David Chang e Momofuku smetteranno di applicare il marchio “chile crunch”.

Dopo giorni di reazione pubblica sull'imposizione del loro marchio “Chili Crunch”, un termine ampiamente considerato generico tra i produttori di condimenti asiatici, il famoso chef David Chang e la sua azienda Momofuku hanno invertito la rotta e hanno annunciato che non lo applicheranno più.

La nuova politica di Momofuku, come spiega la CEO Marguerite Mariscal Podcast con Chang venerdìsi corre il rischio che un'azienda più grande, come Costco o Trader Joe's, possa irrompere e produrre un prodotto simile con i nomi “chile crunch” o “chili crunch”, minando di fatto il valore del marchio.

In un annuncio inviato venerdì al Washington Post, un portavoce di Momofuku ha osservato che la società ritiene che il suo marchio, “Chili Crunch”, rifletta l'unicità del suo prodotto nella più ampia categoria di condimenti, “chile croccante”. Ma nel corso dell'ultima settimana, abbiamo ricevuto feedback dalla nostra comunità e ora ci rendiamo conto che il termine 'chili crunch' ha un significato più ampio per molti. Non abbiamo alcun interesse a 'possedere' la terminologia culturale e non applicheremo il marchio in il futuro”, ha scritto il portavoce nella dichiarazione.

“Questa situazione ha creato una dolorosa divisione tra Momofuku, la comunità AAPI a cui teniamo profondamente, e altre aziende che condividono gli scaffali dei negozi di alimentari”, ha scritto un portavoce dell'azienda, riferendosi alla comunità asiatico-americana e alle isole del Pacifico. “Ma la verità è che vogliamo tutti le stesse cose: crescita, successo e rendere i negozi e i supermercati americani un luogo più diversificato”.

Piace La notizia è stata riportata per la prima volta sul The Guardian il 4 aprile, Momofuku ha inviato lettere di diffida ai produttori che utilizzavano peperoncini croccanti nei nomi dei loro prodotti. Questa notizia è stata un duro colpo per i membri della comunità AAPI – e non solo.

READ  La Cina, il più grande produttore mondiale di grafite, sta limitando le esportazioni di materiali chiave per le batterie

Zhang e Momofuku sono stati accusati di bullismo nei confronti dei produttori a conduzione familiare con legami ancestrali con il condimento piccante oleoso e croccante, popolare in Cina e in altri paesi asiatici. Chang e la sua azienda sono stati denunciati per aver tentato di soffocare la concorrenza con un marchio che molti consideravano non abbastanza distintivo da meritare protezione legale. Il marchio Momofuku è stato più volte criticato in quanto “meramente descrittivo”. Ufficio brevetti e marchi degli Stati Uniti Dice “descrive un componente, qualità, proprietà, funzione, vantaggio, scopo o utilizzo dei beni o servizi specificati”.

L’inversione del marchio Momofuku è stata una gradita notizia per Michael Teo, fondatore e CEO di Homiah, una società con sede a New York. Se Homia avesse dovuto cambiare il nome del suo chili crunch – un condimento che risale a generazioni della sua tradizione Nyonya in Malesia – avrebbe rischiato di perdere i nuovi contratti firmati con Whole Foods e Target, ha detto.

“Sono felice di sentire che Momofuku ha fatto un passo nella giusta direzione e apprezzo il loro impegno a non far rispettare queste dichiarazioni”, ha detto Teo in un messaggio di testo al Washington Post.

Allo stesso tempo, Teo vorrebbe vedere Momofuku fare un ulteriore passo avanti ritirando il suo attuale marchio commerciale per “chili crunch” e ritirando la sua domanda per l’ortografia alternativa di “chili crunch”, che La società ha presentato domanda il 29 marzo. La società ha diritti di diritto comune su entrambi i termini, anche se al momento ne ha solo uno registrato a livello federale, hanno detto gli avvocati dei marchi e di Momofuku.

Nel suo podcast di venerdì, Chang ha detto di essersi reso conto che alcuni potrebbero aver visto la distinzione che hanno tracciato tra “crisi” e “fragile” quando hanno acquisito il marchio come “follia”. Ha detto di aver scoperto questa settimana di protesta che i termini “croccante” e “croccante” sono la stessa cosa in cinese.

