Cinisi/TerrasiniEventi

Terrasini lancia la campagna “Turismo sì, covid no!”

L’idea nasce dall'esigenza di mandare avanti la macchina del turismo - che il Comune di Terrasini promuove per l'intero anno - e nello stesso tempo rispettare, e soprattutto fare rispettare, le normative per fronteggiare l'emergenza epidemiologica da Covid-19



Terrasini lancia la campagna “Turismo sì, covid no!”, l’idea nasce dall’esigenza di mandare avanti la macchina del turismo – che il Comune di Terrasini promuove per l’intero anno – e nel contempo rispettare, e soprattutto fare rispettare, le normative per fronteggiare l’emergenza epidemiologica da Covid-19. “Oltre a una potente campagna mediatica e di sensibilizzazione – osserva l’assessore al Turismo Vincenzo Cusumano, ideatore dell’iniziativa – la nostra amministrazione, con in testa il sindaco Giosuè Maniaci, è stata davvero in prima linea (e non è un modo di dire) da quando è iniziata l’emergenza sanitaria. Finito il lockdown – dice ancora Cusumano – abbiamo messo subito mano a un cartellone di eventi estivi in grado di coniugare la vocazione turistica della nostra cittadina al particolare momento, garantendo la sicurezza e la salute di visitatori e cittadini”.

“Alcuni eventi, per esempio, vista la massiccia partecipazione – continua l’assessore – abbiamo deciso di spostarli in luoghi più ampi, sempre comunque tenendo conto dei limiti relativi al numero di spettatori”. Grazie a ciò Terrasini riesce comunque a mantenere alto il suo target di presenze giornaliere. “Siamo consapevoli – dice ancora l’assessore – di quanto attraente sia il nostro paese per turisti e visitatori, e lo dimostra il numero sempre più crescente di attività commerciali che investono nel nostro territorio. Ma noi, come amministrazione, non abbiamo smesso nemmeno un attimo di pensare all’emergenza sanitaria. Ecco il motivo per cui abbiamo voluto lanciare questa campagna: possiamo continuare a fare turismo ma con sicurezza”.

L’iniziativa ha un “testimonial” d’eccezione: la statua bronzea, collocata a pochi passi dal municipio, dedicata alla “Festa di li schietti”, la tradizione più importante del paese. “Abbiamo messo una mascherina al nostro “schietto” – racconta Cusumano – intento a dimostrare la propria forza alzando l’albero verso il cielo. Il simbolo del principale evento turistico di Terrasini, che ogni anno a Pasqua richiama migliaia di visitatori, oggi diventa anche simbolo della nostra campagna per lanciare un messaggio a cittadini e turisti: se il nostro schietto riesce ad alzare il pesante albero indossando la mascherina, noi possiamo continuare a godere delle bellezze di Terrasini e fare le stesse cose che facevamo prima dell’emergenza, una passeggiata, un gelato o assistere a uno degli eventi in programma, ma in totale sicurezza, rispettando tutte le regole imposte dalle normative nazionali e regionali. Soprattutto mantenendo la distanza minima di un metro tra una persona e l’altra e, appunto, indossando, ove previsto, la mascherina”.

____________________________________________________________________
Seguici sulla nostra pagina Facebook de Il Tarlo

Articoli Correlati

Back to top button
Close