nella nostra municipalità. La collettività deve essere grata al Dott. Lucio Guarino”. Lo dice l’ex consigliere Toti Comito. L’ex consigliere partinicese insieme ad Erasmo Brigano, Gaspare Sollena ed Elisa Giordano attraverso un comunicato stampa hanno anche analizzato, l’attuale situazione che ha investito il Comune di Partinico. Pubblichiamo integralmente il comunicato stampa.

Con l’arrivo dei commissari prefettizi si chiude un capitolo e, molto probabilmente, un’epoca fatta di storture e ibridi connubi. Si pone fine alla stagione di nani, ballerini, falsi profeti, imbonitori, domatori, anestesisti delle carte rinchiuse nei cassetti. Adesso si apre un altro capitolo che sarà composto da pagine drammatiche ma necessarie per un ritorno alla normalità. Pertanto un doveroso e sentito augurio di buon lavoro ai commissari prefettizi che si sono insediati. Siamo certi che stamane si sia finalmente insediata al Comune di Partinico, la legalità: sia nella forma, sia nella sostanza.

Forse è l’occasione che la maggioranza silenziosa del paese attendeva. Forse è la volta giusta per una seconda opportunità affinché la nostra cittadina possa uscire dal grigiore e lo squallore che l’avvolge da troppi anni. Il lavoro che doveva e dovrà essere svolto non poteva essere compiuto da un Sindaco uscito dalle urne o da compagini politiche troppo eterogenee e unite da contingenze elettorali piuttosto che da un vero e reale progetto politico/programmatico. Per la situazione in cui versa il paese gli strumenti utili e necessari per una svolta non potevano appartenere ad un Sindaco, seppur determinato e dalla schiena dritta, frutto di una competizione elettorale. Al contrario, una commissione prefettizia con i poteri, contemporaneamente, di sindaco, giunta e consiglio potrà, in silenzio, senza proclami e senza dover utilizzare il “compromesso d’aula”, restituire alla parte sana del paese la dignità e la libertà usurpata da decenni di allegra amministrazione. Era un passaggio obbligatorio. Ciò che era necessario fare è stato, coraggiosamente, fatto. L’isolamento e il mascariamento continua e continuerà, ma oramai non ha più importanza: il solco è stato segnato, tornare indietro non sarà possibile!!!

Per quanto ci riguarda continuerà l’impegno e il nostro interessamento alla rinascita della res pubblica e, non appena sarà possibile, chiederemo un incontro alla commissione prefettizia poiché, nel percorso di risanamento e ripristino della legalità, abbiamo tentato di fare la nostra parte e vogliamo continuare a dare il nostro contributo senza tentennamenti, annacamenti e risparmio di energie.

 

Articoli Correlati

Back to top button
Close