READ  Sei persone sono state ricoverate in ospedale dopo che un volo della United Airlines per Newark è stato dirottato all'aeroporto di New York a causa di "forti venti".

“Con il termine 'Crunch', Momofuku può essere visto come un tentativo di appropriarsi di un pezzo di cultura e patrimonio cinese, che è l'esatto opposto di ciò che volevamo ottenere”, ha detto nel podcast. “E puoi anche vedere che stiamo cercando di spingere le persone fuori dallo spazio e cercando di, sai, essere un monopolio e non giocare bene.”

Momofuku ha acquistato il marchio “chili crunch” da Colonial Chili, una società con sede a Denver che possiede il marchio dal 2015. Colonial ha inviato una lettera di cessazione e desistenza a Momofuku poco dopo che Momofuku ha lanciato per la prima volta il “chili crunch” nel 2020. Ma invece di combatterlo , l'azienda ha collaborato con Colonial per acquistare il marchio. Secondo l'ufficio brevetti, Momofuku ha ottenuto il marchio l'anno scorso.

“Se avessi saputo o Momofuku avesse saputo che il 'chili crunch' era un riempitivo, fondamentalmente come un peperoncino croccante, non lo avremmo mai chiamato chili crunch”, ha detto Chang nel podcast.

Ma Chang ha detto di aver sentito colleghi chef e clienti arrabbiati per gli sforzi volti a proteggere il marchio. “Voglio scusarmi con tutti nella comunità AAPI che sono rimasti feriti o hanno sentito che li avevo emarginati o limitati a causa delle nostre azioni”, ha detto.

Nonostante la richiesta di Teo e altri, Momofuku manterrà il marchio Chili Crunch. Nel podcast, Mariscal ha affermato che Momofuku non può considerare il termine “crisi del Cile” come un termine generale. Ha anche affermato che potrebbe creare problemi una volta che non sarà implementato.

“Se abbandonassimo il marchio, domani chiunque potrebbe rivendicare il termine Chili Crunch, molto probabilmente un'altra azienda con le risorse e il desiderio di fare causa a chiunque utilizzi il marchio”, ha detto Mariscal. “Sebbene questa opzione sembri eccezionale, è difficile da implementare nella pratica.”

READ  La ricchezza di Trump sale a 6,4 miliardi di dollari ed entra nella lista delle 500 persone più ricche del mondo

Momofuku stava valutando diversi modi per gestire il marchio, ma alla fine la società ha semplicemente deciso di non applicarlo, anche se ciò avrebbe potuto portare un'azienda più grande a tentare di appropriarsene. “Il rischio per l'azienda è che qualcuno arrivi e dica che non lo sosteniamo e cerchi di prendersi il marchio”, ha detto. Ma “è un rischio che siamo disposti a correre”, ha detto.

Zhang ha paragonato il marchio all'anello del film “Il Signore degli Anelli”, di cui è quasi impossibile liberarsi. “Una volta compreso il potere di questa cosa, sembrava che dovessimo sbarazzarcene. Non possiamo usarla”, ha detto. “Ma non possiamo regalarla e non possiamo distruggerla”.

Intraprendendo questa azione, Zhang spera che la gente si renda conto che Momofuku non è una “compagnia malvagia e malvagia”.

“Quindi, per tutti i Trader Joe's e gli altri produttori di peperoncini croccanti là fuori, non ostacoleremo l'utilizzo di quel nome da parte di nessuno. Non accadrà”, ha aggiunto Chang. “Tuttavia, sono un persona abbastanza competitiva e credo davvero che il nostro prodotto sia unico e delizioso.” Ma auguro a tutti buona fortuna. Ci vediamo lì, che sia al supermercato o altrove.

Se qualcun altro ha un piano migliore, “siamo tutti orecchi”, ha aggiunto Zhang.

“Se c'è un ente di beneficenza che lo vuole, è fantastico”, ha detto. “Se riusciamo a capire come farlo e a impedire alle aziende multimiliardarie di farlo, sarebbe fantastico”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto