Confine polacco: gli estranei lasciano carrozzine, seggiolini per auto, cappotti invernali e giocattoli per i rifugiati ucraini

Donne e bambini sono stati costretti a lasciare i loro genitori e fratelli dopo che il governo ucraino ha imposto la legge marziale, Ban tutti i cittadini maschi 18-60 A un anno dall’uscita dal Paese, secondo la guardia di frontiera.
Molti di questi che è fuggito Andarono in Polonia, nell’Ucraina occidentale, con grandi numeri Entrano anche Ungheria, Moldova, Romania e Slovacchia – e il viaggio, in molti casi, dura diversi giorni.

Arrivano quasi senza nulla.

Luce alla fine del tunnel

Questa simpatia saluta i rifugiati mentre scendono dal treno sul binario della stazione di Przemyśl.

I cittadini polacchi hanno lasciato i loro carrelli della spesa pieni di pannolini al binario della stazione ferroviaria di Przemyśl.

Passeggini, marsupi, giacche, giocattoli, peluche, pannolini e persino deambulatori per anziani riempivano l’area vicino alla ferrovia.

Passeggini per i rifugiati e i loro bambini in fuga dal conflitto dalla vicina Ucraina.
Piccole montagne di vestiti, scarpe, giacche e capispalla riempiono scatole di cartone fuori dalla stazione ferroviaria di Przemyśl nel centro di reinsediamento dei rifugiati.

Tutto è gratuito.

I volontari hanno detto alla CNN che la quantità di donazioni ricevute da persone in Polonia era enorme. La generosità sembra essere diffusa in gran parte attraverso il passaparola.

I sedili delle auto e delle compagnie di trasporto fiancheggiano il muro della stazione ferroviaria di Przemyśl.

Przemyśl è la prima stazione ferroviaria per i rifugiati che entrano in Polonia attraverso il valico di frontiera Medica. Chi entrava nel paese veniva accolto anche con passeggini, seggiolini per auto, vestiti e pannolini.

Lo sforzo di volontariato è diventato più organizzato nell’ultima settimana. Decine di volontari in giacca gialla, che parlano più lingue, aiutano i rifugiati in ogni modo possibile. Ora stanno ricevendo aiuto da persone di altri paesi europei.

    Pannolini, salviette per neonati e prodotti alimentari riempiono una stanza all'interno della stazione ferroviaria di Przemyśl.

E l’aiuto non è disponibile solo sotto forma di forniture materiali: alcune persone hanno alzato cartelli e offerto viaggi in vari luoghi in tutta Europa e volontari che aiutano i rifugiati a trovare un posto dove stare, sia che si tratti di una palestra scolastica o di famiglie che si sono offerte di accogliere donne e bambini.

Scatoloni pieni di giocattoli e peluche attendono i loro nuovi proprietari.

“Quello che temiamo è una seconda ondata di persone con una grande quantità di risorse e connessioni che saranno le più vulnerabili”, ha avvertito l’Alto Commissario delle Nazioni Unite per i Rifugiati, Filippo Grandi.

READ  Harris: gli americani dovranno sostenere alcuni costi dalla crisi ucraina con alti tassi di inflazione dei costi energetici

Scott McClain della CNN ha contribuito a questo rapporto.

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Stay Connected

0FansLike
3,376FollowersFollow
0SubscribersSubscribe
- Advertisement -spot_img

Latest Articles