PoliticaTrappeto

Trappeto, nuova vita per il centro storico: in consiglio l’ultimo miglio per ristrutturazioni ed attività commerciali

L'amministrazione sfrutta una legge regionale per scardinare il blocco del centro storico, oggi il passaggio in consiglio comunale, quali novità per residenti e investitori?

Da molti anni ormai il borgo di Trappeto è alle prese con una crisi economica non indifferente che oltre ad incentivare una nuova ondata di migrazione giovanile sta impoverendo il tessuto sociale del paese.

Problemi conosciuti, che hanno trovato terreno fertile nelle difficoltà a poter valorizzare il centro storico, caratteristico e tra i più belli dell’area del Golfo di Castellammare ma condannato fino ad oggi a non poter ospitare attività commerciali per via di restrizioni previste dal piano regolatore.

Cosentino e i suoi sembrano però aver trovato una quadra lowcost a quello che negli anni sembrava un problema insormontabile, una cima da valicare solo con l’ausilio di ingenti somme per le casse del comune, tutto ciò grazie ad una legge regionale (la numero 13 del 10 luglio 2015) della Regione Siciliana che ha come finalità quella di favorire tutela, valorizzazione e rivitalizzazione economica e sociale dei centri storici dell’isola.

Documento imprescindibile per attuare il ribaltone della zona antica di Trappeto è lo “Studio del centro storico” che il comune ha prodotto grazie al prezioso supporto tecnico scientifico del Cento Interdisciplinare di Ricerca sui Centri Storici dell’Università degli Studi di Palermo sotto l’egida del prof. Giuseppe Trombino che oggi va sotto la lente d’ingradimento del consiglio comunale (l’appuntamento è alle 18 il live streaming sul canale youtube del comune di Trappeto).

Ma quali sono le novità sostanziali per i residenti e per gli investitori?
Novità di rilievo è quella che permetterà ai proprietari di immobili ubicati all’interno del centro storico di apportare interventi di ristrutturazione, altresì interessante è la possibilità di cambiare le destinazioni d’uso delle abitazioni al fine di di favorire l’insediamento di attività commerciali cruciali per l’economia turistica trappetese: sarà dunque possibile aprire pub, ristoranti, bar e b&b all’interno del perimetro antico del paese.

Articoli Correlati

Back to top button
Close