Quincy Wilson potrebbe guadagnarsi un’offerta olimpica nei 400 metri alle prove su pista statunitensi

EUGENE, Oregon – Sulla scia di quello che ha descritto come uno dei giorni più belli della sua vita, Quincy Wilson ha studiato i tempi degli uomini contro cui ha gareggiato. Ha notato che molti di loro hanno corso i migliori 400 metri della loro stagione, se non dell’intera carriera.

“Li ho spinti oggi”, ha detto Wilson, sfoggiando il suo sorriso irresistibile. “Perché non volevano essere picchiati da un sedicenne.”

I rivali di Wilson – coloro che possono guidare e votare legalmente – dovranno nuovamente avere a che fare con lui. Wilson, un Bullis junior che è esploso sulla scena sportiva nazionale, è avanzato alla finale dei 400 metri di domenica alle prove olimpiche di atletica leggera degli Stati Uniti con il suo storico secondo posto in tre giorni. Lunedì sera, poche settimane dopo aver conseguito una A al secondo anno di liceo e pochi giorni dopo essere stato nominato Atleta dell’anno All-Met da The Post, Wilson correrà una gara con la possibilità di competere alle Olimpiadi di Parigi.

Wilson ha fatto irruzione nelle finali con una corsa coraggiosa in semifinale, superando un paio di rivali negli ultimi 100 metri per finire terzo nella sua manche in 44,59 secondi. Il record del liceo americano era rimasto in piedi per 42 anni prima che Wilson corresse i 400 metri in 44,66 secondi nel round di apertura di venerdì. È sopravvissuto solo per un giorno prima che Wilson lo rompesse di nuovo.

“Sono passati 42 anni e nessuno è riuscito a battere quel record, e io l’ho battuto due volte in due giorni”, ha detto Wilson. “Significa molto per me, perché significa che il mio duro lavoro sta dando i suoi frutti: restare più a lungo dopo gli allenamenti, prima degli allenamenti.”

READ  Il Real Madrid affronta il Manchester City e l'Arsenal affronta il Bayern Monaco nel sorteggio dei quarti di finale di Champions League

Il pubblico di Hayward Field ha applaudito Wilson mentre si sistemava tra i blocchi, indossando una tuta da corsa color lavanda con la parola “Bullis” sul petto. Wilson ha provato a bloccare il suo calcio, ma gli è costato caro all’inizio della gara. Dopo 200 metri era all’ottavo posto. È arrivato quinto all’ultima curva, sembrava in difficoltà.

“Stai calmo”, pensò Wilson. “Al cento per cento, state calmi, non sono uscito come volevo, ma come ha detto il mio allenatore: la gara inizia ai 300 metri.

Soprattutto, Wilson aveva fiducia nel lavoro che svolgeva, e in tutte le colline e negli estenuanti sprint di 300 metri che correva. Ha corso gli ultimi 100 metri in 12,06 secondi, il quinto tempo parziale tra i 27 semifinalisti, e ha catturato tutti tranne Quincy Hall (44,42), Bryce Dedmon (44,44) e il potente Vernon Norwood (44,50).

“Tutto quello che faccio è cuore”, ha detto Wilson. “Un sedicenne è probabile che sia intimidito quando va a una grande competizione. Vernon, ha 32 anni. Io ho la metà dei suoi anni. Sto solo correndo per salvarmi la vita quando sono là fuori. Il piano di gara è uscito dalla finestra.”

La prestazione ha confermato la convinzione di Wilson di poter sopportare tre round in quattro giorni alla distanza di asciugatura. “Ho 16 anni”, ha detto Wilson, ridendo di nuovo. “Non ho nemmeno sentito niente.”

Non tutti i concorrenti si sono convertiti. Michael Norman, un campione del mondo, ha gareggiato nelle sue prime prove americane all’età di 18 anni. Norman è rimasto colpito da Wilson – “fantastico”, ha detto – ma ha esitato quando gli è stato chiesto se considerava Wilson un legittimo contendente per finire tra i primi tre domenica e conquistare un posto olimpico.

READ  Il Liverpool ha completato il trasferimento di Wataru Endo dal VfB Stuttgart con un accordo del valore di circa 19 milioni di euro

“È dura”, ha detto Norman. “Ci sono persone che lottano per i soldi. È arrivato in finale. È molto difficile da dire. Questa è probabilmente la prima volta che fa tre round. Ricordo che ho fatto tre round nei 200 metri, ed ero cotto i ragazzi Adesso è diverso, tutto è possibile”.

La finale dei 400 metri è prevista lunedì alle 21:59 ET. Se Wilson finisce tra i primi tre e riesce a qualificarsi per le Olimpiadi, per lui si presenterà una complicazione unica: se gareggia a Parigi, non avrà il tempo di frequentare le lezioni di guida.

Quando Wilson è uscito di pista domenica, il suo allenatore, Joe Lee, lo ha incontrato. Lee disse a Wilson per la prima volta che era orgoglioso di lui. Ha quindi iniziato rapidamente a descrivere nei dettagli la sua gara e a spiegare come avrebbe potuto migliorare per lunedì, la prossima gara più importante della sua vita.

“Non vedo l’ora fino a domani”, ha detto Wilson.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto