È morto all'età di 85 anni Richard Serra, scultore di opere d'arte monumentali

Richard Serra, creatore di alcune delle sculture più grandi e importanti – e talvolta più controverse – dell'ultimo mezzo secolo, è morto il 26 marzo nella sua casa di Orient, Long Island. Aveva 85 anni.

Il suo avvocato, John Silberman, ha detto che la causa era la polmonite.

A partire dagli anni '60, Serra guidò un cambiamento radicale nella natura della scultura, da elementi discreti appoggiati su piedistalli a installazioni che riempiono gallerie cavernose o ancorano estesi siti all'aperto. Il critico d'arte del New York Times Michael Kimmelman lo ha definito “forse lo scultore più originale e importante della sua generazione”.

Tuttavia, Serra ha affermato che le sue sculture – generalmente fogli di acciaio Cor-Ten arrugginito trasformati in spirali e ovali – le sue creazioni erano semplicemente un mezzo per raggiungere un fine. “Lo spazio è il mio argomento”, ha detto al presentatore televisivo Charlie Rose nel 2001. “Uso l’acciaio per organizzare lo spazio”.

Successivamente il signor Serra è esploso nella coscienza pubblica “arco obliquo” Uno schermo di acciaio arrugginito, lungo 120 piedi e alto 12, fu installato nel cortile di un edificio federale a Manhattan nel 1981.

I lavoratori dell'edificio si lamentarono del fatto che la statua rendeva difficile l'attraversamento della piazza e nel 1985 circa 13.000 persone firmarono una petizione per chiederne la rimozione. In un'udienza pubblica, l'opera è stata denunciata come “spazzatura”, “inquietante”, “crimine calcolato” e “rottame di ferro”.

Il signor Serra resistette, dicendo all’emittente televisiva Mark Miller nel 1982 che l’arte era “un capro espiatorio per la tensione politica che tutti hanno in questo paese”. Ha attaccato verbalmente funzionari governativi che, in un caso non correlato, gli hanno chiesto di posizionare bandiere su una statua nel Distretto di Columbia. E ha aggiunto: “Trovo del tutto riprovevole l’idea di ciò che questo Paese consuma in termini di arte”.

Nel 1989, la General Services Administration rimosse la statua di Manhattan, che da allora è rimasta in deposito. Ma se il signor Serra ha perso la battaglia, ha vinto la guerra. I suoi pezzi, venduti all'asta per più di 4 milioni di dollari, fanno parte delle collezioni della maggior parte dei migliori musei d'arte del mondo.

Per quanto riguarda la controversia sul “arco-taglio”, Serra ha detto a Rose che quando era giovane era “aggressivo, testardo e macho”. Ha aggiunto: “Ho sempre voluto essere rispettato per il mio lavoro, non per la mia personalità”.

READ  Dolly Parton rivela che suo nonno predicatore l'avrebbe punita fisicamente per il modo in cui si vestiva

“Sono cresciuto nella paura, nell’inganno”.

Richard Anthony Serra è nato a San Francisco il 2 novembre 1938. Suo padre, un tubista di un cantiere navale, era immigrato dalla Spagna. Sua madre era la figlia di immigrati ebrei di Odessa.

Nel 1992, quando il Sig. Serra espose un'opera intitolata “Gli annegati e i salvati” Nella sinagoga Stommeln di Pulheim, in Germania, scrive nel catalogo allegato: “Quando avevo cinque anni dicevo a mia madre: Chi siamo, chi siamo, da dove veniamo? Lei un giorno mi rispose: Se te lo dico, devi promettermi di non dirlo mai a nessuno, mai. Siamo ebrei. Gli ebrei vengono bruciati vivi perché sono ebrei”.

“Sono cresciuto nella paura, nell’inganno, nell’imbarazzo e nella negazione”, ha continuato Serra. “Mi è stato detto di non riconoscere chi sono, di non riconoscere chi sono.”

Da ragazzo, iniziò a disegnare per competere con suo fratello maggiore, Tony, che era “più alto, più grande e più forte”. Ha spiegato che il disegno era un modo per “fare appello all'affetto di mio padre”.

Ma gli oggetti 3D lo avevano già in schiavitù. Ha detto a Rose che suo padre una volta lo portò in un cantiere navale per assistere al varo di una nave. Serra ha detto che quando l'enorme nave è stata calata in acqua, si è reso conto che “un oggetto pesante può diventare leggero e questa quantità di carico può diventare ricca”.

Il signor Serra ha lavorato nelle acciaierie per poter frequentare il college, prima alla UC Berkeley, poi alla UC Santa Barbara, dove ha studiato letteratura inglese e ha conseguito una laurea nel 1961, ha detto in seguito il signor Serra al Times. “È stata una bellissima esperienza. Ho adorato la dimensione, il colore, il suono.

Continuò a dipingere nel tempo libero e uno dei suoi professori di letteratura a Santa Barbara gli suggerì di studiare arte alla Yale University. Ha ricevuto una borsa di studio per frequentare quell'università, dove ha incontrato Bryce Marden, Chuck Close, Robert Mangold e Nancy Graves, che sono diventati tutti pittori di successo.

Ha conseguito una laurea in Belle Arti nel 1962 e un Master in Belle Arti due anni dopo. Dopo aver viaggiato attraverso l'Europa, inclusa l'Italia, dove allestì una mostra di animali vivi e imbalsamati come mezzo per dichiarare la sua libertà di artista, nel 1966 si stabilì a New York. Lì era circondato da artisti che la pensavano allo stesso modo. Jasper Johns, il pittore espressionista astratto, commissionò uno dei primi pezzi del signor Serra.

