Come un’eclissi potrebbe aiutare a unire un’America fratturata

In questi giorni mi sento un predicatore itinerante, o forse un rabbino.

Un mercoledì recente mi ha trovato a Cleveland, a predicare da un teatro riconvertito in una sinagoga – ora una sala da concerto – a più di 400 persone entusiaste. Due giorni dopo, ho portato la notizia in una sala gremita di New York City. Recentemente ho predicato online a Mesquite, in Texas. Evansville, Indiana; E Cape Elizabeth nel Maine. Il mio messaggio: preparatevi per il grande e meraviglioso giorno che ci aspetta.

L’8 aprile l’universo abbellirà l’America con il suo spettacolo naturale più spettacolare: un’eclissi solare totale. La sua lunghezza è di circa 115 miglia di larghezza Nella regione dal Texas al Maine (chiamata il sentiero della totalità), il sole splendente scomparirà per un massimo di 4 minuti e mezzo, facendo precipitare la Terra in un inquietante crepuscolo. Nel frattempo, quel giorno, ovunque negli Stati Uniti contigui si verificherà un'eclissi solare parziale, un evento interessante (anche se molto meno spettacolare).

Un’eclissi totale può cambiare una vita. Ho avuto la mia prima esperienza nel 1998 ad Aruba. Nel momento in cui la luna coprì completamente il sole e il cielo azzurro cadde, la corona solare, l'atmosfera esterna del sole, esplose, scintillando come una ghirlanda di orpelli nello spazio. Accanto a lui, i pianeti navigavano nelle loro orbite. Quella vista fu una rivelazione, perché nel profondo compresi che ero solo un punto su un pezzo di roccia che girava attorno al sole. Ora inseguo le eclissi in tutto il mondo.

Un’eclissi totale può anche cambiare il corso della storia. Hanno posto fine e rafforzato il conflitto armato. L'eclissi del XIX secolo ha contribuito a ispirare l'ascesa dell'America come potenza scientifica, come ho scoperto mentre stavo scrivendo un libro sull'evento. Prego affinché l'eclissi di quest'anno possa spostare la nostra nazione fratturata in una direzione unita e piena di speranza.

READ  L’estremo calo dell’ossigeno un giorno soffocherà la maggior parte della vita sulla Terra: ScienceAlert

Pensi che ti piacciano le eclissi solari? Pensa di nuovo. Questo ragazzo ha visto più di 20 persone. (Video: Alice Lee/The Washington Post)

Forse ricorderete che sette anni fa si verificò un'altra eclissi totale nel nostro Paese. In quell’occasione – 21 agosto 2017 – il cammino della totalità era avvolto come una sciarpa dall’Oregon alla Carolina del Sud., Cadde in America, che sembrava sull’orlo della guerra civile.

Era il primo anno della presidenza di Donald Trump, quando proteste e rabbia scuotevano il Paese. Le divisioni partigiane e culturali si approfondirono: rosso contro blu, urbano contro rurale. Una settimana prima dell’eclissi, l’oscurità è scesa su Charlottesville, dove un raduno di suprematisti bianchi ha incontrato i contro-manifestanti in uno scontro mortale che ha riassunto la disintegrazione del paese. Tuttavia, il giorno dell’evento celeste, l’America si fuse. La sua attenzione si è rivolta verso l'esterno, verso il cielo, per un momento cosmico condiviso.

E alla Southern Illinois University, quando arrivò l'ombra della luna, 14.000 voci si levarono dallo stadio Greyhound della scuola. “Ci dimostra quanto siamo forti quando ci uniamo tutti, nonostante tutto quello che sta succedendo”, ha detto a NBC News un uomo tra la folla.

A Oakland, nel New Jersey, dove i cittadini si sono riuniti in biblioteca per osservare l'eclissi parziale ma hanno scoperto che non c'erano abbastanza occhiali da sole per consentire a tutti di osservarli in sicurezza, quelli che indossavano gli occhiali li condividevano con quelli che non li portavano. Una donna ha detto al giornale locale: “Considerate le esperienze che abbiamo avuto di recente in tutto il paese, è bello vedere tutti riunirsi e far sì che ciò accada”.

