CronacaPalermo

Rete Antiviolenza Carabinieri Di Palermo: arrivano i primi risultati

La "Rete Antiviolenza Carabinieri Di Palermo", costituita lo scorso 14 novembre, tira le somme del suo primo periodo di attività. Nel solo mese di gennaio, sono stati arrestate dieci persone e denunciate altre 9 per reati riconducibili a interventi contro la violenza di genere



La “Rete Antiviolenza Carabinieri Di Palermo”, costituita lo scorso 14 novembre, tira le somme del suo primo periodo di attività.

Non è solo una questione di numeri per l’Arma dei Carabinieri che, a Palermo e provincia, nel solo mese di gennaio, ha arrestato 10 persone e denunciato altre 9 per reati riconducibili a interventi contro la violenza di genere. E’ anche – e soprattutto – una questione di formazione, disponibilità e iniziativa, che la “Rete” ha messo in campo per garantire maggiore tutela alle Vittime, in sinergia con tutte le 100 Stazioni Carabinieri della provincia.

La condivisione delle esperienze e lo scambio di buone prassi tra i Carabinieri della RACC (tutti volontari), ha dato infatti ottimi risultati, sia nella fase di ricezione delle denunce, sia in termini di servizio di supporto alle vittime. In particolare, sono stati 16 gli accessi alla sala ascolto dedicata alle vittime vulnerabili e denominata “una stanza tutta per se”, situata all’interno della zona popolare della Stazione Carabinieri di Palermo Oreto. Questa “stanza” per l’ascolto delle donne, arredata secondo uno studio specifico che favorisce un approccio empatico con chi intende denunciare questioni delicate, ha rappresentato un fattore di particolare facilitazione nell’emersione dell’odioso fenomeno della violenza di genere.

L’esperimento di “Rete” dei Carabinieri di Palermo funziona in concreto, un gruppo fatto di donne e di uomini con specifiche attitudini, competenze, sensibilità e volontà di impegno che l’Arma ha potuto e voluto mettere in campo per moltiplicare la propria efficacia.

Numerosi sono stati inoltre gli appuntamenti di formazione interna ed esterna, a cui i militari coinvolti nel progetto hanno partecipato: ultimo il convegno “un altro me” che si è tenuto la settimana scorsa e dove la RACC è stata presentata a tutti gli altri Attori del circuito antiviolenza, dal mondo universitario a quello associativo femminile, a testimonianza del rinnovato e concreto impegno nei confronti di anziani, donne e bambini che bussano alle porte delle nostre Caserme, chiedendo giustizia e assistenza.

Articoli Correlati

Back to top button
Close