READ  'Grande Fratello' Episodio 25: Cameron Harden finalmente ottiene l'ascia (per sempre), diventa primo giudice (riassunto)

Un giorno, il signor Serra venne a conoscenza di un deposito di diverse centinaia di tonnellate di gomma in eccesso, così spostò il materiale al piano di sopra della sua casa e iniziò a ricavarne delle sculture. Ha scritto un elenco di verbi – “rotolare, sollevare, appendere, rotolare, sostenere” e molti altri – e ha provato a eseguire ogni azione con la gomma. “Questa non è arte”, ricorda Graves, che sposò nel 1965, dicendogli.

“Penso che ci siamo lasciati nel giro di un anno”, ha detto a Rose.

Il signor Serra ha continuato a realizzare sculture con materiali non convenzionali. Gettò piombo fuso sulle pareti del Whitney Museum of American Art di Manhattan e riempì il Pasadena Museum of Art di sequoie. Quando tornò nel suo studio, creò una serie di pezzi “prop” in cui fogli di piombo o acciaio sono montati o bilanciati in modo da sembrare privi di peso.

Liberato dal basamento o dal muro, iniziò a creare pezzi pensati per essere vissuti oltre che visti. Il signor Serra ha spiegato che formavano “volumi di spazio” attraverso i quali le persone potevano camminare, attraversarsi e aggirarsi.

Nel 1966 fu assunto dal gallerista di Manhattan Leo Castelli. Castelli, che dava al signor Serra uno stipendio mensile, disse: “‘Richard, fammi un pezzetto che posso vendere’, e io dicevo: ‘Leo, pagalo’”, ha ricordato il signor Serra.

In effetti, i suoi pezzi diventavano sempre più grandi. La sua serie “Torqued Ellipse” è costituita da massicce lastre di acciaio curvate in “stanze” curve aperte verso il cielo. Ha detto di essersi ispirato in parte alla cupola della chiesa seicentesca di San Carlo alle Quattro Fontane a Roma.

Nel 1999, il critico d'arte Jerry Saltz, scrivendo per il Village Voice, fu incuriosito dall'idea “convertiti”, La scultura, composta da sei pannelli curvati in acciaio alti 50 piedi, è stata installata (con grande difficoltà) alla Gagosian Gallery di Chelsea. Notando che lo Switch pesa 324.000 libbre, ha scritto che “assomiglia a una cattedrale interna, a una forza della natura, a una fortezza o a un atto di arroganza”.

Nel 2005, “Una questione di tempo” Composti da otto massicci pezzi di acciaio, sono ora installati permanentemente al Museo Guggenheim di Bilbao in Spagna, contribuendo a risolvere un problema architettonico: una delle stanze del museo, progettata da Frank Gehry, era troppo grande per contenere quasi tutte le opere tranne quelle del signor Gehry. Camminare.

READ  Steve Harvey si scusa per il post comico poco divertente

Sebbene abbiano collaborato a questo e ad altri progetti, Serra ha affermato che architetti come Gehry sono stati celebrati per aver fatto le cose che sapevano fare meglio.

“Gli architetti utilizzano l'arte più avanzata del tempo per raggiungere i propri obiettivi”, ha detto a Rose. “La maggior parte di ciò che vedi in architettura sono idee annacquate degli scultori.” Ha detto che non è mai stato interessato a diventare un architetto perché non gli interessavano aspetti pratici come l'impianto idraulico. L’arte, ha detto, era “deliberatamente inutile”.

Ma se la sua arte era inutile, aveva comunque conseguenze nel mondo reale. Nel 1971, un operaio di 34 anni fu schiacciato a morte da una piastra d'acciaio di 2 tonnellate, parte di una scultura di Serra installata all'esterno del Walker Art Center di Minneapolis.

“Dopo l'incidente, la reazione contro di me personalmente fu incredibilmente dura”, disse Serra alla rivista francese Artistes nel 1980. Sono stato molestato, ridicolizzato e svergognato, e amici, altri artisti, direttori di musei, critici e galleristi mi hanno detto di smettere di lavorare. Ha fatto due cose: mi ha messo in analisi per sette anni e mi ha mandato in viaggio: ho lavorato in Giappone, Canada, Italia, Francia, Paesi Bassi, Germania, ovunque potessi trovare sostegno.

Il signor Serra ha lavorato anche come regista. Il suo cortometraggio del 1968 “Hand Catching Lead” mostra esattamente ciò che promette il titolo. Ha prodotto innumerevoli opere su carta, immagini sempre monocromatiche di forme geometriche. Alla Biennale del Whitney del 2006, Serra ha mostrato un disegno a matita di un prigioniero di Abu Ghraib con le parole “Stop Bush”.

Nel 1981, il signor Serra sposò la storica dell'arte di origine tedesca Clara Firegraaf. Oltre a Wiergraf, tra i sopravvissuti figurano due fratelli, lo scultore Rudolph Serra e Tony Serra, un famoso avvocato per i diritti civili che fece voto di povertà.

Nella sua conversazione con Rose, Richard Serra ha riassunto l'impatto del suo lavoro. Se si riescono a sfidare “i preconcetti delle persone su cosa sia il contenimento nello spazio, cosa sia il rilascio nello spazio, cosa sia il passaggio attraverso lo spazio, allora penso che valga la pena farlo”, ha detto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto