Scopri una misteriosa macchia oscura sul pianeta Nettuno

Nota dell’editore: iscriviti alla newsletter scientifica Wonder Theory della CNN. Esplora l’universo con notizie di scoperte sorprendenti, progressi scientifici e altro ancora.



CNN

Gli astronomi hanno individuato una grande e misteriosa macchia oscura nell’atmosfera di Nettuno che ha un compagno inaspettatamente luminoso.

L’osservazione è stata effettuata utilizzando il Very Large Telescope dell’Osservatorio Europeo Australe in Cile.

Gli osservatori spaziali come il telescopio spaziale Hubble hanno già osservato tempeste simili a vortici – che appaiono come macchie scure – vorticare nell’atmosfera del pianeta blu, ma questa è la prima volta che un telescopio terrestre ne vede una su Nettuno.

Queste nuove osservazioni gettano più luce su questo fenomeno, secondo una nuova ricerca Pubblicato giovedì sulla rivista Nature Astronomy.

“Fin dalla prima scoperta della macchia oscura, mi sono sempre chiesto quali fossero queste sfuggenti caratteristiche oscure di breve durata”, ha detto in una nota l’autore principale dello studio Patrick Irwin, professore di fisica planetaria all’Università di Oxford.

Giganti gassosi e macchie scure

I pianeti giganti gassosi del nostro sistema solare, incluso Nettuno, sono noti per le macchie scure che appaiono nelle loro atmosfere, come la Grande Macchia Rossa di Giove, una tempesta secolare.

Nettuno, un gigante di ghiaccio, ha subito numerose tempeste osservate da Hubble nel corso degli anni. Tutte le tempeste sembrano seguire uno schema di andirivieni nel corso di due anni, il che le rende difficili da studiare. La Voyager 2, una sonda della NASA lanciata negli anni ’70, ha intravisto due tempeste oscure su Nettuno durante il suo sorvolo del 1989, ma sono scomparse prima che Hubble potesse individuarle quando ha scattato immagini di Nettuno nel 1994. , il soprannome dato alla più grande tempesta vista dalla Voyager 2 Era così grande che poteva contenere la Terra.

Le tempeste di Nettuno si comportano diversamente dagli uragani sulla Terra. Le macchie scure sono sistemi ad alta pressione che iniziano in piano e ruotano in senso orario, mentre i cicloni nell’emisfero settentrionale della Terra sono sistemi a bassa pressione che ruotano in senso antiorario.

Ciò che Irwin e il suo team si proponevano di scoprire è in primo luogo come si formano queste enormi tempeste su Nettuno.

Nettuno, blu a causa del metano nella sua atmosfera, è un mondo gelido con una temperatura media di 392 gradi Fahrenheit (meno 235 gradi Celsius) e venti ruggenti che inviano nuvole di metano ghiacciato attraverso il pianeta a 1.200 miglia all’ora. (1.931 chilometri orari). È il pianeta più lontano del nostro sistema solare, poiché è il genitore del sole circa 30 volte più lontano dalla Terra, e questa distanza fa sì che mezzogiorno su Nettuno sembri il crepuscolo sulla Terra.

Quando Hubble ha scoperto nuove macchie oscure su Nettuno nel 2018, il team di Irwin ha colto l’occasione per effettuare osservazioni sulla Terra utilizzando lo strumento Very Large Telescope e Multi-Unit Spectroscopic Explorer, o MUSE. Lo strumento consente agli astronomi di osservare l’intero oggetto astronomico contemporaneamente in diverse lunghezze d’onda della luce, secondo l’Osservatorio europeo meridionale.

L’atmosfera terrestre tende a creare un effetto distorsivo per i telescopi terrestri, ma MUSE si affida a una tecnica chiamata ottica adattiva per catturare immagini nitide. Gli specchi del telescopio, controllati da computer, possono effettuare regolazioni in tempo reale per correggere eventuali distorsioni causate dall’atmosfera terrestre e preservare i dettagli più fini dei corpi celesti.

I dati catturati dal Very Large Telescope hanno aiutato gli astronomi a determinare che le macchie scure non sono causate da spazi vuoti o lacune nelle nuvole. Invece, le osservazioni indicano che le macchie compaiono quando le particelle di aria scura si raccolgono sotto lo strato prominente dell’atmosfera di Nettuno, dove foschia e ghiaccio si mescolano.

Lo strumento MUSE ha catturato uno spettro tridimensionale della luce di Nettuno e della sua macchia oscura, consentendo agli astronomi di studiare la tempesta in dettaglio e persino di fare un’osservazione sorprendente.

“Nel processo abbiamo scoperto un raro tipo di nube profonda e luminosa che non era mai stata identificata prima, nemmeno dallo spazio”, ha detto in una nota il coautore dello studio Michael Wong, scienziato planetario dell’Università della California, Berkeley.

L’insolita nuvola appariva nelle osservazioni come un punto luminoso più piccolo accanto al punto scuro più grande, entrambi allo stesso livello atmosferico. Gli astronomi hanno affermato di essere incuriositi dalla caratteristica appena scoperta e sperano di saperne di più attraverso le future osservazioni che potranno essere effettuate dalla Terra.

“Si tratta di un incredibile aumento della capacità dell’umanità di osservare l’universo”, ha detto Wong. “All’inizio potevamo rilevare questi punti solo inviando lì veicoli spaziali, come la Voyager. Poi abbiamo acquisito la capacità di individuarli da remoto con Hubble. Infine, la tecnologia si è evoluta per consentire questo dalla Terra.

READ  Il telescopio spaziale James Webb testimonia l'alba della luce stellare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto