Gennaio 17, 2022

Il Tarlo

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Il Tarlo

Uno studio del Regno Unito ha scoperto che il vaccino MRNA Govt-19 ha il maggiore impatto di richiamo

  • I dati alla base della decisione di richiamo del Regno Unito sono stati rilasciati
  • Pfizer e Moderna forniscono grandi anticorpi, stimolanti delle cellule T
  • Le ampie risposte delle cellule T forniscono sicurezza nella protezione dalla varianza

Londra, 2 dicembre (Reuters) – Vaccini Covit-19 prodotti da Pfizer (PFE.N) E Moderna (MRNA.O) 10-12 settimane dopo la seconda dose, l’uso della tecnologia MRNA è il più grande stimolo per i livelli di anticorpi, secondo uno studio britannico pubblicato giovedì.

Lo studio “COV-Boost” è stato citato da funzionari britannici per aver affermato di voler utilizzare Pfizer e Moderna nella campagna di richiamo del paese, ma i dati sono ora disponibili al pubblico. Per saperne di più

Lo studio ha rilevato che sei dei sette booster hanno testato un’immunità migliorata dopo la vaccinazione iniziale con il vaccino Pfizer-Bioentech, mentre sette dei sette booster hanno dato immunità dopo due dosi di astrogeno. (AZN.L) Vaccino.

Iscriviti ora per un accesso gratuito illimitato a reuters.com

“La terza dose è efficace per molti dei vaccini e delle varie combinazioni che abbiamo testato”, ha affermato il professor Saul Fast, immunologo dell’Università di Southampton e pioniere dell’esperimento.

Lo studio ha scoperto che la dose completa o la mezza dose di Pfizer o la dose intera di Moderna hanno fornito lo stimolo più efficace sia per i livelli di anticorpi che di cellule D.

Quando AstraZeneca, Novavax, Johnson & Johnson e Curevac sono stati somministrati come booster, hanno leggermente aumentato il livello di anticorpi per il vaccino iniziale. Tuttavia, sebbene Valneva abbia aumentato gli anticorpi in quelli inizialmente vaccinati con AstraZeneca, non ha stimolato Pfizer.

READ  Il giudice federale conferma l'ordinanza di vaccinazione per gli operatori sanitari

Lo studio ha scoperto che i colpi di richiamo hanno aiutato a costruire risposte più ampie delle cellule D contro le varianti beta e delta, che possono svolgere un ruolo chiave nella protezione a lungo termine.

“La risposta delle cellule D sembra essere più ampia contro tutti i diversi ceppi, il che dà la speranza che il ceppo del virus, ovviamente il ricovero in ospedale e la morte, possa essere gestito nel suo stato attuale se l’infezione non viene prevenuta. Vaccini, “Disse veloce.

Faust ha affermato che lo studio risale alla prevalenza della variante di Omicron, ma ha condiviso campioni con l’Agenzia per la sicurezza sanitaria del Regno Unito per generare dati su Omicron.

Iscriviti ora per un accesso gratuito illimitato a reuters.com

Relazione di Alistair Smout; Modifica Bernadette Bam

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.