Gli scienziati potrebbero aver risolto un mistero riguardante le origini dei Neanderthal

Iscriviti alla newsletter scientifica Wonder Theory della CNN. Esplora l’universo con notizie di scoperte affascinanti, progressi scientifici e altro ancora.



CNN

Una nuova analisi di genomi antichi approfondisce la comprensione degli scienziati del DNA di Neanderthal trasportato da gruppi umani in Europa e Asia: tracce genetiche che oggi potrebbero avere un significato medico.

I risultati, pubblicati mercoledì sulla rivista Science Advances, tracciano l’eredità genetica Un antico parente della nostra specie, l’Homo sapiens, più precisamente, grazie a una massa critica di dati preziosi, secondo i ricercatori.

La maggior parte degli esseri umani viventi oggi può far risalire una piccolissima percentuale del proprio DNA ai Neanderthal, il risultato di incontri sessuali preistorici tra i nostri antenati e gli ominini dell’età della pietra ormai estinti, prima che questi ultimi scomparissero circa 40.000 anni fa.

Tuttavia, il DNA dei Neanderthal è leggermente più abbondante nei genomi degli asiatici orientali.

Questa discrepanza ha a lungo lasciato perplessi gli scienziati perché i resti di Neanderthal sono stati trovati ampiamente in tutta Europa e nel Medio Oriente, ma non a est dei Monti Altai in Asia centrale.

“Ciò che è sconcertante è che la regione in cui non abbiamo trovato resti di Neanderthal ha più DNA di Neanderthal”, ha detto il coautore dello studio Mathias Korat, docente senior di genetica ed evoluzione all’Università di Ginevra.

In media, il DNA di Neanderthal rappresenta circa il 2% del corredo genetico delle persone in Eurasia, mentre nell’Asia orientale può arrivare fino al 4%, ha detto Korat.

Korat e i suoi colleghi dell’Università di Ginevra hanno trovato una spiegazione a questa discrepanza analizzando la distribuzione del DNA di Neanderthal nei genomi umani negli ultimi 40.000 anni.

READ  Gli astronauti SpaceX Crew-6 della NASA lasciano la stazione spaziale dopo che l'uragano Idalia ha devastato la Florida

“Stiamo iniziando a ottenere dati sufficienti per caratterizzare in modo più accurato la percentuale di DNA degli antenati di Neanderthal nel genoma del Sapiens in determinati periodi della preistoria”, ha spiegato Korat.

I ricercatori hanno scoperto che nel corso del tempo, la distribuzione del DNA dei Neanderthal non è sempre stata quella attuale.

Il gruppo di studio ha estratto informazioni da A Banca dati Più di 4.000 genomi antichi provenienti da tutta Europa e Asia sono stati raccolti da un team guidato dal dottor David Reich, professore di genetica e biologia evolutiva umana presso la Harvard Medical School di Boston.

Per campioni più vecchi di 20.000 anni, i ricercatori hanno scoperto che i genomi dell’Homo sapiens dell’età della pietra, che visse come cacciatori-raccoglitori in Europa dopo l’estinzione dei Neanderthal, contenevano una percentuale leggermente più alta di DNA di Neanderthal rispetto a quelli che vivevano in Asia.

Il gruppo di studio ha quindi concluso che l’attuale modello di una percentuale più elevata di antenati di Neanderthal nelle popolazioni asiatiche rispetto a quelle europee deve essersi evoluto in una fase successiva, molto probabilmente durante il periodo di transizione al Neolitico, quando l’agricoltura iniziò a sostituire la caccia e la raccolta come attività. un mezzo di sussistenza… La vita da circa 10.000 a 5.000 anni fa.

In questo periodo, i primi agricoltori dell’Anatolia, in quella che oggi è la Turchia occidentale e il Mar Egeo, iniziarono a mescolarsi con i cacciatori-raccoglitori dell’Europa occidentale e settentrionale. Ciò ha comportato una diminuzione della proporzione del DNA di Neanderthal nei genomi europei durante questo periodo.

“Il fatto è che avevano meno antenati di Neanderthal, quindi hanno diluito (il lignaggio di Neanderthal) nella popolazione europea”, ha detto Korat.

READ  I fisici ribaltano il gatto di Schrödinger

Ha detto che non è chiaro come sia avvenuto questo cambiamento in Asia a causa della relativa mancanza di informazioni. Lo studio ha incluso 1.517 campioni provenienti dall’Europa rispetto a 1.108 campioni provenienti dall’Asia, un’area quattro volte più grande.

Tony Capra, professore associato di epidemiologia e biostatistica presso il Paccard Institute for Computational Health Sciences dell’Università della California, a San Francisco, ha affermato che la ricerca è “un esempio di una strategia entusiasmante e molto promettente per integrare l’analisi del DNA umano antico proveniente da diverse aree geografiche”. regioni.” Loci con genomi moderni per collegare punti evolutivi nel tempo e nello spazio. Non ha partecipato alla ricerca.

Alcune tracce genetiche lasciate dagli incontri con i Neanderthal potrebbero fare la differenza nella salute degli esseri umani moderni. Ad esempio, secondo uno studio del settembre 2020, il DNA di Neanderthal potrebbe svolgere un piccolo ruolo nell’influenzare il decorso dell’infezione da COVID-19.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto