Yulia Navalnaya: un tribunale russo ne ordina l’arresto in contumacia

Sean Gallup/Getty Images

Yulia Navalnaya, vedova del defunto esponente dell’opposizione russa Alexei Navalny, attende di votare presso l’ambasciata russa alle elezioni russe del 17 marzo 2024 a Berlino, in Germania.



CNN

Un tribunale di Mosca ha ordinato l’arresto in contumacia di Yulia Navalnaya, moglie del defunto politico dell’opposizione russa Alexei Navalny, ha detto martedì il suo portavoce.

Navalnaya è stata accusata dal tribunale distrettuale di Basmannyj di Mosca di “partecipazione a un’organizzazione estremista”, ha detto la sua portavoce Kira Yarmysh in un post sui social media. Secondo l’agenzia di stampa ufficiale russa RIA Novosti, la donna è stata anche inserita nella lista dei ricercati internazionali.

La corte ha anche approvato la richiesta del comitato investigativo della Federazione Russa di detenere Navalnaya. Secondo il comunicato stampa, il periodo di detenzione sarà calcolato dal momento della sua eventuale estradizione in territorio russo o dal momento della sua detenzione in territorio russo. Navalnaya non vive in Russia.

Alexei Navalny è morto il 16 febbraio in una colonia penale in Siberia dove stava scontando una pena detentiva di 19 anni dopo essere stato giudicato colpevole di aver creato una comunità estremista, finanziato attivisti estremisti e vari altri crimini in agosto.

Stava già scontando una pena detentiva di 11 anni e mezzo in una struttura di massima sicurezza per frode e altre accuse, che ha sempre negato e sostenuto fossero motivate politicamente.

Navalny era il più importante leader dell’opposizione russa e ha passato anni a criticare Putin, che è al potere da quasi un quarto di secolo, correndo grandi rischi personali. La sua morte è avvenuta settimane prima delle elezioni presidenziali del paese. Elezioni presidenziali Le elezioni nazionali dovrebbero iniziare il 15 marzo e sono ampiamente viste dalla comunità internazionale come nient’altro che una formalità che garantirebbe a Putin un quinto mandato al potere.

READ  Corea del Nord, Cina e Stati Uniti seguono da vicino le elezioni sudcoreane

La morte di Navalny è stata accolta con dolore e rabbia in tutto il mondo, così come in Russia, dove anche il più piccolo atto di dissenso politico comporta grandi rischi.

Navalny è tornato in Russia nel 2021 dalla Germania, dove è stato curato dopo essere stato avvelenato con il Novichok, un agente nervino dell’era sovietica. Al suo arrivo, è stato rapidamente arrestato – con accuse che ha liquidato come motivate politicamente – e ha trascorso il resto della sua vita in prigione.

Sua moglie, Yulia Navalnaya, ha accusato il presidente russo Vladimir Putin a febbraio di… responsabile della sua morte Ha notato che si assumerà la responsabilità di suo marito per il bene della “Russia bella e felice”.

Navalny/Instagram

Yulia Navalnaya (a destra), almeno in pubblico, spesso rideva delle difficoltà che suo marito (a sinistra) aveva portato alla famiglia a causa della sua battaglia con lo Stato russo.

Navalnaya ha pubblicato un video di otto minuti della sua morte il marito Sylvia ha postato un tweet sui social media dicendo: “Putin ha ucciso il padre dei miei figli, mi ha portato via la cosa più preziosa che avevo, ed è la persona a me più vicina e la persona più amata”.

Ha detto che le autorità russe hanno “nascosto” il corpo di Navalny nel tentativo di nascondere la causa della sua morte – una “patetica bugia” e aspettare che “scomparissero le tracce di un altro Novichok usato da Putin”.

Il Cremlino ha respinto ogni accusa di coinvolgimento nella morte di Navalny.

In risposta alla decisione della corte di martedì, Navalnaya ha rinnovato le accuse di coinvolgimento di Putin nella morte di suo marito.

READ  Guerra Russia-Ucraina in diretta: il Cremlino critica le critiche “inaccettabili” del capo di Wagner, Biden Prigozhin, a Putin

“Il suo posto è in prigione, non da qualche parte all’Aia, in una cella confortevole con TV, ma in Russia – nella stessa colonia e nella stessa cella di 2 metri per 3 metri in cui è stato ucciso Alexei”, ​​ha detto in un post su un sito di social media.

“Oh, non ci sarebbe la solita procedura? Un agente straniero, poi un procedimento penale aperto, poi un arresto?! Quando scrivi a questo proposito, per favore, non dimenticare di scrivere la cosa principale: Vladimir Putin è un assassino e un criminale di guerra.”

Nathan Hodge, Sahir Akbarzai e Jack Jay della CNN hanno contribuito a questa storia.

Questa è una storia in via di sviluppo e verrà aggiornata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto