PoliticaTrappeto

Trappeto. il gruppo “Trappetesi” interroga il Sindaco: “Riscontrate criticità nel bando per l’assistenza sanitaria agli studenti disabili”

I consiglieri Randazzo e Bologna hanno presentato due interrogazioni consiliari pertinenti il bando per l'assistenza agli studenti portatori di handicap e sui rimborsi per i pendolari


GIAN BATTISTA OBERTO TEL: 3889207406


Due documenti sono stati presentati all’attenzione del Consiglio Comunale di Trappeto dal gruppo di minoranza “Trappetesi” composto dai consiglieri Salvo Randazzo e Nancy Bologna. In entrambi i casi il materiale è rivolto all’attenzione del primo cittadino Santo Cosentino che dovrà rispondere in merito a quelle che i consiglieri definiscono “criticità” riscontrate all’interno del bando comunale per l’incarico di un assistente igienico sanitario per gli studenti disabili. Altro quesito avanzato dalla minoranza è quello riguardante il trasporto degli studenti pendolari per cui – sempre secondo Randazzo e Bologna – il Comune non coprirà i pagamenti anticipati nel 2019.

“Con le due interrogazioni consiliari rivolte al sindaco a fine febbraio 2020 intendiamo affrontare argomenti seri nella sede naturale che è il Consiglio Comunale. Auspichiamo un confronto serio e responsabile al cospetto dei nostri concittadini. Le due interrogazioni seguono una mozione già presentata dal nostro gruppo, durante i primi giorni dell’anno”, scrive il capogruppo Salvo Randazzo.

Ma le due interpellanze non sono l’unico materiale prodotto da Randazzo e Bologna impegnati nei giorni scorsi in operazioni di controllo del territorio. In una nota congiunta – infatti – i due di minoranza chiedono interventi immediati per la pulizia di diverse aree urbane tra cui il plesso scolastico “Danilo Dolci”: «Gli studenti dai più piccoli ai più grandi – si legge nella nota – devono poter studiare immersi tra il decoro degli spazi verdi. E le periferie […] vi sono in giro alcune micro discariche causate certamente da una vergognosa inciviltà, ma anche da un evidente mancato controllo del territorio. Vogliamo o no rendere accoglienti le aree di Ciammarita e San Cataldo in vista della prossima stagione balneare? È chiedere troppo? Mettere in evidenza le criticità non vuol dire essere costruttivi? Noi crediamo proprio di sì. Per questo chiediamo con forza al Sindaco e chi ha delegato alla vivibilità dei luoghi di operare con attenzione e più impegno.»

Articoli Correlati

Back to top button
Close