READ  Un'esplosione stellare irripetibile appare nel cielo dopo un intervallo di 80 anni

In un imponente raduno chiamato SolarFest nel deserto dell'Oregon, le diverse migliaia di persone provenienti da tutto il mondo si sono dimostrate così educate e collaborative che non hanno lasciato quasi rifiuti quando hanno evacuato il quartiere fieristico. “È così pulito”, ha detto stupito un organizzatore.

La scena si è ripetuta in tutto il Paese, nei parchi e nelle strade cittadine, sulle cime delle montagne e sulle spiagge. Gli individui sono diventati comunità. Gli estranei non sono più estranei. Le persone irrigidite piangevano, si abbracciavano e cadevano in un silenzio reverenziale.

In quest’epoca di politica polarizzata, intrattenimento insulare e notizie individualiste, l’eclissi ha offerto una preziosa esperienza condivisa, che ha elevato e unito piuttosto che degradato e diviso. Un sondaggio condotto da ricercatori dell’Università del Michigan ha stimato che più di 150 milioni di adulti americani hanno guardato l’eclissi del 2017 dal vivo, mentre altri 60 milioni l’hanno guardata in televisione o su Internet. “Questo è un livello di esposizione che fa impallidire il pubblico del Super Bowl e si colloca tra gli eventi più visti nella storia americana”, ha concluso lo studio.

Altri scienziati dell'Università della California, Irvine, hanno analizzato milioni di messaggi inviati su Twitter nel periodo dell'eclissi del 2017 e hanno scoperto che quelli pubblicati dall'interno del percorso della totalità e nel giorno dell'eclissi “mostravano maggiore stupore e meno sé stessi”. -espressione.” Linguaggio focalizzato, più socialmente positivo, affiliativo, umile e collettivista. Il team ha confermato che questi risultati hanno rivelato l’impatto psicologico dell’eclissi solare del 2017. “Proprio come la luna si allineava con il sole nel cielo, le persone sulla Terra si allineavano tra loro in soggezione di fronte a questo straordinario evento celeste”.

READ  La NASA sceglie SpaceX per lanciare una piccola missione di ridesharing spaziale

Ecco perché predico adesso.

L’eclissi solare totale dell’8 aprile 2024 promette di esercitare questa forza unificante in modo ancora più potente. Quest'anno quasi il triplo degli americani – più di 30 milioni – vive all'interno del percorso della totalità, e più della metà della popolazione statunitense vive a un giorno di macchina. Incoraggio quante più persone possibile a intraprendere questo viaggio e a mettersi in una zona di soggezione.

Il nostro Paese ha iniziato un altro anno di dura campagna politica, e ciò che sembra convincerlo è la rabbia e la divisione. Tuttavia posso dire che c'è voglia di qualcosa di più, di qualcosa di diverso.

Alla fine del mio ultimo discorso a Cleveland, un membro del pubblico mi ha inviato una domanda sul palco. “Sembra che l'eclissi riunisca molte persone”, ha iniziato. Perché non possiamo continuare in questi modi straordinari… dopo l'eclissi? Come possiamo trarne beneficio?

A quel tempo avrei desiderato avere la saggezza di un rabbino, perché non conoscevo la risposta. Ma forse porre la domanda è un inizio. Uno spettacolo di quattro minuti non riparerà il tessuto del nostro Paese lacerato da anni di sfiducia reciproca, ma se un numero sufficiente di noi si frapponerà all’ombra della luna l’8 aprile, l’eclissi potrebbe ricordarci l’unità che desideriamo raggiungere. riconquistare. Questo da solo potrebbe risolvere alcuni punti.

David Barron, ex corrispondente scientifico per la National Public Radio (NPR) e attuale capo del dipartimento di astrobiologia presso la Biblioteca del Congresso, è l'autore di American Eclipse: A Nation's Epic Race to Catch the Moon's Shadow and Win World Glory. Ha assistito a otto eclissi solari totali in cinque continenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto