Russia e Ucraina aggiornamenti in tempo reale e ultime notizie

MOSCA – Un funzionario separatista dell’Ucraina orientale ha invitato martedì il governo di Kiev a “ritirare” le sue forze o “prendere misure”, secondo i media statali russi, un minaccioso avvertimento che potrebbe segnalare un’ulteriore invasione dell’Ucraina.

La Russia lunedì ha riconosciuto la Repubblica popolare di Donetsk, proclamata unilateralmente, e la Repubblica popolare di Luhansk, due regioni separatiste sostenute da Mosca. Insieme, occupano circa un terzo degli stati o regioni di Donetsk e Luhansk, o regioni, nell’Ucraina orientale, ma rivendicano intere regioni.

Le rivendicazioni territoriali includono la principale città portuale di Mariupol, sotto il controllo del governo, sul Mar d’Azov.

Il testo dell’accordo della Russia per riconoscere le regioni separatiste dice che lo fa entro i suoi “confini attuali”, tuttavia alcuni separatisti e funzionari russi lo hanno immediatamente interpretato come un territorio sotto il controllo del governo di Kiev. Prevede l’applicazione comune dei confini e delle basi militari russe nella regione.

Ciò significa che i separatisti potrebbero lanciare un’azione militare contro l’Ucraina, con il supporto delle forze russe, per cercare di impadronirsi delle cosiddette aree, costituendo un’ulteriore invasione russa.

Una volta che l’inchiostro si è asciugato sul trattato di riconoscimento del Cremlino, un funzionario del parlamento separatista della LPR, Dmitry Khoroshilov, ha affermato la pretesa della regione sull’intera regione di Luhansk e ha invitato l’Ucraina a ritirare le sue forze “volontariamente”, l’agenzia di stampa statale russa RIA Novosti segnalato.

“Il nostro territorio è l’intera regione di Luhansk. Chiediamo all’Ucraina di ritirare volontariamente le sue forze, altrimenti verranno prese misure”, ha affermato l’agenzia.

I combattimenti sono continuati nell’Ucraina orientale dal 2014, uccidendo quasi 14.000 persone.

In precedenza, Leonid Kalashnikov, capo del Comitato russo per gli affari della Comunità degli Stati indipendenti nella camera bassa del parlamento, o Duma di Stato, ha affermato che il trattato “non definisce” i territori riconosciuti, ma ha affermato di ritenere che copre l’intera Luhansk regione. Oblast’ di Donetsk, rivendicato dai separatisti.

READ  Occupazione russa: Mosca lotterà per occupare l'Ucraina

L’ambiguità si è riverberata da un funzionario all’altro, lasciando un po’ di spazio alla Russia per manovrare per interpretare l’accordo a piacimento.

La portavoce del ministero degli Esteri russo Maria Zakharova ha affermato che le “sfumature” sarebbero state risolte in un secondo momento. Andrei Klimov, vice capo della commissione per gli affari esteri del Senato, ha detto alla televisione di stato che la Russia ha riconosciuto il “confine reale”, aggiungendo: “Vi ricordiamo che parte del territorio delle regioni di Donetsk e Luhansk è sotto il controllo di Kiev”.

Il parlamento russo dovrebbe ratificare i trattati di riconoscimento martedì.

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Stay Connected

0FansLike
3,596FollowersFollow
0SubscribersSubscribe
- Advertisement -spot_img

Latest Articles