Antenati umani sull’orlo dell’estinzione 900.000 anni fa: ScienceAlert

Quasi un milione di anni fa, un evento catastrofico quasi spazzò via gli antenati dell’umanità.

I dati genomici di 3.154 esseri umani moderni suggeriscono un declino della popolazione da circa 100.000 a soli 1.280 individui riproduttori circa 900.000 anni fa. Ciò rappresenta uno sconcertante declino della popolazione del 98,7%, della durata di 117.000 anni, e avrebbe potuto portare all’estinzione dell’umanità.

Il fatto che siamo qui oggi, in così gran numero, è la prova che non è così. Ma i risultati, secondo un team guidato dai genetisti Haiping Li dell’Accademia cinese delle scienze e Yi-Hsuan Pan della East China Normal University in Cina, potrebbero spiegare una curiosa lacuna nella documentazione fossile umana del Pleistocene.

“Il divario nei reperti fossili africani ed eurasiatici può essere spiegato in termini storici da questo collo di bottiglia nella prima età della pietra”. Lo dice l’antropologo Giorgio Manzi Università La Sapienza di Roma in Italia. “Coincide con questo periodo di tempo proposto di significativa perdita di prove fossili”.

Un diagramma che descrive il collo di bottiglia appena scoperto. (Scienze)

Colli di bottiglia della popolazioneCome è noto, non sono rare riduzioni significative del numero dei gruppi. Quando una specie viene distrutta da un evento come una guerra, una carestia o una crisi climatica, il conseguente declino della diversità genetica può essere rintracciato attraverso i discendenti dei sopravvissuti. In questo modo sappiamo che più recentemente, circa 7.000 anni fa, si è verificato un collo di bottiglia nella popolazione umana anche nell’emisfero settentrionale.

Tuttavia, più si vuole andare indietro nel tempo, più diventa difficile ottenere un segnale significativo.

Per quest’ultima analisi, il gruppo di ricerca ha sviluppato un nuovo metodo chiamato coalescenza veloce nano-temporale (FitCoal) per aggirare l’accumulo di errori numerici tipicamente associati al tentativo di svelare questi eventi passati.

READ  Lo studio ha concluso che i valori contrastanti della costante di Hubble non sono dovuti ad errori di misurazione

Hanno utilizzato FitCoal per analizzare i dati genomici di 3.154 persone provenienti da tutto il mondo, da 10 popolazioni africane e 40 non africane, per osservare come i lignaggi genetici sono variati nel tempo. I loro risultati hanno mostrato un grave collo di bottiglia della popolazione tra circa 930.000 e 813.000 anni fa, che ha visto la perdita della diversità genetica attuale fino al 65,85%.

Per quanto riguarda le cause del collo di bottiglia, non saremo mai sicuri al 100% dei fattori che hanno contribuito, ma c’era un evento chiave che stava accadendo in quel momento che avrebbe potuto avere un ruolo: Periodo di transizione del Pleistocene mediodurante il quale i cicli di glaciazione sulla Terra cambiarono radicalmente.

I disturbi climatici potrebbero aver prodotto condizioni sfavorevoli per i gruppi umani che cercavano di sopravvivere in quel momento, portando a carestie e conflitti che ridussero ulteriormente il numero della popolazione.

“La nuova scoperta apre un nuovo campo nell’evoluzione umana perché solleva molte domande”. dice Pan“Ad esempio dove vivevano questi individui, come hanno superato i catastrofici cambiamenti climatici e se la selezione naturale durante un collo di bottiglia ha accelerato l’evoluzione del cervello umano”.

Sembra che il collo di bottiglia abbia contribuito a un’altra caratteristica interessante del genoma umano: la fusione di due cromosomi per formare Cromosoma 2.

Gli esseri umani hanno 23 paia di cromosomi; Tutto il resto Umani Quelli che vivono oggi – che consistono in grandi scimmie – ne hanno 24. La formazione del cromosoma 2 sembra essere stata un processo complesso. Evento di speciazione Il che ha incoraggiato gli esseri umani su un diverso percorso evolutivo.

READ  Gli scienziati dell'UF sperano di fermare la malattia mortale dell'abbronzatura nelle palme della Florida

“Questi risultati sono solo l’inizio.” Lui mi dice. “Gli obiettivi futuri di questa conoscenza sono quelli di dipingere un quadro più completo dell’evoluzione umana durante questo periodo di transizione dal Pleistocene inferiore al Pleistocene medio, che a sua volta continuerà a svelare il mistero che è l’origine e l’evoluzione dei primi esseri umani”.

La ricerca è stata pubblicata in Scienze.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto