Australia e Paesi Bassi avviano un’azione delle Nazioni Unite contro la Russia sul volo MH17

SYDNEY/AMSTERDAM (Reuters) – Australia e Paesi Bassi hanno dichiarato lunedì di aver avviato un procedimento legale congiunto contro la Russia presso l’agenzia aeronautica delle Nazioni Unite per l’abbattimento del volo Malaysia Airlines MH17 otto anni fa.

Un Boeing 777 era in rotta da Amsterdam a Kuala Lumpur il 17 luglio 2014, quando l’Ucraina orientale controllata dai ribelli è stata colpita da quello che secondo investigatori e pubblici ministeri internazionali era un missile terra-aria di fabbricazione russa, uccidendo tutte le 298 persone a bordo . .

Il primo ministro australiano Scott Morrison ha affermato che la Russia è responsabile ai sensi del diritto internazionale e che il passaggio della questione all’Organizzazione per l’aviazione civile internazionale delle Nazioni Unite sarebbe un passo avanti nella lotta per le vittime, tra cui 38 australiani.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Il governo olandese ha detto che il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite è stato informato della mossa.

“La morte di 298 civili, tra cui 196 olandesi, non può e non deve rimanere senza conseguenze. Gli eventi attuali in Ucraina sottolineano l’importanza vitale di questo”, ha affermato il ministro degli Esteri Woepke Hoekstra in una nota.

La rara misura rientra in un articolo della Convenzione di Chicago dell’Organizzazione per l’aviazione civile internazionale che mira a proteggere gli aerei civili dal fuoco delle armi. È stato aggiunto nel 1984 dopo che un aereo di linea sudcoreano era stato abbattuto da caccia sovietici l’anno precedente.

La mossa delle Nazioni Unite è separata dal processo olandese per omicidio di quattro sospetti a causa della loro responsabilità penale individuale.

READ  Il presidente ucraino Zelensky elogia il giornalista americano Brent Reno

compenso

L’Australia ha dichiarato di voler ottenere il pieno risarcimento dalla Russia per le ferite riportate e di sospendere il voto della Russia presso l’Organizzazione per l’aviazione civile internazionale, che stabilisce gli standard per i viaggi aerei civili.

Sebbene non abbia autorità di regolamentazione, l’Organizzazione per l’aviazione civile internazionale con sede a Montreal è al centro di un sistema globale di sicurezza aerea che opera al di là delle barriere politiche. Secondo il sito web dell’agenzia, le procedure di controversia sono state utilizzate solo cinque volte.

Morrison ha affermato che “l’invasione non provocata e non provocata dell’Ucraina” da parte della Russia iniziata il mese scorso ha evidenziato la necessità di ritenere la Russia responsabile per quella che ha descritto come una “flagrante violazione del diritto internazionale”.

Australia e Paesi Bassi hanno affermato che si sarebbero affidati alle prove che l’MH17 è stato abbattuto da un sistema missilistico terra-aria russo che è stato portato in volo dalla Russia sotto il controllo dei separatisti sostenuti dalla Russia ed è tornato in Russia dopo la caduta.

Mosca, che descrive le sue azioni in Ucraina come una “operazione speciale”, ha sempre negato il coinvolgimento in MH17 e ha promosso una serie di teorie alternative, che gli investigatori internazionali hanno respinto come non supportate da prove.

Negoziazione

Sebbene l’esito dell’ICAO sia incerto, gli esperti hanno affermato che la mossa potrebbe essere vista come un altro modo per costringere la Russia a negoziare sull’incidente, anche se continua a negare qualsiasi coinvolgimento.

In casi precedenti, una discussione formale dell’ICAO è stata vista anche come un passo verso la presentazione di un caso alla Corte internazionale di giustizia dell’Aia, come aveva fatto l’Iran contro gli Stati Uniti nel 1989 per l’abbattimento del volo Iran Airlines 655 nel 1988.

READ  “Sono qui oggi non per iniziare una guerra, ma per prevenirla”.

Il ministro degli Esteri australiano Marise Payne ha dichiarato lunedì che Australia e Paesi Bassi hanno proseguito i negoziati con la Russia in buona fede, ma che la Russia si è ritirata unilateralmente nel 2020.

I Paesi Bassi hanno dichiarato l’anno scorso di voler riportare la Russia al tavolo dei negoziati, ma non hanno escluso un’azione legale.

Non è stato immediatamente possibile ottenere un commento dal ministero degli Esteri russo.

Un verdetto nel processo per omicidio, che include tre russi e un ucraino ancora latitanti, è atteso entro la fine dell’anno. Nessuno degli imputati è comparso davanti al tribunale olandese.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

(Segnalazione di Kirsty Needham). Segnalazioni aggiuntive di Stephanie van den Berg e Tim Hever. Montaggio di Raju Gopalakrishnan e Hugh Lawson

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Stay Connected

0FansLike
3,381FollowersFollow
0SubscribersSubscribe
- Advertisement -spot_img

Latest Articles