Guerra di Gaza: un esperto di diritti umani delle Nazioni Unite accusa Israele di aver commesso un genocidio

  • Scritto da Imogen Foulkes
  • BBC News, Ginevra

Commenta la foto,

Il Ministero della Sanità di Gaza, diretto da Hamas, afferma che più di 32.000 palestinesi sono stati uccisi

Un esperto di diritti umani delle Nazioni Unite ha affermato di ritenere che Israele abbia commesso “atti di genocidio” a Gaza.

Francesca Albanese, relatrice speciale delle Nazioni Unite sui diritti umani nei territori palestinesi occupati, ha presentato martedì a Ginevra il suo rapporto agli Stati membri delle Nazioni Unite.

Ma Israele ha già respinto le sue conclusioni.

Ciò avviene nel contesto di una crescente pressione internazionale su Israele affinché fermi la guerra o compia maggiori sforzi per proteggere i civili.

La signora Albanese ha concluso che “ci sono ragionevoli motivi per ritenere che la soglia per il genocidio contro i palestinesi come gruppo a Gaza sia stata raggiunta”.

Prima che la signora Albanese potesse alzarsi in piedi, Israele ha respinto le sue scoperte, con il suo ambasciatore che le ha descritte come una “palese distorsione della Convenzione sul genocidio”.

Per anni, Israele è stato esasperato dall'agenda del Consiglio per i Diritti Umani delle Nazioni Unite, che dedica permanentemente un'intera sezione – Punto 7 – all'esame accurato della situazione in “Palestina e altri territori arabi occupati”.

Questo punto all'ordine del giorno non è stato approvato dalle stesse Nazioni Unite, ma dagli Stati membri delle Nazioni Unite, decenni fa, e non è mai scaduto. Nessun altro paese al mondo prevede un controllo permanente come questo, e Israele lo considera discriminatorio e mirato a delegittimare Israele. Si rifiuta di presenziare al Consiglio quando è in discussione il punto 7.

Ma molti paesi, soprattutto quelli del Medio Oriente, sostengono che la situazione – in assenza di autodeterminazione palestinese attraverso una soluzione a due Stati – richiede indagini continue, e ora che è scoppiato un altro conflitto, ciò è ancora più difficile.

Dopo il brutale attacco di Hamas contro Israele il 7 ottobre, la Albanese ha chiesto il rilascio degli ostaggi, e lo fa nuovamente in questo rapporto. In esso “condanna fermamente i crimini commessi da Hamas e altri gruppi armati palestinesi in Israele il 7 ottobre”.

Ma è stata anche esplicita nella sua critica al comportamento di Israele nella guerra a Gaza.

“Anatomia del genocidio”

Ecco perché il suo rapporto era atteso con impazienza e timore.

La scelta del titolo da parte della Albanese: “An Anatomy of Genocide” non è stata del tutto diplomatica. Molti Stati membri, soprattutto quelli che tradizionalmente sostengono Israele, si sentiranno a disagio.

Ma i relatori speciali delle Nazioni Unite, sebbene incaricati dalle Nazioni Unite di esaminare e fornire consulenza su situazioni specifiche, ne sono indipendenti.

Genocidio è un termine giuridico specifico e la relazione dell'onorevole Albanese suggerisce che determinati criteri giuridici siano soddisfatti.

Cita quella che sembra essere l'intenzione di Israele di distruggere i palestinesi come gruppo “in tutto o in parte”, una disposizione chiave della Convenzione sul genocidio.

In particolare vengono menzionati tre elementi che indicano la possibilità di un genocidio:

  • Uccidere i membri del gruppo
  • Causare gravi danni fisici o mentali ai membri del gruppo
  • Sottoporre intenzionalmente il gruppo a condizioni di vita destinate a distruggerlo fisicamente, in tutto o in parte

Il bilancio delle vittime a Gaza, che attualmente supera le 32.000 secondo il Ministero della Sanità di Gaza gestito da Hamas, i bombardamenti di aree densamente popolate e le restrizioni sugli aiuti umanitari (che secondo le Nazioni Unite hanno spinto Gaza sull’orlo della carestia), sono troppo alti. Il rapporto afferma che ci sono tutte le prove dell'intento di distruggere il gruppo.

Benvenuto palestinese

Basil Sourani, del Centro Palestinese per i Diritti Umani, ha accolto con favore il rapporto. Egli ha osservato che tutte le parti in conflitto hanno violato il diritto internazionale, ma ha affermato che il genocidio è un crimine grave che la comunità internazionale non può ignorare.

“Permettere che si verifichi un genocidio non colpisce solo i palestinesi… colpisce tutti gli esseri umani nel mondo”, ha affermato.

Se Israele sta commettendo impunemente un genocidio adesso, domani non sappiamo quale paese affermerà che Israele ha commesso un genocidio, e [therefore] “Posso commettere un genocidio senza responsabilità.”

Tala Nasser, un’avvocatessa palestinese per i diritti umani che si è recata anche lei a Ginevra per ascoltare il rapporto, ha espresso la speranza che il rapporto attiri maggiormente l’attenzione sul destino di quelle che secondo lei sono migliaia di persone arrestate da Israele a partire dal 7 ottobre.

Ha aggiunto: “Hanno arrestato più di 7.700 palestinesi”.

“L'ottanta per cento di loro si trova in detenzione amministrativa, il che significa che non è stata presentata alcuna accusa contro di loro.”

Ha notato che le loro famiglie non avevano contatti con loro e non avevano idea di dove fossero.

Non sorprende che i diplomatici israeliani siano arrabbiati. Il suo ambasciatore presso le Nazioni Unite a Ginevra, Merav Elon Shahar, ha definito il rapporto “un riflesso osceno della realtà” e ha accusato la Albanese di mettere in dubbio il diritto di Israele ad esistere.

Anche molti israeliani probabilmente rimarranno scioccati. Suggerire un genocidio nei confronti di uno Stato fondato come diretta conseguenza del genocidio degli ebrei commesso dalla Germania nazista causerebbe un grande insulto.

Sulla scia dell’attacco del 7 ottobre, e del fatto che molte famiglie israeliane stanno ancora aspettando notizie sui loro cari tenuti in ostaggio, è difficile sentire una condanna così schietta.

Anche Noam Peri, il cui padre Haim è stato preso in ostaggio, si è recato a Ginevra. Il suo obiettivo, ovviamente, è non dimenticare suo padre.

“Mio padre è stato rapito da casa sua”, ha detto.

“È una persona di 80 anni che era seduta a casa sua con mia madre, è stata brutalmente portata via da lì e da allora è scomparsa. Non ha contatti con nessuno al mondo.”

Ma come ha dimostrato il voto di questa settimana a favore di un cessate il fuoco immediato nel Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite, gli stati membri stanno perdendo la pazienza nei confronti del comportamento di Israele durante la guerra.

Diverse agenzie umanitarie delle Nazioni Unite di tutto rispetto hanno avvertito che nessun posto a Gaza è sicuro, che le famiglie ora mangiano mangime per animali o erba e che le amputazioni sui bambini vengono eseguite senza anestesia.

Tutti dicono che Israele sta limitando le forniture di aiuti vitali, e i governi cominciano a dubitare dell'affermazione di Israele secondo cui le Nazioni Unite sono responsabili dei ritardi.

A molti non piacerà la scelta delle parole di Francesca Albanese, ma il contenuto del suo rapporto aumenterà la pressione su Israele affinché cambi strategia.

READ  Attivazione per la prima volta della Forza di risposta della NATO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto