PartinicoPolitica

Partinico, il consigliere Renzo Di Trapani chiede di accelerare le procedure operative nell’emissione dei buoni spesa

Il consigliere partinicese questa mattina ha presentato al Comune la richiesta di riapertura dei termini per le convenzioni con gli esercenti commerciali per l'utilizzo degli stessi buoni spesa


Il consigliere comunale di Partinico Renzo Di Trapani con una nota inviata al Commissario Straordinario, al Segretario Generale e al Responsabile del Settore dei Servizi Sociali, ha formulato delle proposte finalizzate ad accelerare le procedure operative nell’emissione dei buoni spesa.

“Si è proposto di istruire le domande man mano che vengono presentate, secondo la procedura cosiddetta a sportello, seguendo l’ordine cronologico di presentazione e le priorità, prevista nell’avviso, per coloro che sono privi di qualsiasi fonte di sostentamento. Controllata la corretta compilazione sia della domanda che della allegata auto-dichiarazione e verificata la non presenza dei richiedenti negli elenchi degli assegnatari delle altre forme di sostegno pubblico, si potrà procedere all’emissione immediata dei buoni spesa, da consegnare brevi mani oppure tramite la Polizia Municipale”, si legge nella nota del consigliere Di Trapani che continua: “ L’importo dei buoni spesa, in questa fase, sarà pari alla metà dell’importo spettante, in modo che le famiglie possano fare la spesa in vista delle festività pasquali. In una seconda fase, alla scadenza dell’avviso (ore 14 del 9 aprile) fatte le opportune istruttorie e predisposti gli elenchi, secondo i criteri stabiliti nell’avviso, si potrà provvedere a consegnare i buoni spesa a completamento dell’importo già erogato parzialmente ai nuclei familiari che non hanno nessuna fonte di sostentamento; esaurita la platea di questi soggetti prioritari, si procederà alla consegna dei buoni spesa spettanti ai nuclei familiari che ne hanno fatto richiesta, compatibilmente con le risorse disponibili”.

Il consigliere ha anche proposto di: “Estendere la possibilità di utilizzare i buoni spesa a tutti gli esercenti delle attività di beni alimentari e di beni di prima necessità (supermercati, carnezzerie, negozi alimentari, negozi di frutta, farmacie, sanitarie, negozi per la prima infanzia, etc.) che diano la loro disponibilità a convenzionarsi con il comune, anche dopo la scadenza del termine fissato nell’apposito avviso emanato dal Comune, ciò perché è probabile che non tutti gli esercenti commerciali siano venuti a conoscenza dell’avviso che ha dato un termine di appena 24 ore per la presentazione delle domande di convenzione”.

“E’ importante che in tutte le attività commerciali di beni alimentari e di beni di prima necessità si abbia la possibilità di utilizzare i buoni spesa, sia per dare respiro alle attività stesse sia per consentire alle famiglie un più parsimonioso utilizzo dei buoni, avendo la possibilità di scegliere tra le migliori offerte disponibili – termina la nota del consigliere partinicese – inoltre, dare la possibilità di spendere i buoni spesa in tutti gli esercizi commerciali che danno la disponibilità, permetterebbe di rispettare le necessarie misure di contenimento che verrebbero pregiudicate dal sovraffollamento che si verificherebbe nel caso in cui i buoni sarebbero spendili soltanto in pochi esercizi commerciali (come ad esempio nei supermercati)”.

 

Leggi tutto l'articolo

Articoli Correlati

Back to top button
Close