Come l’editing genetico potrebbe far rivivere il topo estinto dell’isola di Natale

Ratti che mangiano riso soffiato in India.

Topi come questi, in India, servono come utile modello genetico per i loro compagni estinti.
Foto: Foto di AFP/Sanjay Kanujia (Getty Images)

Recentemente un team di scienziati ha modellato la probabilità di estrarre la specie dalla morte, utilizzando il topo dell’isola di Natale, un grosso roditore che si estinse tra il 1902 e il 1908, come ipotetico soggetto.

I ricercatori hanno sequenziato il DNA dell’antico topo e lo hanno mappato su alcuni dei parenti viventi più stretti dell’animale. Sono stati in grado di recuperare il 95% del genoma dei topi, anche se ritengono che la perdita del 5% complichi notevolmente qualsiasi tentativo futuro di far rivivere la specie in un processo chiamato de-estinzione. la ricerca era pubblicato Oggi nella biologia attuale.

“Sono interessato a quanto sia facile o difficile eliminare l’estinzione modificando. Nel nostro articolo, abbiamo elaborato un’idea computazionale di ciò che pensiamo potrebbe andare storto”, Tom Gilbert, genetista evoluzionista dell’Università di Copenaghen e uno degli autori del documento, ha detto in una e-mail Lettera a Gizmodo.

topi dell’isola di nataleRatus McCleary, noto anche come il ratto Maclear) era una delle due specie di ratto endemiche dell’isola di Natale, un’area terrestre di 52 miglia quadrate a circa 200 miglia a sud-ovest dell’Indonesia. (altre specie, bulldog o Rattus nativitatissi estinse nello stesso periodo.)

Le teorie abbondano sul perché il topo si sia estinto; Uno degli ultimi Sono quei topi neri (ratos ratos) introdotti dai coloni europei contenevano pulci che a loro volta trasportavano agenti patogeni, Tripanosoma Luigiche ha causato l’estinzione di massa dei roditori domestici all’inizio del XX secolo.

Nell’articolo, i ricercatori notano i tre approcci più noti alla de-estinzione: allevamento dorsale (allevamento selettivo di tratti ancestrali negli animali moderni), clonazione e modifica genetica. là Molte preoccupazioni etiche Con il ritorno delle specie estinte, la cosa più importante è che i soldi possano essere spesi per preservare gli organismi che sono ancora con noi.

Illustrazione di un topo marrone peloso (ratto dell'isola di Natale).

Il team si è concentrato sul mostrare come funziona la de-estinzione mediante modificazione genetica, ma in realtà non intende riportare indietro alcun topo. (Gilbert ha detto: “Non ho assolutamente l’obiettivo di reintrodurre il topo di Natale. Non sembra il miglior uso del denaro.”)

I ricercatori hanno sequenziato il DNA antico da due campioni di pelle di topo dell’isola di Natale raccolti tra il 1900 e il 1902 e attualmente conservati nel Museo di Storia Naturale dell’Università di Oxford. Confrontando il genoma del ratto estinto con diverse controparti moderne, la più importante delle quali è il ratto marrone norvegese (ratto norvegese), il suo parente più prossimo sopravvissuto: i ricercatori sono stati in grado di identificare i tratti di topi estinti che erano fiduciosi nella loro capacità di replicare.

animale in piedi non sarà geneticamente identico al gruppo estinto che rappresenta. Ma in questo caso di studio, gGli eni contenenti cheratina e le proteine ​​che legano la cheratina, che sono componenti vitali di capelli e setole, sono stati ben coperti nel genoma dei topi. Quindi due dei geni coinvolti avevano la forma delle orecchie di topo sull’Isola di Natale. Presi insieme, i ricercatori hanno ipotizzato che se avessero modificato il genoma del ratto norvegese, avrebbero potuto replicare il colore della pelliccia e la forma dell’orecchio del ratto dell’isola di Natale.

TI geni implicati nell’olfatto del topo dell’isola di Natale, Erano abbastanza diversi che i geni olfattivi del ratto norvegese non costituiscono una buona base per la loro ricostruzione, secondo lo studio. Geni correlati Né la risposta immunitaria era coperta dal ratto norvegese. Ma come sottolineano i ricercatori nel loro articolo, data la teoria in corso sull’estinzione del ratto dell’isola di Natale, qualsiasi versione resuscitata della specie potrebbe teoricamente Vantaggio dell’utilizzo di immunogeni genici per il ratto norvegese.

questo era Guida-Da-PresidenteFata Il modello, il che significa che i ricercatori stavano dimostrando come si può Intraprendi la de-estinzione (se lo intendono) utilizzando l’editing genetico esistente Per riportare specie affini, come i mammut lanosi o le tigri della Tasmania.

“In realtà non abbiamo in programma di farlo, poiché il mondo probabilmente non ha bisogno di più topi, e forse i soldi necessari per fare il miglior lavoro possibile possono essere spesi per cose migliori, ad esempio, preservare gli esseri viventi”, Gilbert disse.

Altro: gli scienziati saranno presto in grado di far rivivere i mammut lanosi, ma dovrebbero?

READ  Un fossile svela i segreti di uno dei rettili più misteriosi della natura

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Stay Connected

0FansLike
3,503FollowersFollow
0SubscribersSubscribe
- Advertisement -spot_img

Latest Articles